Utente 812XXX
Salve, sono una ragazza di 30 anni che già nel 2000 sono stata operata di un fibroadenoma al seno dx. Dopo l'operazione ho continuato a fare controlli a distanza così come mi è stato consigliato dai medici. A febbraio di quest'anno ho rifatto un'ecografia mammaria bilaterale che riportava: "corpo ghiandolare ecostrutturalmente con diminuita componente ghiandolare e con struttura parenchimale disomogenea diffusamente fibrodisplastica microcistica con presenza di area anecoide bilobata alla giunzione dei QSS dx parareolare di cm. 0,84". Il medico che mi fece l'ecografia mi consiglio di ripeterne un'altra dopo 6 mesi per eventualmente fare l'agoaspirato se il fibroadenoma aumentava di dimensioni.
nel giugno 2011 rifeci l'ecografia, presso però un'altra struttura ed il referto era: "Mammella a prevalente componente fibroghiandolare bilateralmente. L'esame ha documentato un quadro di echesia duttale ed un incremento volumetrico della formazione a dx di 12x7 mm e 8x4 mm, ipoecogene, con potenziamento di segnale posteriormente, verosimilmente solide e quindi riferibile a fibroadenomi. si consiglia rx mammografia".
Per paura ho eseguito la mammografia adando quasi a litigare con il medico radiologo che data la mia età si rifiutava di farla. Alla fine l'ho fatta ed è risultata negativa.
La notte di giovedì scorso mentro era distesa a letto ho sentito un forte dolore al seno e andandolo a palpare ho notato che tra il quadrante superiore e quello inferiore interno del seno dx sentivo una formazione dura, come fosse una sorta di corazza. L'indomani ho fatto una visita chirurgica urgente ed il medico mi ha detto che era impossibile che mi era venuta dall'oggi al domani perchè si palpava troppo bene. Poi mi ha consigliato un'ecografia urgente per poi far seguire un agoaspirato e che comunque per lui era un fibroadenoma. Ieri ho fatto l'ecografia che riporta: "A livello del QSE di dx, in sede parareolare si osserva formazione solida ipoecogena di 13 mm, da riferire verosimilmente a fibroadenoma. Utile rivalutazione ecografica tra 2-3 mesi. Sono presenti bilateralmente alcune subcentimetriche formazioni cistiche semplici sparse. Non lesioni focolai con caratteristiche francamente sospette". Tale medico radiologo mi consiglia al momento di non fare agoaspirto mentre il chirurgo mi ha detto che dopo le feste di Natale vorrà invece fare l'agoaspirato e poi intervenire chirurgicamente per rimuovere il tutto. Inoltre, la cosa che mi fa strano è che sento questo neoformazione molto più piccola rispetto alla scorsa settimana, anche se comunque palpabile. Il quesito che Vi porgo è:
1) se è un fibroadenoma così come mi dicono perchè si vuole fare l'ago aspirato?
2) è possibile che si siano ridotte le sue dimensioni in pochi giorni? Premetto che non ho preso alcun farmaco.
3) Potrebbe essere qualcosa di negativo macgerato da fibroadenoma?
Scusate se mi sono dilungata ed attendo con ansia una Vs. risposta.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ho parole !

Se non fossi siciliano anche io (che vive da 40 anni a Milano) e che ci torna in Sicilia da due anni almeno una volta al mese perchè mi sono ammalato di nostalgia, mi verrebbe da dire >>MA IN CHE MONDO VIVE ?>>

Tutto questo per un fibroadenoma a 30 anni ? e se ci fosse stato il sospetto di un tumore cosa avrebbero fatto ?
Avrebbero convocato la Protezione Civile ? (^__^)

Battute a parte
1) Il fibroadenoma non viene più neanche cosiderato come tumore benigno.
La probabilità di una sua trasformazione è del tutto trascurabile.
Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html

2) E' da irresponsabili prescrivere a 30 anni per un fibroadenoma una mammografia inutile e invasiva (la ghiandola giovanile è maggiormente sensibile alle radiazioni). Inoltre l'elevata opacità della ghiandola giovanile limita l'efficacia diagnostica (tant'è che anche nel suo caso non VEDE neanche il fibroadenoma).

3) Correttissima la sua osservazione.
Se la diagnosi di fibroadenoma è certa non serve neanche l'agobiopsia.
Se non è certa allora è corretto integrare con l'agobiopsia

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/70-agobiopsia-mammella.html

Se la diagnosi quindi è di fibroadenoma certo, non concordo nè con chi Le consiglia controlli ossessivi nè tantomeno con chi vorrebbe asportarlo a tutti i costi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 812XXX

Dottore grazie mille per la sua risposta e mi scusi per il ritardo dei miei ringraziamenti. A questo punto quindi mi viene da pensare che non si sospetti un semplice fibroadenoma!!! Lei al mio posto cosa penserebbe?? Le auguro buone feste e grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>A questo punto quindi mi viene da pensare che non si sospetti un semplice fibroadenoma!!! >>

Credo sia nel suo pieno diritto sapere esattamente quello che pensano realmente.

Ma da quanto leggo vedrà che alla fine ci sarà la dimostrazione che si tratti di un fibroadenoma.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com