Utente 400XXX
Salve, ho effettuato una ecografia mammaria di controllo che ha portato a questi risultati:

In corrispondenza del QII della mammella di destra la presenza di un'area adecostruttura disomonogenea, margini irregolari ed attenuazioni del fascio ultrasonografico in sede posteriore. Tale reperto di circa 12,6 mm presenta pattern di vascolarizzazione in sede intranodulare.
Ulteriore area disomonogenea con fascio di attenuazione in sede posteriore sempre a destra si apprezza sempre a destra in corrispondenza dell'unione dei QQII di circa 6,5 mm.
Tali reperti necessitano di integrazione con esame mammografico, urgente videat specialistico e caratterizzazione con ago biopsia
Non significative linfoadenopatie ascellari bilateramente.

Lei come giudica la situazione, se ė una situazione preoccupante perchė sono agitatissima.

Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A distanza poco si può aggiungere senza una consultazione diretta (tra l'altro vietatissimo) e trattandosi di una lesione dubbia senz'altro merita un approfondimento tramite una agobiopsia ecoguidata e mammografia. La lesione non è grandissima e questo suggerisce un cauto ottimismo anche nella peggiore delle ipotesi.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il momento peggiore per lei è questo, l'attesa che porta a pensieri brutti.
Se il risultato fosse quello temuto, non deve pensare a una condanna, ma a un percorso, certo difficile, ma con ottime probabilità di riuscita e di superamento con un risultato estetico e funzionale davvero buono, perché sia la chirurgia che la terapia adiuvante sono molto avanzate in questo campo. Nel frattempo può chiedere al suo medico di prescriverle qualcosa per tranquillizzarsi.
Franca Scapellato