Utente 348XXX
Gentile Dottore,
in seguito ad un ecografia mammaria mi è stato diagnosticata una formazione nodulare a limiti dei quadranti esterni della mammella destra. Riporto il referto:

"Mammella ed ecostruttura disomogenea. Non evidenti lesioni focali anche a livello della formazione nodulare. Non anomali assorbimenti del fascio ultrasonoro nè abnormi distorsioni dell'ecostruttura. Ectasia duttale."

Fino a prima della visita sono stata asintomatica, in seguito (certamente mi sono fatta condizionare) ho notato di provare fastidio nella zona della formazione nodulare in alcuni momenti, soprattutto prima e durante il ciclo, anche se presumo sia normale.

Ho avuto un figlio nel 2012 e ho allattato per circa 7 mesi. Credo il nodulo si sia formato o sia cresciuto in seguito poiché non ricordo di averlo percepito al tatto durante l'allattamento. In ogni caso, attualmente (a distanza di 3 mesi dall'ecografia) ho scoperto di essere in 5 settimane di gravidanza. Il seno non è particolarmente turgido ma sento un leggero dolore alla palpazione in concomitanza della formazione nodulare.

Il dottore che ha fatto l'ecografia ha detto che si tratta di una ghiandola ingrossata.
Da cosa può dipendere questo ingrossamento?
E' possibile che in gravidanza aumenti ancora di volume? Potrei avere problemi con l'allattamento?

Il seno destro è sempre stato quello meno sviluppato (di poco) ma durante l'allattamento precedente era decisamente e vistosamente più piccolo rispetto al sinistro. Mi sembrava infatti di produrre meno latte dal seno destro. Può essere dipeso da questa ghiandola o non c'è nesso?

Come procedere con questa gravidanza? meglio effettuare altre visite al seno?

La ringrazio molto per l'attenzione.

Cordiali Saluti.

Marta



[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A distanza e in assenza di una visita è difficile apportare un ulteriore contributo alla sua richiesta.

Sulla base del referto ecografico e da quanto scrive sembra ascriversi ad una conformazione ghiandolare normale che senz'altro può essersi meglio evidenziata nel corso della gravidanza.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 348XXX

La ringrazio molto per la risposta,

ho solo un po' di confusione in merito alla terminologia usata dal medico che mi ha visitata; sul referto ha scritto formazione nodulare e a voce mi parlava di ghiandola ingrossata. c'è differenza tra formazione nodulare e ghiandola?

Quindi è possibile che una ghiandola possa avere dimensioni maggiori rispetto alla norma, senza causare problemi?

inoltre vorrei chiederle il significato di ectasia duttale.

la ringrazio ancora per la pazienza e per il suo lavoro.

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La ghiandola è "tessuto normale" deputato a produrre latte e si può addensare nella mammella con distribuzione anche asimmetrica. Tutto normale.

L'ectasia duttale (=dilatazione dei dotti ) è fisiologica nello stato gravidico e persiste per periodi variabili successivamente.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 348XXX

ancora grazie per la sua attenzione! mi permetto di farle un'ultima domanda: una ghiandola può essere dolente al tatto o è un sintomo da non sottovalutare?

grazie.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì può essere dolente...
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 348XXX

Grazie per la sua disponibilità.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com