Ansia,agorofobia e problemi

Buongiorno.
In questo periodo sto vivendo un problema che mi crea ancora più stress, perchè avendo problemi di ansia e agorofobia, i miei famigliari non vogliono ascoltarmi e non credono alle cose che dico, dopo 12 anni di ansia solo l'anno scorso mia hanno accompagnato con auto a fare esami e visite o standomi un pò vicino, ma perchè ho agorofobia. Dal 2012 sono peggiorata con i distrubi che avevo a causa di stress per colpa di due miei famigliari, poi la mia famiglia di origine è la causa della mia ansia iniziata nel 2001, solo questi famigliari frequento e ogni volta che li vedo mi viene anche l'ansia. Dal 2013 sono in cura per l'ansia e vertigini dal neurologo ed ero migliorata che con l'agorofobia. Poichè vivo in un paese e nella provincia hanno rovinato la sanità, non ci sono più vari specialisti e bisogna andare più lontano per fare anche semplici esami, ma io ho bisogno di essere accompagnata con auto. Nel 2013 perchè non potevo muovermi di casa telefonavo a un centro CSM di una città e un psicologo provato del mio paese ma erano evasivi e non mi davano risposte. Non posso fare psicoterapia o andare dallo psichiatra. Ho chiesto consiglio al mio medico due volte, su cosa devo dovrei fare, se andare dallo psichiatra o fare esami per i disturbi che ho,ecc.Ma lui dice che non devo fare niente devo solo andare dal neurologo per un controllo e basta, ma anche questo da settembre devo aspettare a gennaio che ne mettano un altro nel mio paese. I miei famigliari, io sono donna e non sono sposata e vivo con un fratello e sorella celibi, gli altri famigliari quando gli parlo che ho sintomi tutti i giorni e se devo fare esami, loro dicono che è l'ansia, ma perchè non mi vogliono accompagnare, non vogliono che vada dal medico o che faccia le passeggiate per guarire dall'agorofobia, per loro devo stare solo a casa e basta e non lamentarmi e vivere così.
Ieri ho detto che volevo andare a fare un semplice esame del sangue per controllare il colesterolo perchè da molto che non lo faccio e da molto ho il fegato grasso, ma nemmeno questo. Mi ha fatto deprimere ancora di più, non mi ascoltano e dicono che mi lamento sempre. Ma io so che è l'ansia e ipocondria ma sto male spesso perchè oltre all'ansia ho altri disturbi come allergie a pollini e polvere e altre cose,sindrome premestruale,colon irritabile,leggera depressione e insonnia cronica e cervicale e altri disturbi, si mischiano insieme e mi fanno stare male spesso, per alcune cose ho fatto esami ma per altri no. Forse il peggioramento è dovuto anche alla s,premestruale, ho 46 anni e da 5 anni ho questo disturbo ed è da allora che ho più problemi. ma lo psicofarmaco che prendo il primo anno mi aveva fatto passare la sindrome.
I miei famigliari non mi ascoltano, vado a scrivere su un forum e mi dicono il contrario che devo fare esami e su esami,ecc. Dal neurologo mi trovo bene e anche la terapia va bene.
Non posso andare da psicologi o fare psicoterapia.
Cosa posso fare?

Grazie.
[#1]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Cara Signora,
La situazione che descrive sembra idonea ad essere presa in carico da un Centro di Salute Mentale.
E a questa presa in carico dovrebbe cooperare il Suo medico di base.
Se la indirizza dal neurologo chieda il suo aiuto anche per una psicoterapia tramite ASL.
Lei sembra escludere qualunque tipo di terapia e questo certo non prelude ad un miglioramento.
Riguardo il rapporto con i Suoi familiari dovrebbe anch'esso essere analizzato in una terapia.
Purtroppo senza terapie non si ottengono miglioramenti.
Deve attivarsi per farle gentile Signora!
E' questo il consiglio che mi sento di darLe.
I migliori saluti e auguri!

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#2]
dopo
Utente
Utente
Anni fa ero andata da una psicologa dell'ASL e la prima cosa che dissi è che volevo fare psicoterapia invece mi mandò dallo psichiatra che mi prescrisse tre psicofarmaci, ma non li presi e l'ansia mi passò per alcuni anni.
Avevo telefonato a una psicologa privato del mio paese e niente. Nella città vicina c'è un centro di CSM, ma pure avevo trovato problemi nel telefonare. Il mio problema principale è che ho la fobia di uscire e non posso andarci liberamente e da sola, quando parlo di queste cose ai miei famigliari dicono che l'ansia e non mi credono e non mi vorrebbero accompagnare e non mi capiscono e non posso sempre farmi accompagnare.Sono andata due volte dal mio medico per chiedere se dovrei andare da psichiatra o psicologo e ha detto di no,
E' come se non mi credono, io la fare la psicoterapia, ma nel paese dove vivo non si può fare e dovrei andare in altre città ma non mi posso accompagnare,
Fino a luglio facevo grandi sforzi per migliorarmi e attuavo comportamenti diversi per migliorare e miglioravo e i miei famigliari non condividevano nemmeno. Dicono tutti che so solo lamentarmi e non vogliono nemmeno che mi curi, neanche che preda le medicine. Se continuo a parlare di queste cose ai miei famigliari non mi ascoltano.
Il problema principale è la fobia di uscire e problemi logistici per andare nei luoghi.

Quando andrò dal neurologo chiederò a lui, già gli volevo fare varie domande.
[#3]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Utente,
Anche io, come la Collega, penso che la sua condizione clinica vada gestita in maniera olistica da un centro di salute mentale.

Dal suo nutrito numero di consulti online, si evince e sofferenza, si faccia aiutare davvero.

Auguri per tutto.

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio