Torsione del testicolo

Buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni che ha subito in data 18 Marzo 2012 un intervento in urgenza di derotazione del testicolo dx ed orchidopessi per torsione del testicolo (operazione avvenuta dopo 3-4 ore di dolori intensi sorti inprovvisamente). Come da terapia ho usato per due volte al giorno Augmentin 875 mg / 125 mg per 7 giorni e da lunedì 19 Marzo 2012 giorno in cui sono stato dimesso effettuo giornalmente la medicazione a casa senza problemi. Ad oggi che sono trascorsi 8 giorni dall'operazione non sento ormai più nessun dolore anche toccandomi e non c'è gonfiore. Vorrei chiedere:
1- Durante l'operazione il medico mi ha informato che il testicolo in questione era diventato blu-nerastro e dopo averlo derotato ha iniziato a riprendere il colore rosa e quindi mi è stato fissato e salvato; è sicuro che il testicolo sia ripreso a funzionare nella normalità come prima?
2- Tale operazione non ha influito sulla mia fertilità?
3- Dopo quanti giorni potrò di nuovo masturbarmi e tornare a fare sesso?
Vi ringrazio per le risposte. Distinti Saluti
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

entro 4-5 ore dalla torsione, se il testicolo ha ripreso la sua normale vascolarizzazione, non dovrebbe aver corso importanti pericoli per la sua fertilità comunque, fra 3-6 mesi dall'intervento, è indicato un primo controllo del liquido seminale e poi se ne potrà discutere e fare una prognosi più precisa.

Per il recupero di una regolare attività sessuale, se non ci sono stati particolari problemi chirurgici, di solito si indicano 15 giorni post-intervento.

Ora risenta per il consiglio finale il suo urologo.

Cordiali saluti.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo Dr. Giovanni Beretta,
La ringrazio per la Sua tempestiva risposta. Venerdì 23 Marzo 2012 ho avuto la prima visita di controllo dove il dottore che mi ha operato si è limitato a controllare manualmente il testicolo e ad effettuare la medicazione. Tale giorno, per la presenza di piccoli dolori mi ha prescritto di assumere alla fine della terapia Augmentin i farmaci Levoxa 500 per 10 giorni e Danzen per 5 giorni. Come detto ieri ho terminato la terapia Augmentin e non ho ormai più nessun dolore rilevante e gonfiore; secondo Lei è il caso che debba assumere anche questi farmaci?

Riguardo agli esami che dovrò fare nei prossimi mesi sulla cartella clinica mi è stato prescritto fra 6 mesi questi esami:
- esame urine + urinocoltura + ABG
- Ecocolordoppler scrotale.
Come da Lei consigliato farò effettuare anche un controllo del liquido seminale.

Venerdì 30 Marzo 2012 ho una nuova visita di controllo e Le farò sapere.

La ringrazio e La saluto distintamente
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

sui farmaci da prendere è sempre bene sentire il suo urologo in diretta; comunque, rifatta la valutazione, poi mi aggiorni, se lo desidera.

Cordiali saluti.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dr. Giovanni Beretta,

sono appena tornato dalla seconda visita di controllo dove il dottore mi ha tolto il cerotto, controllato la ferita ed il testicolo manualmente e medicato di nuovo.
Non c'è più nessun gonfiore ormai da giorni e dolori inesistenti perciò mi ha detto di terminare in largo anticipo la terapia che stavo assumendo da tre giorni dopo aver terminato l'Augmentin per 7 giorni. Da tre giorni assumevo 2 volte al dì Danzen e una volta al dì Levoxacin 500mg.

Ora avrò una nuova visita di controllo tra 6 mesi dove effettuerò anche gli esami urine + urinocoltura + ABG e l' Ecocolordoppler scrotale.

Infine per quanto riguarda il ritorno all'attività sessuale mi ha raccomandato di aspettare ancora qualche giorno affinchè la ferita si rimargini completamente.

Distinti saluti
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

le indicazioni ricevute mi sembrano corrette, ragionevoli e condivisibili e quindi le segua.

Ancora un cordiale saluto.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Salve dott. Beretta, a distanza di 2 mesi sembra che la situazione vada bene. Sono ritornato a praticare attività sessuale senza problemi e dolori. Vorrei chiederle una cosa: in questi giorni mi è capitato di vedere alcune volte al mattino appena svegliato sul glande delle linee rosse tipo dei capillari che poi dopo un oretta circa scompaiono magicamente. Forse è una mia impressione ma noto anche dei piccoli puntini rosso chiaro che non mi danno alcun fastidio con un apparente screpolamento. Potrebbe essere un infiammazione dovuto al detergente? Oppure può essere dovuto anche ad un periodo di notevole stress che sto attraversando? Sono una persona ansiosa e vorrei togliermi eventuali pensieri dalla testa. La ringrazio

Distinti saluti
[#7]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

senza ansie e paure inutili, entrambe le ipotesi da lei fatte vanno prese in giusta considerazione, comunque ora potrebbe essere corretto risentire in diretta anche il suo andrologo.

