Utente 129XXX
Cerchero' di sintetizzare il tutto x non essere troppo dispersivo.
Da quasi due anni soffro di tensioni muscolari alle gambe come se avessi fatto degli esercizi di allungamento, questa tensione muscolare che mi prende entrambe le gambe non e' sempre costante, a volte l'avverto in modo violento tanto da darmi fastidio e a volte invece e' leggera.
Ora mi sono prima rivolto ad un neurologo che mi ha detto che si tratta di depressione mascherata, poi non sicuro della diagnosi me ne sono rivolta ad un'altro che invece mi ha consigliato un reumatologo. BEne da quel momento non si e' capito nulla ho avuto la bellezza di quattro diagnosi diverse dalle entesiti multiple trattate con celebrx per tre mesi senza alcuna risposta poi la diagnosi di sindrome da stanchezza cronica, poi da un'altro reumatologo la fibromialgia e poi ancora la spondiloartrite sieronegativa.
Ebbene preciso che in entrambi le diagnosi ho effettuato terapie dai cox2 per msi interi a salazopirina x 4 mesi senza alcuna risposta.A questo nell'arco del tempo si sono associati degli altri disturbi, sento a volte freddo poi ho dolore al torace tachicardia e sudorazione fredda senso di svenimento come se sistesse abbassando la pressione insomma oltyre alla normale tensione sono nati anche questi altri sintomi.
Ho fatto diversi esami del sangue tutti negativi tranne ultimamente un po il TAS alto 400 effettuatio TAC e RMN e anche scintigrafia che vi allego il risultato
L'esame sistemico dello scheletro, eseguito in proiezione anteriore e
posteriore "total body", evidenzia iperaccumulo del radiocomposto in
corrispondenza delle articolazioni scapolo-omerali, dei carpi, di alcuni
metameri del rachide e delle sincondrosi sacro-iliache da riferire a patologia
osteo-articolare benignaOra da questo esame la mia reumatologa dice che si tratta di spondiloartrite ,e adesso vuole darmi il metroxate che io ho rifiutato di fare visto che ormai qui si va ad indovinare.
In efetti questo farmaco e' molto impegnativo e siccome io non ho gonfiori edemi senso di zona calda o altro non credo sia consigliabile farlo
A questo punto vi chiedo di darmi un consiglio che devo fare?????

[#1] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
potrebbe semplicemente avere la sindrome della gambe senza riposo.. sensibile semplicemente ad acluni integratori... primo eseguire un buon controllo ematochimico con sodio magnesio potassio e calcio, poi un bell'esame doppler artero venoso ed eventualmente anche una elettromiografia, ma la cosa migliore é andare da un buon medico esperto di semeiologia che riesca a capire come é la sua situazione clinicamente.
Altro esame da fare ad escludere un morbo di Voin Betcherew é la ricerca dell'anticorpo anti HLA B 27 antigene di istocompatiblità e rifare uno studio delle sacroiliache da un buon radiologo.

[#2] dopo  
Utente 129XXX

Grazie x la risposta Dr.GASTALDI, visto che come leggo lei e' specialista in reumatologia le dico semplicemente che di esami ematochimici ne ho fatti tanto sia il NA che K che il CA che il MAG sono nella norma gli indici flogistici VES PCR e RT sono normalissimi, di elettromiografie ne ho fatte due tutto normale, di studio sulla sacroiliache ho solo il referto di quella scintigrafia.
Onestamente non so + che fare, che mi consiglia ancora??
Orami ho fatto diversi mesi tra CELEBREX TAUXIB e salazopirina senza arrivare a nulla, non ho edemi gonfiori e calore alla zona interessata cosa diavolo potrebbe essere!!!!!!
Inoltre le vorrei chiedere se fosse artrite questa si manifesterebbe con i miei stessi sintomi??
Con tensione alle gambe a volte presente e a volte no???
Poi adesso accuso anche dolore al torace tachicardia improvvisa e sudorazione , poi senso come se il sangue gelasse, insomma una bella gatta da pelare

