Utente 837XXX
Gentilissimi,
ho 34 anni, soffro di cisti al seno e mi controllo periodicamente.
Lunedì 28 giugno ho effetuato un'ecografia per una massa abbastanza grande che non scompariva dopo un trattamento con antinfiammatori da banco.
Ne è' risultato (seno destro) un grappolo di tre cisti delle quali due dai margini regolari e anecogene di 31mm e 19mm e una terza di 12mm dai contorni più sfumati e con contenuto ecogeno come per flogosi.
Il giorno dopo l'ecografia il dolore e il gonfiore sono aumentati notevolmente tanto da non farmi dormire bene o farmi muovere il braccio e al momento la situazione è sempre uguale.
(Porto una seconda ma il seno destro è diventato una terza).
La dottoressa che mi ha effettuato l'ecografia mi ha consigliato di toglierle mentre il mio medico di base mi ha consigliato di finire la scatola di pillola contraccettiva che uso al momento per poi passare ad altri metodi.
E che levar le cisti non serve a molto in quanto al prossimo sbalzo ormonale (molto frequenti, soffro anche di sindrome premestruale dove passo facilmente da Dr. Jekyll a Mr. Hyde!) ne comparirebbero delle nuove.
Il medico mi ha prescritto un integratore di nome K*****E e un antidolorifico comune di nome M*****T.
Ad oggi non noto grandi miglioramenti ma già sapevo che il decorso è lento...
Quel che vi chiedo gentilmente è come devo comportarmi una volta risolta l'infiammazione? Consigliate di levarle? E' vero che aumentano di volume col tempo? Se smetto di assumere la pillola contraccettiva ho altre alternative?
Vi ringrazio per il tempo dedicatomi e vi auguro una serena giornata. Saluti!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In 35 anni di senologia chirurgica non ho operato una cisti. Ciò vuol dire che non serve a nulla e non è necessario. Se fastidiose perchè in tensione si aspirano.
Pertanto per il prossimo controllo...cambi ecografista (^_^).

Mi sembra più corretta la versione del suo curante, ma non farei nulla e se proprio vuole fare una vera prevenzione che possa agire favorevolmente sugli ormoni influenzando i fattori di rischio a lungo termine legga

http://www.senosalvo.com/vita_moderna.htm

http://www.senosalvo.com/vita_moderna.htm

http://www.senosalvo.com/camminare_almeno_30_min_giorno.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 837XXX

Mi scusi, mi sono spiegata male... intendeva aspirarle! Grazie mille della risposta così veloce. Ora leggerò i link che mi ha consigliato! Saluti!

[#3] dopo  
Utente 837XXX

Buongiorno, dopo 2 anni torno a scrivere per lo stesso problema. Mi ritrovo nuovamente a dover sopportare un seno dolorante e molto gonfio. Ho continuato a monitorare la situazione, non prendo la pillola (o altro concezionale) da 2 anni ma queste cisti continuano ad aumentare di volume e a dolere con intervalli sempre più ridotti. Quello che vorrei sapere è se l'ago aspirato si pratica dopo la fase infiammatoria o è possibile farlo anche durante. Non ho ancora avuto figli e mi è stato detto che con una gravidanza potrei risolvere il problema. E' vero?
Grazie e cordiali saluti.