Utente 542XXX
Mi presento, mi chiamo Francesca ed ho 28 anni... Da circa un mese soffro di crisi acute di ansia sfociate spesso in attacchi di panico.. Prima di parlare dell'ultimo periodo voglio raccontare brevemente la mia vita. Sono figlia di genitori divorziati e vivo nella città dove studio. Mio padre se n'è andato che ne avevo 10 e non si è mai interessato della mia vita ma avevo mia mamma sempre presente e pronta a darmi tutto ciò di cui avevo bisogno tranne la libertà di essere piccola e non pronta per potermi assumere tutte le responsabilità che lei indirettamente chiedeva essendo io primogenita...mia mamma ha una malattia genetica e spesso è stata operata ed io più volte ho avuto paura di perderla... Sono cresciuta in fretta mi sono diplomata e mi sono iscritta all'università ma il mio più grande desiderio era andare via, essere indipendente pur non avendo grandi aspirazioni.. Ma non ho voluto proseguire e mi sono iscritta ad una scuola di estetica, mi sono diplomata ed ho iniziato a lavorare. Anche se all'inizio ero felice perché guadagnavo, dopo un po' mi sono chiesta se era quella la mia strada, anche dopo aver scoperto di avere ereditato la malattia genetica di mia mamma, e dopo tante delusioni ho scelto di iscrivermi di nuovo all'università lottando e scappando di casa per avere una camera nella città dove studiavo obbligando mio padre a darmi un sostegno economico che mai ho ricevuto da quando è andato via, perché non mi sentivo più libera,mia mamma stava diventando ossessiva nei miei confronti ;tutto questo nel 2016 ed ora mi mancano 4 esami alla laurea. Sono fidanzata da 8 anni e 2 anni fa ho scoperto da lui, dopo esserci lasciati, di essere stata tradita sempre ed io ho deciso di perdonarlo pur non riuscendo ad elaborare la situazione... Sono andata In terapia perché ho iniziato a soffrire d'ansia per la mia famiglia, appena mi accorsi che cominciavo a star bene lasciai la terapeuta per un'altra ad indirizzo analitico perché non riuscivo a capire cosa avessi dentro ma a lungo andare i soldi finivano e per me era diventata più una preoccupazione che altro... E lasciai anche questa possibilità.. Ora volevo dirvi che Nella mia vita ho fatto di tutto ho viaggiato sola, portato la macchina ovunque, preso mezzi e mi sono sempre buttata a capofitto nelle situazioni, lavoro e studio e aiuto anche mia mamma quando torno a casa da dove vivo dato che mia sorella si è trasferita a gennaio in un'altra città...in casa ero sempre io a fare le cose da quando ero piccola ma un mese fa mentre andavo a prendere il mio fidanzato in autostrada ho avuto un forte attacco di panico mi sono fermata spaventata a morte e dopo una ventina di minuti mi sono messa alla guida... Da allora la mia vita è cambiata non riesco più a fare nulla da sola, non prendo più la macchina da sola, non sto più andando a casa mia perché ho paura di rimanere in casa sola, non riesco più a prendere i mezzi pubblici... Ho ripreso la terapia

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

"Ho ripreso la terapia.": quale delle due?

Saluti cordiali.
dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Cognitivo-comportamentale