[#3] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
Non penso che si manifesterebbe così ma. Adesso per la sindrome delle gambe senza riposo si usano nuovi integratori, banali integratori ma non sono né potassio né magnesio.
Un integratore molto efficace é il cellfood che contiene il deuterio, ovvero l'isotopo non radiaoattivo dell'dirogeno e 17 aminoacidi
www.cellfood.it
Una altra alternativa potrebbe essere cercare un centro medico che utilizza la biorisonanza magnetica pulsante in cui non é piu' necessario sapere che malattia é, ma che tessuti sono coinvolti. La risonanza che sfrutta il principio del dominio di coerenza utilizza l'effetto diapasono per far risuonare nuovamente i gruppi molecolari, cellulari e organi e tessuti che affetti da patologia, non risuonanno piu' correttamente modificando le loro funzioni metaboliche e con queste anche i segnali magnetici del dna che servono per la sintesi delle proteine e tutto cio' che a questo si correla.
Se si riesce a verificare quali tessuti e strutture sono coinvolte, si applicano le frequenze alterate e seguendo dei protocolli ammessi dal ministero della salute è possibile proporre questa terapia che per lo meno non ha effetti collaterali.
Una vecchia lista dei centri é sul sito dell'asbimen che trova con google; quella lista é superata, ma almeno dei riferimenti li trova.
Se le interessano notizie ulteriori me lo chieda.
Comunque in caso di dubbio di spondilite val la pena di fare quella tipizzazione che viene eseguita in molti centri.

Potrebbe in effetti essere il morbo di von betcherew o spondilartrite anchilopoietica, ma per saperlo sarebbe logico fare la tipizzazione dell'antigene di istocompatiblità HLAB 27 che ha una positività di oltre il 90% nei portatori dei quella malattia.

[#4] dopo  
Utente 129XXX

Grazie nuovamente x la pronta risposta.
MA a questo punto mi sorge un dubbio sulla diagnosi delle gambe senza risposo.
Se avessi tale patologia dovrei avere sempre le gambe stanche( non crede) invece no, poi la notte se sto a riposo non ho nulla invece so che chi a questa patologia ha continui movimenti notturni incontrollati e crampi.
X l'antigene hbla27 questo lo faro' ma devo cercare un centro qui a Napoli ( provincia che lo faccia)
Del resto poi chiedevo come mai non mi hanno mai parlato di tale risonanza , anche io ne ero all'oscuro.
Cmq se hbla27 uscisse negativo toglierebbe ogni dubbio su malattia reumatica????
A questo punto se fosse cosi' che potrebbe essere???
Mi viene in dubbio che potrebbe dipendere dallo stress qualche depressione che cmq io nn manifesto , insomma e' veramente una cosa strana

[#5] dopo  
Utente 129XXX

Ho fatto anche un eco ai muscoli e tendini che risulta nella norma.
Insomma sta tensione muscolare che ho alle gambe se fosse attribuita da prb reumatologico come si chiamerebbe e che cure ci sono??
E poi se fosse un prb reumatico la tensione ai muscoli ha questa discontinuita'??
Con giorni piu' presenti e momento meno presente???

[#6] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
Proprio all'asl 3 di Napoli sanno cos'è e la utilizzano. Il dottore che la segue é il dottor Ferdinando e partirà anche un progetto di ricerca in quella asl unica abilitata a fare ricerca.
Comunque se cerca il sito dell'asbimen puo' vedere di che si tratta.http://www.asbimen.org/
Qui c'è anche il file in zip del primo congresso e alcuni lavori di ricerca ormai superati, ma ancora validi per capire di che terapia si tratta. Approvata dal ministero della salute e inserita nelle nuove metodiche di magneterapia come tecnologia innovativa.
Potrebbe anche trattarsi di squilibri che a cascata si automantengono... L'esame clinico diventa fondamentale.

[#7] dopo  
Utente 129XXX

Scusi avrebbe il nome completo di questo dott visto che io conosco bene la ASL 3 e' la mia ASL di apparteneza
MA questo Doitt Ferdinando nn lo conosco e poi scusi che tipo di specialistica ha??
Dove lavora a Via PAdre Mario Vergara !!!!!!

