Utente 826XXX
salve,
tento di riassumere la mia storia:

inizia tutto alla fine di agosto con un fortissimo mal di testa per una sola notte, il giorno dopo febbricola ,dopo qualche giorno compare dolore ai bulbi oculari(o meglio alle ossa intorno agli occhi) che si acuisce spingendo lo sguardo agli estremi del campo visivo, il dolore sara acuto per alcuni giorni per poi diminuire e quasi scomparire (lo avverto appena volgendo lo sguardo)
compaiono placche alle tonsille( soffro di tonsillite cronica e tonsille criptiche,sono in attesa di tonsillectomia)assumo amoxicillina e i sintomi sembrano scomparire.
il 25 settembre ricompare la febbricola e il dolore ai bulbi oculari molto piu lieve di prima.supponendo sinusite (poi smentita da 3 visite otorinolaringoiatriche)il mio medico prescrive altri antibiotici e aerosol.
il dolore passa e la febbricola va e viene; compare dolore al collo soprattutto spingendo la testa all' indietro
il 10 ottobre sembra tutto ok eccetto a volte la febbricola e lieve dolore oculare ma ho un episodio vertiginoso ( perdo del tutto l equilibrio per un attimo) , da li ho un senso continuo di instabilità soprattutto in penombra che perdura per 2 settimane poi regredisce si mantiene lieve e saltuario per altre 2 settimane e poi scompare ; ad esso si associava tinnito e senso di ovattamento soprattuttto all orecchio sinistro e leggera nausea; otorino esclude meniere.
verso la meta dinovembre sto bene , ho solo astenia a volte febbricola37e1 e a volte vampate di calore.
i primi di dicembre torna lieve dolore oculare ,la visita oculistica rileva aggravamento della miopia e occhio secco test shirmer 15 sx e 5 dx
Non avevo mai avvertito secchezza in precedenza ma da li nel giro di una settimana il sintomo diventa molto acuto e fastidioso uso lacrime artificiali piu di 3 volte al giorno si aggiunge secchezza della pelle e xerostomia;
all'oggi la secchezza è l'unico sintomo a parte sporadica febbricola;
ho fatto le analisi del sangue :
ana ena ves pcr ra test anticitrullina tas tutto negativo
prolattina tiroide emocromo e le altre analisi di routine tutto in regola.
In base alle analisi i medici consultati escludono sjogren, ma non sanno spiegare la secchezza.
mi chiedo se concordate con i miei mpedici nell'escludere almeno al momento un disturbo autoimmune
Mi chiedevo anche se secondo voi questo quadro puo' dipendere da un problema ormonale (dato che ho un ciclo piu' scarso e breve di prima , il seno che si ingrandisce di piu' in prossimità del ciclo e 1anno fa' la ginecologa mi aveva parlato di ovaio micropolicistico mentre un altro ginecologo ipotizzava che ovulassi piu volte in un ciclo)o ancora da un dente del giudizio che sta venendo fuori sopra al molare e al lato della gengiva in posizione molto strana .
Vi ringrazio anticipatamente, cordiali saluti e buone feste

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
le suggerisco una visita neurologica, perché alcuni dei sintomi (cefalea, dolore retrobulbare, nausea) potrebbero essere dovuti ad emicrania. L'emicrania è più frequente nelle donne in età fertile e può essere aggravata da squilibri ormonali.
Non è detto che tutti i sintomi siano collegati; se soffre di tonsillite questa non c'entra con l'occhio secco o la cefalea. Se effettua regolarmente le cura termali (proprio alle terme, però) i sintomi si possono attenuare.
Cerchi di preoccuparsi meno di esami e visite mediche, se può, e soprattutto non cerchi su internet.
Cordiali saluti

Franca Scapellato