Utente 343XXX
Salve scrivo per mia moglie data di nascita 1962
Referto esame senologico
esami eseguiti mammografia monolaterale sinistra,
ingrandimento diretto mammella sinistra,
ecografia mammaria bilaterale
eco-color doppler mammario bilaterale.
data esame 11-05-2009

Al controllo odierno,all'esame mammografico di dettaglio-ingrandimento diretto,eseguito a sinistra:struttura mammaria densa e complessa,a grossolano carattere fibroso-nodulare.
Al quadrante supero-esterno,posteriormente,cluster di microcalcificazioni,disomogenee ed irregolari,(6 mm)incrementate rispetto al precedente.
All'esame ecografico di integrazione:cisti,semplici,di varie dimensioni (8/20mm).
Al quadrante supero-esterno,nella presunta sede delle microcalcificazioni,descritte,si evidenzia grossolana area, nodulariforme,ad ecostruttura ipoecogena-disomogenea.
Linfonodi,a morfologia regolare,all'esplorazione del cavo ascellare.
Reperto dubbio (BI RADS R4/U4),opportuno valutazione cito-istologica sotto guida steretassica (Mammotome).
volevo sapere voi cosa ne pensate
ringraziandovi anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non si può che concordare !

In una mammografia "trasparente" le calcificazioni essendo sostenute da deposito di sali di calcio (fosfati, carbonati, ossalati ecc)
sono di facile rilievo soprattutto con la strumentazione moderna.

Esse tuttavia sono talvolta difficili da interpretare (il cosiddetto valore predittivo positivo in alcune casistiche è di appena il 10 %) e la difficoltà di interpretazione aumenta in rapporto alla evoluzione tecnologica che permette di vederne sempre di più e sempre più piccole.

Sembra quindi più opportuno parlare di calcificazioni, definendole di volta in volta "benigne", "dubbie" e di "tipo maligno" .

Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli e quelle maligne devono essere sottoposte a intervento chirurgico.
Quelle dubbio-sospette vanno meglio definite tramite un approfondimento diagnostico cioè con un esame istologico, che può essere ottenuto con un intervento bioptico a cielo aperto o con uno strumento chiamato Mammotome, che si basa sull'aspirazione meccanica eseguita da un apposito strumento connesso con una agocannula.

E' quanto le hanno consigliato

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=43463

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 343XXX

Ringrazio il dottor Salvo Catania per la tempestiva, esauriente risposta.
Cordiali saluti


[#3] dopo  
Utente 343XXX

Esame eseguito in data 27/05/09
Ecografia mammella monolaterale

Quesito clinico: nodulo palpabile del quadrante supero-esterno della mammella di sinistra.
Nella sede del nodulo palpabile al quadrante supero-esterno di sinistra è riconoscibile nodulo solido a margini irregolari con ricca vascolarizzazione intrinseca di 25 mm compatibile con lesione eteroproduttiva. Analoga formazione di 1 cm è presente nello stesso settore mammario,un poco piu'caudalmente. Si segnala poi la presenza di tre immagini pseudo-nodulari anch'esse con caratteristiche compatibili con lesione eteroproduttiva rispettivamente di 7,6 e 5 mm in sede equatoriale esterna. Un'ultima formazione con le medesime caratteristiche di 4 mm è presente in sede retro-areolare. Necessaria valutazione chirurgica per exeresi.
Si segnala poi la presenza di multiple formazioni cistiche con diametro di circa 1 cm.
Non linfoadenopatie nel cavo ascellare omolaterale.

Cosa ne pensate?

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non cambia nulla sulla possibile natura della lesione ma il sospetto viene esteso ad una multifocalità della stessa.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#5] dopo  
Utente 343XXX

La ringrazio Dr.Catania.
Mi scusi se ne approffitto ancora per chiedergli secondo lei qual'è il metodo piu'adatto in questa situazione?
grazie
Cordiali saluti

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La "metodica" adatta la si può programmare valutando tutto il quadro clinico-strumentale e non è certo possibile esprimersi tramite Internet.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 343XXX