Cordiali saluti.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Salve, nel mese di Maggio ho effettuato un esame delle urine complete più urinocoltura con risultati tutti nella normalità. 15 giorni fa ho effettuato nuovamente un esame di controllo con il seguente referto.
ESAME URINE: COLORE GIALLO; ASPETTO LIMPIDO; PH 5.5; GLUCOSIO 0; PROTEINE 0; EMOGLOBINA 0.00; CORPI CHETONICI 0; BILIRUBINA 0.0; UROBILINOGENO 0.2; NITRITI ASSENTI; PESO SPECIFICO 1.008; LEUCOCITI 0; ESAME SEDIMENTO: RARE CELLULE UROTELIALI; ESAME URINOCOLTURA POSITIVO con presenza del Microorganismo ENTEROCOCCUS FEACALIS con carica batterica 600.000 cfu/ml.
ESAME SANGUE: VES 3; WBC 5.50; RBC 5.66; HGB 16.8; HCT 52.1>; MCV 92; MCH 29.7; MCHC 32.2; PIASTRINE 275; RDW-SD 44.7; RDW-CV 13.1; MPV 9.7; NEUTROFILI% 52.7; LINFOCITI% 38; MONOCITI% 7.6; EOSINOFILI% 1.5; BASOFILI% O.2; NEUTROFILI# 2.90; LINFOCITI# 2.09; MONOCITI# 0.42; EOSINOFILI# 0.08; BASOFILI# 0.01; CALCEMIA 9.9; AST 68>; ALT 28; FOSFATASI ALCALINA 94; GAMMA GT 29; AMILASI 52; LIPASI 78; PROTEINA C REATTIVA 0.29; ALFA 1 GLICOPROTEINA AC. 99>; FERRITINA 176; PROLATTINA 2.8<; GASTRINEMIA 30<; ANTICORPI ANTI HELICOBACTER PYLORI IGG 0.9; ASCA IGG 3; ASCA IGA 1; ANCA ANTI MIELOPEROSSIDASSI <0.2; ASCA SERIN-PROTEASI 0.2. Vorrei gentilmente un Vostro parere. Grazie
[#9]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Vi è un'urinocoltura positiva che va ben valutata criticamente nel quadro clinico complessivo che la riguarda.

In sintesi bisogna risentire in diretta il suo urologo od andrologo e sentire se è necessario instaurare una terapia con antibiotici.

Fatto questo, ci aggiorni.

Ancora cordiali saluti.
[#10]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dott. Beretta per aver risposto. Il campione delle urine prelevato e risultante positivo all'esame delle urinocolture risale a data 5 Giugno e solo oggi ho potuto ritirare il referto per colpa di alcuni esami ematici specifici che hanno richiesto maggior tempo per il loro risultato. Domani provvederò a ripetere l'esame delle urine completo con l'esame urinocolture capendo se questa infezione è ancora presente. Comunque nell'eventualità riscontrassi nuovamente urinocolture positivo con la presenza del relativo microorganismo Enteroccocus feacalis mi può rassicurare che con una giusta cura antiobiotica possa risolvere tale infezione? Mi preme capire se si tratta di una cosa grave o meno. La ringrazio dottore
[#11]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Certo, la presenza di un microrganismo patogeno è sempre accompagnata da un antibiogramma che ci indica quale è l'antibiotico a cui il microrganismo è più sensibile e quindi, anche per il medico, può essere più semplice impostare la terapia più mirata.

Ancora un cordiale saluto.
[#12]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore, La ringrazio per aver risposto come al solito egregiamente. Purtroppo in questi giorni il laboratorio analisi resterà chiuso e potrò portare il campione da esaminare solo lunedì. Infine le vorrei chiedere cosa sta a significare quel valore di carica batterica di 600.000 cfu/ml accanto alla parola Enteroccocus feacalis? Mi fa un pò paura questo valore così elevato. Grazie e buona giornata.
[#13]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

il valore potrebbe indicare una infezione legata a questo microrganismo che per altro è di frequente osservazione ed ubiquitario.

Generalmente, se la carica ed il battere sono significativi, viene fatto sempre l'antibiogramma, come le ho già detto.

