Questi cambiamenti che significato hanno

Gentilissimi dottori.
Mi sono rivolta di nuovo al centri dca, dicendo che la mia alimentazione è migliorata, ma forse non hanno dato importanza a ciò che ho detto visto che il mio fisico è uguale allo scorso anno. Mi hanno proposto la residenza al centro e presto mi chiameranno.
Solo che sono stata una settimana dal mio ragazzo e ho avuto una grande fame. Dopo aver sentito il mio ragazzo dire "ah ha mangiato tanto, bene" oppure "basta non mangiare altrimenti non mangi a pranzo" mi è scattato qualcosa. Torno a casa mia e mi impongo ( solitamente mi veniva spontaneo) invece decido volontariamente di mangiare poco...anche se la fame ce l'ho. Tipo mangio un po' a colazione e poi a cena, oppure mangio un bel piatto di pasta uno spuntino e poi mi fermo, non devo mangiare più nulla. Eppure è strano, io non ho paura di ingrassare.
In più ho paura di sentirmi a disagio al centro...appunto perchè non credo di rispondere ai classici comportamenti di un'anoressica. Forse non dovrei andare,non so...sono cosi confusa :(
[#1]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Cara ragazza,
Il comportamento di un'anoressica invece e' proprio il Suo.
Ma come Le dicevamo nello scorsa richiesta di consulto il rapporto con il cibo e' solo un sintomo.
L'anoressia e' una questione complessa che riguarda il rapporto che Lei ha con se' stessa.
Quindi sarebbe meglio che Lei si affidasse ai terapeuti che la prenderanno in cura senza dubbi.
I migliori saluti.

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie gentile dottoressa.
Ma se non ho paura di ingrassare, perchè il mio cervello vuole bloccarmi la fame? Forse mi sto fissando su questa storia?
[#3]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Cara Signorina,
L'anoressia e' un'espressione complicata di un disagio psicologico e somatico.
L'appetito e' solo una parte di esso.
Non si concentri su questa unica dimensione, perche' ne perderebbe di vista altre ancora piu' significative.
Mi faccia sapere!
[#4]
dopo
Utente
Utente
e che non riesco, ultimamente mi sto fissando troppo sui comportamenti che ho verso il cibo, tipo ultimamente ho notato che ho avuto giorni in cui ho mangiato fino a scoppiare, anche se ero piena continuavo a mangiare, patatine, biscotti e cioccolate, e cerco di non farmi vedere quando mangio, che sia poco o tanto. Mi irrita la domanda "hai mangiato?"!! Ho paura di questi miei comportamenti :(
[#5]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile Signorina,
Dispiace vedere che Lei prosegua ad arrovellarsi nei dubbi senza "accettare" (e' il verbo che meglio indica cio' che dovrebbe costituire il Suo obiettivo) che i "disturbi del comportamento alimentare" sono denominati cosi' perche' possono essere molto diversificati.
Il cibo diventa un "medium" fra il proprio corpo e l'immagine psichica di se'.
Quelle che Lei vorrebbe "gestire" sono dimensioni che dovrebbe esporre in terapia.
La invito pertanto ad accogliere l'esigenza che le viene segnalata con fiducia.
I migliori saluti.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Va bene...la rigrazio, non mi resta che aspettare allora!!
Cordiali saluti gentile dottoressa.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio