Utente cancellato
Salve,
sono un giovane di 23 anni.
Vorrei porvi un quesito.
Sono ormai due mesi che ho una sensazione di stanchezza cronica, con tutta una serie di sintomi specifici. All'inizio avevo rapportato il tutto a un rapporto sessuale non protetto avuto verso Natale con un'amica di mia cugina che conoscevo e conosco molto poco. Pensavo potesse essere il tutto correlato a qualche malattia o infezione acquisita con quel rapporto, avendo anche avuto la rottura del frenulo con abbondante uscita di sangue. Infatti dopo 2 giorni ho avuto febbre alta trattata con tachipirina. Da quel giorno ho avuto una ricorrente sensazione di debolezza e di febbricola. Dopo circa un mese e mezzo ho avuto di nuovo febbre alta e laringite con un po di bronchite. Il tutto trattato con antibiotici e cortisone.
Il problema è che, nonostante questi due episodi febbrili trattati e curati, continuo da inizio anno ad avere continue sensazioni di debolezza e stanchezza.
Più medici hanno escluso diretta correlabilità con patologie quali HIV o epatite (quello che temevo) e ora farò i dovuti test per togliermi il dubbio.
Però continuo ad avere tuttora i seguenti sintomi:

- senso di debolezza e affaticamento;

- senso di febbricola che si manifesta soprattutto se sto molte ore fuori casa;

- dolori articolari molto intensi che ho avuto ultimamente, soprattutto nella parte posteriore del ginocchio sino alla parte posteriore della coscia e sotto l'ascella fino al braccio. Sono dolori molto intensi e invalidanti che durano anche qualche ora per poi svanire;

- sensazione di tensione muscolare;

- per una settimana ho avuto una sensazione di bruciore superficiale ai quadricipiti;

- sforzi muscolari anche non intensi mi producono dei dolori nelle fibre muscolari interessate dallo sforzo che possono durare anche alcuni giorni;

- dolori all'addome, sia a destra che a sinistra (zona fegato e milza), all'altezza dello stomaco e sotto l'apice sternale;

- da diverso tempo ho un indolenzimento alla parte anteriore bassa del collo (zona sternoioidea), che mi crea insofferenza e dolore;

- ho continua sensazione di fame e dolore allo stomaco;

- da in piedi sento una forte debolezza alle gambe, come se tremassero, con difficolta a mantenere una perfetta postura ed equilibrio;

- ho sempre i piedi e le mani fredde. Le mani spesso formicolano (ma a riguardo ho già una pregressa situazione di sublussazione bilaterale dei nervi ulnari ai gomiti).

Ho fatto qualche ricerca su internet ed ho letto a riguardo della fibromialgia, riconoscendo molti dei sintomi che presento.
Se può essere utile ho fatto le analisi del sangue ed eco tiroide pensando a un problema tiroideo. Tutto nella perfetta norma.

Potrebbe trattarsi di fibromialgia?

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Ridulfo

20% attività
0% attualità
0% socialità
ZEVIO (VR)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Non mi pare si tratti di fibromialgia in quanto questa malattia interessa soprattutto donne, spesso con disturbi depressivi e generalmente più avanti con l'età di lei.
Consiglierei di fare gli esami necessari a tranquillizzarla rispetto ad eventuali malattie. A volte l'ansia può dare disturbi simili.
Si faccia comunque vedere dal suo medico di famiglia
Giuseppe Ridulfo