Cordiali saluti.
[#14]
dopo
Utente
Utente
Dottore infatti nel referto dell'esame urinocolture risultato positivo è presente anche l'antibiogramma con gli antibiotici sensibili che potrei assumere. Comunque ripeterò l'esame lunedì e se risulta ancora positivo provvederò ad andare dal dottore per capire quale antibiotico vada meglio per il mio caso. Le farò sapere. Buona giornata.

Saluti
[#15]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Bene , qua siamo, ci aggiorni!
[#16]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Beretta, ieri ho ritirato il referto dell'esame urine con il seguente risultato:
ASPETTO: OPALESCENTE
COLORE: GIALLO PAGLIERINO
PESO SPECIFICO: 1.010
PH: 6
ALBUMINA: ASSENTE
GLUCOSIO: ASSENTE
CHETONI: ASSENTI
UROBILINOGENO: NELLA NORMA
BILIRUBINA: ASSENTE
NITRITI: - - -
SANGUE: ASSENTE
MUCO PUS: ASSENTE
EMAZIE: ASSENTI
LEUCOCITI: RARI BEN CONSERVATI
CELLULE EPITELIALI: ALCUNE DELLE B. V. U.
CRISTALLI: ASSENTI
BATTERIURIA: ASSENTE
CILINDRI: ASSENTI

URINOCOLTURA: NEGATIVA

L'urinocoltura è risultata negativa questa volta e senza assumere antibiotici l'infezione del microorganismo Enteroccocus feacalis è scomparsa. Quindi ora è tutto nella norma dottore? Grazie
[#17]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Dalle indagini da lei appena ritirate parrebbe proprio di sì!
[#18]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Beretta, ritorno a scriverle perché nella zona scrotale precisamente nella zona dove mi fu eseguito il taglio per l'operazione della torsione del testicolo, sto riscontrando una pelle lucida e a volte screpolata con assenza di prurito e dolore. C'è pelle secca e grattando se ne viene simile a quando si va al mare. Cosa può essere? Ho applicato un pò di crema idratante. Grazie
[#19]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

potrebbe semplicemente trattarsi del normale processo di guarigione della sua ferita chirurgica.

Se ci sono altri dubbi bisogna però sentire in diretta sempre il suo chirurgo.

Cordiali saluti.
[#20]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottor Beretta, oggi ho effettuato gli esami di controllo che mi sono stati prescritti dopo l'operazione per torsione del testicolo di Marzo 2012. L'esame urine ed urinocoltura tutto nella norma. L'ecografia scrotale con ecocolordoppler con il seguente referto:

TESTICOLI normali per volume ed ecostruttura, regolare il segnale power-Doppler parenchimale. Nulla a carico degli epididimi. A sinistra è presente varicocele di II - III grado al color - Doppler (reflusso sovra peritesticolare evidenziabile con le manovre funzionali).
Sono contento che il testicolo operato a Marzo si sia ripreso regolarmente; Lei cosa ne pensa a riguardo del varicocele? Il dottore che mi ha fatto l'ecografia mi ha detto di non preoccuparmi e di tenerlo solamente sotto controllo. Grazie
[#21]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

se desidera avere le mie opinioni su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare proprio l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-cosa-fare-quando-da-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#22]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dottor Beretta, oggi ho ritirato l'esito dell'esame del liquido seminale con il seguente referto:
Valutazione Macroscopica
Quantità: 1.0 ml - 22.0/6.0
Aspetto: Avorio
Fluidificazione: nella norma
Viscosità: nella norma
pH: 7.5
Valutazione Microscopica
Concentrazione Spermatozoi: 9 000 000 - > 15 000 000
Motilità Progressiva: 38% - > 32%
Motilità non Progressiva: 12% - 8%
Acinesia: 50% - < 60%
Anomalie Morfologiche: 70% - < 96%
Vitalità: 65% - >58%
Round Cells: 300 mmc - < 5 000
Emazie: 500 - assenti
Leucociti: 50 mmc - < 1 000
Agglutinati specifici: assenti
Osservazioni: Oligozoospermia.

Cosa ne pensa Lei?Grazie
[#23]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Sembra esserci un problema sul numero di spermatozoi presenti nell'eiaculato anche se l'esame fatto non sembra seguire comunque le ultime indicazioni date dall'OMS.

Risenta ora il suo andrologo in diretta.

Cordiali saluti.
[#24]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore,la ringrazio per aver risposto. E della presenza elevata di emaizie cosa ne pensa? Lei mi consiglia di ripetere l esame e cambiare laboratorio? Il numero carente di spermatozoi potrebbe dipendere anche da alcuni sogni erotici fatti durante la notte nel periodo di astinenza?grazie
[#25]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Lasci perdere i sogni erotici e senta in primis il suo andrologo e poi, sempre su sua indicazione, ripeta l'esame in laboratorio dedicato.

