Utente
Salve , sono in questo momento sotto attacco colica renale, poichè ho un dolore lancinante sono andato in pronto soccorso dove mi hanno iniettato una toradol e si è calmato un pò, mi hanno prescritto gocce di contramal x il dolore se è lieve ( le ho acquistate) ma preferisco sopportare il dolore e le spasmex fiale ank' esse acquistate ma utilizzerò se il dolore sarà forte e sxo d no.
Comunque ho preso anche l' acqua fiuggi ed appena la bevo vado ad urinare , urino poco ed il calcolo si muove xkè avverto dolore e poi si placa fortunatamente.
Vorrei chiedervi ,ne ho sofferto già in passato e l' urologo mi diede la citropiperazina ,ne dispongo ancora, posso prenderla? x facilitare l'espulsione poichè lo sento nell' uretra sotto il pene ( tipo prurito all' interno)
e poi vorrei chiedervi d recente ho mangiato molto spinaci , vongole e latticini , quali dei tre devo limitare ? oltretutto STUPIDAMENTE BEVO POCO ma purtroppo non mi và , ma cercherò di bere la prima volta passi , ma adesso mai più
Grazie anticipatamente.....

[#1]  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
CASSINO (FR)
NAPOLI (NA)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente la cipiperaziona può essere utile nel prevenire le recidive, mentre per la terapia espulsiva del calcolo bisogna bere molto ( no sottocolica) ed associarla ad alcuni medicinali che facilitano il rilasciamento delle parte dell' uretere , ovviamente la sua situazione andrebbe valutata tramite una visita urologica ed un ecografia
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#2] dopo  
Utente
Dottore grazie x l' interessamento , quale medicinale posso utilizzare x rilassare ?
vorrei prendere una bustina di citropiperazina poichè la volta scorsa non sò se x caso , ma il giorno successivo alla somministrazione , ovviamente dopo parere dell 'urologo e dopo visita, subito ho espulso il piccolo calcolo di colore giallo simile a in piccolo granello d sale

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
credo che in questo momento, nel suo interesse, la priorità assoluta sia dominare il dolore, pertanto "sopportare" non ha alcuna utilità. Per non accentuare ulteriormente il disturbo, non è certamente questo il momento di bere molta acqua, avrà tempo più avanti per svuotar bottiglie (e magari capire che l'effiicacia non dipende solo dall'etichetta).
Se ha pazienza di leggere questi articoli, troverà alcune indicazioni che spero le potranno tornare utili a risolvere presto e bene il suo attuale problema.

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-i-sintomi-o-risolvere-il-problema.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1212-la-calcolosi-renale-e-il-dilemma-dell-acqua-quanta-quando-e-quale-bisogna-bere.html

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Grazie , dottore il tutto molto utile, comunque lunedì ho prenotato una diretta renale ed un eco renale e vescicale al momento sembra che il calcolo o almeno il dolore sia fisso nel rene,e vado avanti a spasmex fiale in attesa di una risposta....

[#5]  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
CASSINO (FR)
NAPOLI (NA)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
come detto vediamo dove sta il calcolo e poi il collega che la prenderà in cura vedrà quale sarà la terapia più idonea
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#6] dopo  
Utente
Salve, esami eseguiti, quello ke si è potuto vedere almeno dall'ecografia è:
il rene di sx dove avvertivo dolore quasi interamente pieno di sabbiolina ed in + vari microcalcoli in sede, il rene di dx mostra ank' esso una modesta quantità d sabbiolina x il resto tutto ok.
Voglio precisare alcune cose: prima di effettuare tali esami ho preso d mia iniziativa la citropiperazina bustine ke avevo già (poichè recidivo) 1 mattina e 1 sera lontano dai pasti, è possibile ke abbiano ridotto i calcoli insieme all' assunzione d acqua fiuggi poikè a me comunque i dolori sono spariti e denoto solo una leggera pesantezza in sede renale o potevo benissimamente bere solo di più e null' altro?
Ed ora come cura x svuotare i reni dalla sabbiolina?
E x evitare di ricascarci?
Penso di sapere la risposta BERE MOLTA ACQUA E QUALSIASI , comunque aspetto V/s consigli grazieeeee

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
la Citropiperaziona è un farmaco in grado di rendere le urine meno acide (ovvero alcaline) e favorire il dissolvimento di cristalli e piccoli calcoli di acido urico. Che tipo di "renella" lei si porti appresso per ora non lo sappiamo, potrebbe essere di acido urico, ma anche di sali di calcio (ossalato, fosfato) ed allora la Citropiperazina non avrebbe alcun risultato. D'ogni modo, è sufficiente un semplice esame delle urine per avere qualche notizia in più. Inoltre, essendo stata rilevata renella (o "sabbiolina") bilateralmente, il suo rischio di formazione di calcoli è certamente molto elevato, anche al di là del volume dei liquidi introdotti. Se per lei non vi sono presumibilmente al momento indicazioni operative, dirle solo di bere tanta acqua potrebbe non essere sufficiente. Riterrei invece opportuno che lei si sottoponesse a qualche esame per valutare il suo metabolismo minerale, ovvero per ricercare un eventuale difetto meritevole di essere trattato in modo specifico e non solo con vaghi consigli (acqua a parte) che lasciano spesso il tempo che trovano. Tutto questo le potrà essere indicato con precisone del nostro Collega che l'ha in cura.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente
Salve, dopo aver fatto anche l'analisi delle urine, mi sono recato dal mio urologo, il quale mi ha prescritto oltre alla solita cura idropinica, un bel ciclo di calcotrissina e precisamente 1 compressa al dì x 10 gg al mese x 12 mesi e dopodichè un ulteriore indagine tra un anno per avere dei riscontri.
Ora la mia domanda è : possibile che il magnesio e il potassio eliminano la sabbiolina dai reni? infatti è un integratore alimentare dal costo di appena 18 € , (appena) appunto, forse mi conviene mangiare tonno e banane a iosa.......saluti

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
credo che lei abbia colto perfettamente il significato di queste "terapie" con gli integratori ...
Tonno e banane sono entambi eccellenti, su come accostarli chiederei consiglio a qualche chef creativo. Il loro ruolo nella prevenzione della calcolosi però mi sfugge, ameno per ora! Le confermo che in un caso come il suo qualsiasi seria indicazione farmacologica deve essere proposta in base agli esiti di una indagine metabolica di primo livello.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente
come effettuare tale indagine?
grazie x la disponibilità

[#11]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
l'indagine metabolica è una semplice serie di esami sul sangue e sulle urine delle 24 ore dove si valutano le sostanze che, una volta cristallizzate ed aggregate nelle urine, vanno a formare i calcoli. Penso che qualssiasi nostro Collega sia in grado di prescriverle questi accertamenti, al limite può far riferimento ad un servizio di urologia che si occupi specificatamente di calcolosi. Sono certo che potrà trovarlo nella sua zona, o poco distante.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing