Utente 338XXX
Buon giorno, da 6 mesi, ho fuoriuscita di siero da un capezzolo, dolore e comparsa di una zona con granuli che prima non esisteva, dopo aver fatto ecografia e mammografia, non è risultato nulla di maligno, ma:
Tumefazione palpabile, ampia area displasica con qualche segnale vascolare nel contesto, a componente sia adenomatosica (24,1x11mm), in parte duttale ectasica, con contenuto sia ipoecogeno, non vascolarizzato, ipomobile come ecografico evolutivo dopo terapia antiflogistica e dosaggio della prolattina.
Bilateramente si evidenziano esporadiche formazioni cistiche flogosate del diametro massimo di 7mm.
tra i QQSS di dx fibroadenoma non vascolarizzato del diametro di 6.3mm
AI QSI di sin are adisplasicha a componente microcistica (10mm)
Ectasia buttale bilaterale con calcificazioni endoluminali
Adenopatie ascellari bilaterali di natura reattiva (11mm).
Così ho fatto varie ecografie di controllo ed una cura di 20 giorni, ma non è cambiato nulla. Mi hanno prescritto una visita chirurgica e li mi hanno fatto l'ago aspirato con questo risultato:
A) lamelle cornee - B)sospetto per neoplasia mucosecernente (C4) SNOMED T-04030 M-67060
Mi fanno l'intervento di biopsia estemporanea, eventuale nodulectomia o quadrantectomia. Dovrà eseguire in P.O. ecografia ascellare per stabilire se effettuare Biopsia del linfonodo sentinella o Linfadenectomia.
La mia domanda e: facendo una risonanza magnetica, si può vedere se c'è un cancro, visto che nell'ecografia e mammografia non si è visto nulla?
Bisogna per forza fare la biopsia del linfonodo sentinella?
Grazie Marcella



[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ma come non si è visto nulla !

E allora su quale lesione avrebbero fatta l'agobiopsia. ?
Ovviamente su quella rilevata dall'esame eco-mammografico.

E' ancora una lesione sospetta ed è corretta la procedura che ci descrive e che Le hanno consigliato.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 338XXX

Grazie tante per la risposta.
Volevo dire che per 6 mesi, dove ho fatto l' ecografia e mammografia, mi hanno detto che non era nulla di maligno, solo un infiammazione, e poi dopo essere stata da un oncololo che mi ha fatto l'ago aspirato scopro che potrebbe essere un cancro.
Quindi la risonanza non mi direbbe di più dell'ecografia e mammografia? Non serve farla prima della biopsia?
La ringrazio tanto della disponibilita

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nel suo caso allungherebbe solo i tempi dell'intervento che comunque andrebbe fatto anche in caso di negatività della RMM. Pertanto vada avanti così come programmato.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 338XXX

Grazie, mi ha tolto tutti i dibbi. Aspetto il giorno della biopsia ed intervento per sapere. Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
D'accordo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 338XXX

Buon giorno dott.re, 11 marzo ho fatto l’intervento al seno e la biopsia estemporanea non ha dato esito maligno, quindi mi hanno tolto solo la parte che si era formata e basta, senza linfonodo sentinella ne quadrante del seno. Il 20 di marzo mi hanno chiamato per il referto dell’esame istologico, che ha dato questo esito:
REFERTO DI ESAME ISTOLOGICO
MATERIALE INVIATO:
A) BIOPSIA INCISIONALE Q.I.M MAMMELLA SINISTRA
B) AMPLIAMENTO Q.I.M MAMMELLA SINISTRA

DESCRIZIONE MACROSCOPIA :
A) 3 FRUSTOLI TISSURALI DI cm 1 CIASCUNO
B) FRAMMENTINO TISSURALE (cm 2.5x2.6x2) INCLUSO TUTTO IN TAGLI SERIATI PARALLELI PASSANTI PER L’ASSE MINORE

DIAGNOSI :
A)B) FOCI DI CARCINOMA DUTTALE IN SITU MICROPAPILLARE G2

ANTICORPI:
RICETTORE ESTROGENICO (1D5)
RICETTORE PROGESTINICO (PgR636)
RICETTORE ANDROGENICO (AR441)
KI 67 AG. PROLIF. (MIB-1)
HERCEP TEST DAKO