[#8] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
Si chiama Ferdinando Cristiano e gestisce gli ambulatori di agopuntura dell'asl 3; so che é una grossa struttura dalle cui finestre si vede il vesuvio, ma non mi chieda la via perché non la conosco.
E' una delle poche asl dove sono riusciti ad inserire l'agopuntura nei LEA, ovvero si esegue in regime di ticket.

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile Signore,
chiedo scusa se mi intrometto in un campo non mio, ma è solo per tentare di dare un modesto contributo, quanto meno per una prospettata diagnosi differenziale.
Fermo restando comunque che ogni diagnosi a distanza è impossibile e pur non entrando nel merito di quanto i colleghi Le hanno egregiamente consigliato e suggerito, mi permetto solo di far presente che la sindrome delle gambe senza riposo ha manifestazione e caratteristiche diverse da quelle che Lei forse un po' genericamente riferisce.
Tale sindrome infatti si manifesta con un incontrollabile bisogno di muovere le gambe(in rari casi le braccia), associato spesso a formicolii, prurito e crampi, in assenza di sintomi dolorosi quasi mai presenti.
Tali sintomi peggiorano con il riposo, tanto che i pazienti ottengono un certo sollievo muovendo gli arti interessati.
Da quanto Lei ha riferito non mi sembra che questi siano i sintomi.
In ogni caso è doversoso proseguire con gli accertamenti indicati dai colleghi.
Cordialità ed auguri.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#10] dopo  
Utente 129XXX

Grazie anche a lei x il suo contributo Dott Migliaccio infatti come dicevo anche io nei messaggi precedenti rispondendo al Dott Gastaldi io escluderei categoricamente la sindrome delle gambe senza riposo, xche' e' tutt'altra patologia e tutt'altri sintomi.
In ogni caso ho fatto anche una visita da un neurochirurgo tempo fa uno che parla anche x radio DE FALCO che mi fece fare una RMN colonna in toto ma che poi non e' servita a nulla xche' anche se dalla TAC usciva una sofferenza discale L5 S1 con una lieve protusione che preme nel canale midollare poiconfermata anche dalla RMN lui mi disse che questo tipo di sintomo che ho io non era da attribuire a tale problematica avrei avuto avre un dolore tipo lombosciatalgia ad una sola gamba cosa che invece io non ho.
Come spiegavo e' una tensione senso di crampo ai muscoli delle gambe con a volte senso di bruciore o di mille aghi che ho alle gambe che a volte e' piu' forte e a volte scompare come a volte lo tengo ad una sola gamba e poi mifra ad entrambe
Insomma una bella gatta da pelare ed io intanto mi sento scusate il termine uno SCHIFO totale
DA chi mi potrei rivolgere !!!!!!!!

[#11] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
Il problema é la diagnosi; per arrivare alla diagnosi, é fondamentale avere un bell'esame clinico, farsi un'idea o meno del paziente, stilare una lista di diagnosi differenziali e verificarle. Nel quadro qualcosa di patologico é stato riscontrato ovvero una scintigrafia ed in particolare un livello: le sacroiliache. Una sacroileite puo' anche determinare sintomi tipo i suoi, anche se non é automatico. Altro dato, la presenza di una ernia discale, verificata sia da tac che da rmn, ma mi corregga, eseguita con paziente in posizione supina, ovvero con paziente sdraiato. Non risulta eseguita una EMG. Nel campo ernie discali, abbiamo anche le ernie cosidette migranti e che dipendono dalla postura per cui non é detto che un'ernia dia esclusivamente una sciatica monolaterale. Se impegnasse un forame di coniugazione di un lato sarebbe logico, ma non ho visto un referto in tal senso. A volte, non sono rilevabili ernie, eseguendo lo stesso esame in ortostatismo, ovvero in piedi, il peso del tronco sulla colonna puo' far uscire ernie che rientrano in clinostatismo (ovvero da sdraiati). E' per questo, ma anche per altri motivi, che oggi sono a disposizione delle TAC e risonanze verticali e anche aperte per i noti problemi di claustrofobia.
Riassumendo: abbiamo una sacroileite da chiarire e per questa l'esame clinico diventa fondamentale come pure l'esecuzione di un HLAB 27, a confermare o escludere l'esistenza di una malattia reumatica tipo il morbo di Von Betcherew o pelvispondilite anchilopoietica chiamata anche con altri nomi diversi, ma sempre facente parte delle malattie reumatiche in senso stretto e sensibili alla terapia che le é stata proposta che, se é stata proposta, sicuramente avrò dato qualche indizio clinico di esistenza, e un esame elettromiografico agli arti inferiori e un esame ecocolordoppler agli arti inferiori per terminare le indagini. Se tutto questo risultasse negativo, compresi gli esami ematochimici che per brevità non sto qui ad elencarle, a quel punto si curano i sintomi con terapie fisiche e integratori e farmaci verificando la sua risposta e modifca della terapia in base ai risultati ottenuti.
So che é antipatico dire che a volte o spesso, come preferisce, i medici brancolano nel buio e vanno per tentativi, ma se una malattia non viene chiaramente identificata, l'altro modo per poter aiutare il paziente a ritrovare il benessere é concentrarsi anche sui sintomi.