La ringrazio Dr.Catania

[#8] dopo  
Utente 343XXX

Dopo mastectomia radicale eseguita in data 25-06-09
Esame istologico-
Descrizione macroscopica
A)linfonodo di cm.1.3 esaminato con sezioni seriate. il restante materiale viene incluso in toto.
B)linfonodo di cm.1.1 esaminato con sezione seriate. il restante materiale viene incluso in toto.
C)tessuto adiposo-ascellare di cm.10x4x2 con fili di repere ai livelli.
D)losanga cutanea di cm. 13x4.5 comprendente il capezzolo con sottostante tessuto mammario di cm 14x 13 x 4, orientabile (peso gr.440 dopo fissazione). al taglio,al quadrante supero-esterno,neoplasia a margini irregolarmente espansivi di cm.2.5;in sede para-areolare esterna secondo nodulo di cm.1.1.
Diagnosi intraoperatoria
A)linfonodo indenne da metastasi.
B)metastasi linfonale di carcinoma.

Reperti e conlusioni
A) linfonodo indenne da metastasi
B)metastasi di carcinoma nel linfonodo in esame.
C)indenni da metastasi i 5 linfonodi di 1 livello;metastasi di carcinoma in 1 dei 6 linfonodi di 2 livello e nei 2 linfonodo di 3 livello.
D)entrambe le lesioni descritte corrispondono a carcinoma duttale infiltrante della mammela, g3 sbr, acrescita di tipo infiltrativo ,con scarsa reazione linfoplasmacellulare,cancerizzazione lobulare retrograda e componente intra- eperitumorale di carcinoma intraduttale ad alto grado, prevalentemente di tipo solido e cibroso con necrosi.
Presenza di invasione vascolare peritumorale.
Presenza di microcalcificazioni.
Quadri di malattia fibrocistica non proliferativa nel tessuto mammario in esame;presenza di fibrodenoma di cm.0.7.
cute e capezzolo indenni.
Valutazione assetto recettoriale, frazione proliferante e o-erbB2(su entrambe le lesioni):
Recettori estrogeni:5%
Recettori progesterone: 10%
Ki67:10%
c-erb B2:punteggio DAKO Hercepttest:3+(positivo)intensa e completa colorazione delle membrane citoplasmatiche ne 60%delle cellule neoplastiche.
t-d8100-m-09410
t-d8100-m-80106
t-d8100 m-80106
t-04030-m-85003
Stadio pt2 grado:g3


mi potreste dare un po' di spiegazioni in merito per questo tipo di carcinoma e le possibilita' di guarigioni.
distinti saluti

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci sono eccome probabilità di guarigione.

Ma trattandosi di una malattia alquanto aggressiva altrettanto aggressiva probabilmente la terapia che Le verrà proposta per la presenza di numerosi fattori prognostici sfavorevoli e per la quasi negatività dei recettori ormonali.
No alla radioterapia ma probabilmente Le verrà proposta una chemioterapia adiuvante con l'aggiunta del
Trastuzumab un farmaco di ultima generazione ed efficace,
stante la positività dell'Hercepttest:3+.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente 343XXX

1)oncologo dove è stato fatto l'intervento)
Il programma consigliato e: chemioterapia con schema contenente antracicline (fec per 4 cicli),a seguire chemioterapia con schema contenente taxani (taxotere per 4 cicli) e radioterapia sulla fossa sovraclaveare.
Dopo la radioterapia necessita' di trattamento con tastuzumab ogni tre settimane per un anno.

Il problema e' che l'intervento e'stato fatto il giorno 25 giugno, la prima chemio l'appuntamento è per il 10 agosto che a me sembra un po' fuori tempi, in piu' il protocollo diverso dal primo che dice in dh fec x3 - taxotere x3 rt- herceptin x 1 anno tutto qui.(oncologo dove dovrebbe fare la terapia)

Al tutto questo mia moglie a oggi ha ancora il drenaggio.

[#11] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
no alla radioterapia, intendevo nella successione delle terapie (e ovviamente sì sovraclaveare) dando per scontato che la chemioterapia iniziasse nei tempi previsti.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#12] dopo  
Utente 343XXX

Grazie dott. ma non ho capito bene la risposta.
Differenza tra la primo e secondo protocollo e se per il 10 agosto va bene, e se la chemioterapia si puo' fare anche con il drenaggio.