REATTIVITA’:
IMMUNOREAZIONE NEL 80% CIRCA DELLE CELLULE NEOPLASTICHE
IMMUNOREAZIONE ASSENTE NELLE CELLULE NEOPLASTICHE
IMMUNOREAZIONE NEL 10% CIRCA DELLE CELLULE NEOPLASTICHE
IMMUNOREAZIONE NEL 30% CIRCA DELLE CELLULE NEOPLASTICHE
COLORAZIONE DI MEMBRANA NEL 90 % CIRCA DELLE CELLULE NEOPLASTICHE (+--)

SNOMED: T-04050 M-85002

Il 10 di Aprile mi devono operare nuovamente per fare una pulizia approfondita.
Con questo tipo di cancro, è vero che non dovrò fare ne chemioterapia ne radioterapia?
Grazie

[#7] dopo  
Utente 338XXX

È corretto anche togliere il linfonodo sentinella? Oggi mi hanno detto che è da togliere anche quello. Non essendo infiltrante, lei ritiene sia necessario?. Grazie

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è facile a distanza fare una valutazione corretta, ma credo che i provvedimenti proposti abbiano carattere solo precauzionale di radicalizzazione compresa l'analisi del Linfonodo Sentinella.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#9] dopo  
Utente 338XXX

Grazie per la risposta

[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#11] dopo  
Utente 338XXX

Buon Giorno dottore, il 10 di Aprile ho fatto il 2 intervento di Quadrantectomia, asportazione del linfonodo sentinella e altri 4 linfonodi, trasposizione del capezzolo. Il 7 di maggio ho ritirato il referto dell' istologico:

MATERIALE INVIATO:
A) Q.l.M. mammella sinistra (filo singolo margine areolare, filo doppio margine laterale);
B) Ampliamento margine laterale mam. sn. , il filo indica il nuovo margine;
C) Linfonodo sentinella ascella sinistra;
O) Altri linfonodi ascella sinistra

DESCRIZIONE MACROSCOPICA:
A) Quadrante di mammella (cm 5x4,5x2) la cute è di cm 4x1,2; al taglio il parenchima appare addensato e, centralmente, è presente area nodulare grigiastra di cm 2 nella sua dimensione maggiore. Si apprezza inoltre formazione cistica del
diametro massimo di mm 7 a contenuto emorragico.
Prelievi: A 1) margine areolare; A2) opposto all'areolare; A3) margine laterale; A4) margine mediale; A5) piano profondo; A6) area nodulare; A7) parenchima addensato e formazione cistica.

B) Frammento tessutale (cm 3,5 X 2 X 1)versante col filo di repere; B2) versante opposto; B3) centralmente.

C) Frammento di tessuto fibra-adiposo (cm 2,5x1 x0,5) dal quale si isolano due formazioni nodulari mm 10 e mm 5.

D) Frammento di tessuto fibra-adiposo cm 3x2x1 dal quale si isolano formazioni nodulari. Dr.ssa Nemolato Tee. Rolesu sn

DIAGNOSI:
A1-2-3-4-5-6-7)B1-2-3) CARCINOMA DUTTALE IN SITU MICROPAPILLARE PRESENTE IN TUTTO IL MATERIALE
C) CELLULE ISOLATE
D) 4 LINFONODI INDENNI.

Mi hanno detto che devo fare il 3 intervento e questa volta di mastectomia mammella sinistra. Ma è la procedura giusta?, 3 interventi in 3 mesi? e visto che tutto il materiale asportato è interessato da questo tipo di cancro, io vorrei fare una biopsia anche nella mammela destra, anche se non sono presenti noduli visibili, ma mi hanno detto che sicuramene non la faranno. Io ho paura di stressarmi psicologicamente ad ogni controllo, aspettando che anche questa volta dia un segnale (come uscita di siero dal capezzolo) come è avvenuto per la mammella sinistra.
Saluti e grazie

[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Così non ne verrà mai fuori definitivamente. Ora c'è da affrontare la malattia più difficilmente curabile LA PAURA.

Legga con calma e comprenderà perché

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno

E intervenga se lo desidera. Non se ne pentirà...
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com