[#12] dopo  
Utente 129XXX

Dott Gastaldi grazie sempre x le risposte e mi scusi se sto approffittando della sua buona disponibilita'.
Allora come diceva nel suo messaggio precedente vanno fatti chiaramente prima degli esami diagnostici e poi ematochimici , allora la RMN lo fatta la TAC lo fatta anch'essa le EMG ne ho fatte due negative l'ecolordopler arterioso e venoso e' negatico eco tendini e muscoli negativa esami del sangue se intende Rt WALER ROSA PCR EMocromo NA K CA MAG FOSF tutti nella norma niente sballato.
Ora resta da aggrapparsi solo alla scintigrafia di cui ho allegato referto la TAC che parla di questa protusione e la RMN che la conferma, del resto nn so piu' che fare
Se vuole ed e' disponibile le posso inviare i referti della scintigrafia li hi su DVD le invio un file compresso li ci sono immagini e referto e se vuole anche i referti della TAC e RMN solo li nn ho immagini ma solo referto
PEccato siamo lontani altrimenti potevamo confrontarci da vicino
Grazie sempre x la disponibilita

[#13] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
Scusi se riprendo... prima va fatta una attenta anamnesi la piu' completa possibile, poi un esame clinico completo generale e specialistico... poi si chiedono esami di laboratorio radiografie e poi eventualmente TAC ed RMN che sono gli ultimi esami da richiedere perché spesso essendo troppo sofisticati portano fuori strada specie per quanto riguarda cuffia dei rotatori, menischi ed ernie discali. Questo é il mio ordine. Nel frattempo si cerca di dare il massimo benessere al paziente con terapia sintomatica sperando di riuscire poi a trovare la causa e così si passa alla terapia causale vera e propria. Si tenga conto che spesso si assiste a guarigioni spontanee per cui l'importante é non correre con terapie azzardate precoci senza avere la sicurezza diagnostica. L'urgenza é urgenza, poi deve essere ripresa la routine con le modalità classiche ma un minimo di sicurezza diagnostica e, se manca, avere l'accortezza di inviare ad altri piu' competenti o di ricorrere al dimenticato consulto.
la mia email la ritrova nella mia scheda per cui faccia pure.

[#14] dopo  
Utente 129XXX

Detto fatto controlli la sua posta e mi facci sapere se e' arrivato
Li ci sta solo la scintigrafia x la RMN e TAC posso scannerizzare i fogli oppure mi puo' mandare un numero di fax che gli e' l'invio li
1000 grazie

[#15] dopo  
129569

Cancellato nel 2009
ho il file... adesso comincia la guerra col PC.... spero di riuscire a seguire le precise istruzioni che mi ha mandato per fare quello che mi ha detto. Penso che lei sia esperto di pc... Non sarebbe male se anche gli esperti di PC facessero un qualcosa tio questa che i medici hanno fatto per i pazienti, per i medici quando gli si impalla il pc....
Approfitto dello spazio per congratularmi con i colleghi per l'aver messo in piedi questo form telematico anche per poterci scambiare opinioni da lontano.

[#16] dopo  
Utente 129XXX

Scusate ma chi Reumatologo vorrebbe continuare la discussione visto che il Dott precedente e' somparso dal forum??