Utente 721XXX
Buongiorno gentili dottori,

ho 39 anni e mi sono sottoposta settimana scorsa a biopsia mammaria con mammotome, successivamente a mammografia, ecografia e RM.

Familiarità negativa.

Mammografie ed ecografia:

Il referto recita mammo/eco:

Conclusioni:
Formazioni cistiche mammarie bilaterali, alcune delle quali a verosimile contenuto corpuscolato, con microcalcificazioni tipo 3 sec. le Gal.
Per i reperti descritti e per il pattern ghiandolare si consiglia RM mammaria e, sulla scorta del risultato dell'indagine, eventuale prelievo microistologico delle micorcalcificazioni descritte in corrispondenza del QSE dx. BR 3.


Ho effettuato la risonanza, e di seguito il referto:

L'esame RM con contrasto, conferma la presenza in sede del quadrante supero-esterno seno dx, in sede profonda pre-pettorale, di sfumata area di patologico iperenhancement, del diametro di 14x7mm, meritevole di verifica bioptica istologica, verosimilmente in corrispondenza delle microcalcificazioni descritte alla mammografia.
Mammella sinistra indenne.
Non segni di infiltrazione del muscolo pettorale nè patologici linfonodi ascellari, bilateralmente.

Si consiglia prelievo bioptico con mammotome.

Ecco ora il referto della biopsia mammaria vacuum assisted:
Indicazioni:
calcificazioni retrosreolari a dx

Referto:
Calcificazioni puntiformi sparse su territorio di circa cm 4x4 in sede retroareolare a dx.
Centratura stereotassica delle caalcificazioni. disinfezione della cute, anestesia locale e prelievo di 20 frustoli vacum assistito 9G.
La paziente ha ben sopportato la procedura. Ho lasciato in sede un piccolo marcatore radio-opaco controllato alla mammografia successiva.
Medicazione. Applicazione del ghiaccio e dimissione dopo 3 ore senza evidenza di complicanze.
Sulla radiografia dei frustoli sono presenti le microcalcificazioni. Seguirà referto istologico.


Referto istologico:

Materiale inviato:
1) Agobiopsia vaccum/ assistite,mammella destra, senza microcalcificazioni
2) Agobiopsia vaccum/ assistite,mammella destra, con microcalcificazioni

Diagnosi/valutazione:

1) parenchima mammario con focale iperplasia duttale florida associata a rare microcalcificazioni, nonchè fibrosi e lieve adenosi.

2) parenchima mammario con focale iperplasia duttale non atipica, in parte florida, modificazioni a cellule colonnari e piccolo focolaio di flat epithelial atypia in rapporto alle microcalcificazioni.

Categoria B3.

Vorrei sapere cosa è la FEA e come giudicate la cosa,

Probabilmente mi consiglieranno una biopsia in sala operatoria x ripulire la parte.

Dovrò fare terapia? Ho solo 39 anni...

Grazie infinite e saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia assolutamente tranquilla. Non deve fare alcuna terapia.

La lesione è benigna ma va inquadrata tra i fattori di rischio. (rischio relativo 3,5%)

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/64-fattori-indicatori-rischio-carcinoma-mammario.html

Poichè abita a Milano volevo informarla che per discutere i dettagli (spesso l'informazione è veramente carente)
e soprattutto personalizzare i programmi di sorveglianza
organizzo delle giornate gratuite (una volta al mese)
con incontri individuali.

http://www.senosalvo.com/valutazione.htm

Se è interessata può lasciare il suo numero di telefono e sarà richiamata. Se non potesse nelle date programmate può comunque con una impegnativa del suo curante (per visita oncologica) prenotare un incontro in date da concordare.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 721XXX

Leggo la sua mail solo ora e la ringrazio molto.

Il senologo consiglia un intervento di resezione parziale della mammella con rx pezzo operatorio, in sostanza dice che, dato alla precedente biopsia con mammotome non sono state tolte tutte le microcalcificazioni e, inoltre, risulta un'area di enhancement alla RM (14mm x 7mm), è più prudente confermare il referto della precedente biopsia.

Mi ha detto inciderebbero intorno all'areola e non dovrebbe vedersi nulla....ma davvero non si vedrà nulla? La cosa sarebbe finita così, poi, a parte controlli? e...avrei problemi in caso di gravidanza?

Grazie infinite..e cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se non si vedrà nulla dovrà discuterlo con il chirurgo.

Sui controlli e prevenzione Le ho già risposto nel post precedente.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com