Utente 340XXX
Salve. Sono una ragazza di 25 anni. Ho un seno "abbondante", inteso tra una terza e una quarta, poichè sono magra.
Ho sempre sofferto in fase premestruale di dolori al seno e gonfiore. Poi, è venuto un periodo in cui questi dolori o erano assenti o davvero minimi.
Da qualche mese non solo il dolore è nuovamente intenso ma è stato molto invadente. Non riuscivo a dormire a pancia sotto e al seno sinistro, lato quasi ascellare, mi faceva molto male e sentivo la parte gonfia.
Così, dopo due mesi di fastidi, avuti anche in fase di ovulazione, in occasione di una visita ginecologica ne ho parlato con il mio ginecologo che mi ha visitato con palpazione e un'eco mammaria fatta però, due giorni prima dell'arrivo delle mestruazioni. L'ecografia aveva evidenziato un fibroadenoma piccolo e mi ha tranquillizzato dicendo di tenerlo semplicemente sotto controllo. Mi ha detto che ho un seno molto denso, soggetto maggiormente quindi, a questo tipo di problemi. E poichè ho una produzione di ormoni femminili elevata alle ovaie, questa stessa produzione di ormoni stimola le ghiandole del seno. Mi ha consigliato comunque un'ecografia mammaria in un centro diagnostico e specifico. Più dosaggio della prolattina.

Così ho fatto. Al 12esimo giorno del ciclo, ho effettuato un'ecografia mammaria bilaterale che ha riscontrato un seno molto denso e fibroadenoso, nonchè una certa densità proprio nel punto dolente (e punto in cui il ginecologo aveva evidenziato un fibroadenoma). L'ecografa mi ha detto che in stato di infiammazione pre-ciclo queste densità possono somigliare a fibroadenomi ma questi ultimi, hanno contorni più definiti e pertanto, non ha riscontrato nulla da dover tenere sotto controllo. (Se non il controllo annuale per tutte le donne). Mi ha suggerito un integratore alimentare da assumere, qualora il dolore dovesse tornare nuovamente molto intenso.

E' possibile questa discordanza diagnostica? L'ecografa del centro diagnostico (un centro importante qui a Napoli), aveva il cartellino con su scritto Ginecologa. Posso comunque fidarmi della lettura? Non voglio offendere nessuno o mettere in dubbio la professionalità. Sono solo spaventata e vorrei capire a quale risposta affidarmi o se devo fare ulteriori controlli.
Oggi, che sono al 15esimo giorno del ciclo, ho già fastidi ad intermittenza nella zona. Purtroppo temo sempre il peggio. Sono in attesa comunque, del dosaggio della prolattina, che mi ha prescritto il Ginecologo.

Ringrazio tutti.
Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Alla sua età la correlazione tumore-dolore è pressoché inesistente.

Le cause della mastalgia possono essere molteplici e all'atto pratico sapere o meno con certezza di essere portatrice di un fibroadenoma ha scarsissimo rilievo trattandosi di una lesione benigna, con rischio di degenerazione del tutto trascurabile.

Legga

Legga ( e se ha dubbi ulteriori ci aggiorni)
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/i%20dolori%20al%20seno.htm
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/34/Cura-del-sintomo-dolore
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/dolore%20al%20seno...di%20comp
Talvolta anche la semplice scelta di un reggiseno adeguato può essere utile, per quanto possa sembrare paradossale
https://www.medicitalia.it/minforma/Senologia/15/Il-reggiseno-uno

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta e per le letture consigliate.
A questo punto attendo solo il risultato della prolattina per completare il percorso. Dopodichè mi tranquillizzerò.
Ancora grazie Dottore.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com