Cordiali saluti.
[#26]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore, il 29 Novembre ho la visita urologica dove farò vedere i risultati dell'esame. Ma secondo lei da cosa può dipendere quel valore alto delle emazie?Grazie
[#27]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore, il 29 Novembre ho la visita urologica dove farò vedere i risultati dell'esame. Ma secondo lei da cosa può dipendere quel valore alto delle emazie?Grazie
[#28]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Alla sua età è facile un problema vascolare od infiammatorio a livello delle vie seminali.

[#29]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore, questa mattina sono stato dal mio urologo che mi ha indicato di effettuare nuovamente l'esame dello sperma e nel caso si ripresentasse la situazione di Oligozoospermia mi ha consigliato di fare l'operazione di legatura del varicocele anche se mi ha comunicato che non ci sono garanzie assicurate in quanto l'operazione può anche non portare alcun beneficio. In quanto alle emazie mi ha detto di non preoccuparmi perchè non è presente una infezione e può essere stato un caso isolato. Nel caso si ripresenterà nell'esito del prossimo esame mi prescriverà altri esami per indagare meglio.
[#30]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

le indicazioni ricevute mi sembrano corrette, sagge e sono condivisibili.

Cordiali saluti.
[#31]
dopo
Utente
Utente
Buongirono dottor Beretta, a distanza di più di un mese ho ripetuto l'esame del liquido seminale con il seguente referto:
Quantità: 0.8 ml <
Aspetto: Avorio
Fluidificazione: nella norma
Viscosità: nella norma
pH: 7.5
Concentrazione Spermatozoi: 36 000 000
Motilità progressiva: 35%
Motilità non progressiva: 10%
Acinesia: 55%
Anomalie morfologiche: 94%
Vitalità: 65%
Round Cells: 10 000 mmc >
Emazie: 100 (dovrebbero essere assenti)
Leucociti: 50 mmc
Agglutinati Specifici assenti
Osservazioni: Oligoposia. Normozoospermia
Esame colturale liquido seminale: Positivo - Microorganismo Staphylococcus epidermidis
Cosa ne pensa rispetto all'esame precedente? L'esame colturale può essere che sia uscito positivo perchè non mi è stato detto di usare il guanto e quindi credo di averlo contaminato? Crede che questo aumento significativo degli spermatozoi mi facciano scongiurare l'operazione al varicocele?Grazie
[#32]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

l'esame sembra rientrato nei parametri della normalità.

Per la positività colturale riscontrata la sua osservazione può essere corretta.

Se ci sono altri dubbi ripetere eventualmente l'esame con le precauzioni del caso.

Ancora cordiali saluti.

[#33]
dopo
Utente
Utente
Grazie per aver risposto dottore al mio consulto. Le vorrei chiedere: in base all'esito dell esame del liquido seminale, il mio liquido è buono per fecondare? Cosa ne pensa per quanto riguarda anche la presenza nuovamente di emazie e del valore alto del Round Cells?La ringrazio.
[#34]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
La sua situazione citologica a livello del liquido seminale(emazie e cellule rotonde molto presenti) potrebbe far pensare ad una problematica infiammatoria in risoluzione.

Ma ora bisogna sentire in diretta sempre il suo andrologo di riferimento.

Cordiali saluti.
[#35]
dopo
Utente
Utente
Il 21 Febbraio ho la visita presso il mio urologo e Le farò sapere cosa mi dirà; nel frattempo mi farebbe piacere sapere il suo parere sul mio liquido seminale: secondo lei, stando ai risultati dell'esame descritti prima, è sufficiente per fecondare? O ci sono alcuni valori che debbano essere migliori? La ringrazio
[#36]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

se l'esame è fatto presso laboratorio attendibile questo ha parametri nella norma e quindi è sufficiente per fecondare.

Comunque, se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-e-realta-sul-maschio-infertile.html ,

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-di-vita-ed-infertilita.html ,

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-e-fertilita-maschile.html .

Un cordiale saluto.
[#37]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la Sua risposta. Come ultima cosa, Le vorrei chiedere, quando ripeterò l' esame è possibile utilizzare un contenitore simile ad un preservativo per raccogliere il liquido seminale? Le dico questo perchè ho riscontrato non poche difficoltà nella raccolta del liquido, in un contenitore simile al preservativo non andrebbe disperso niente e sarebbe ideale anche per l'esame colturale. RingraziandoLa per la Sua disponibilità La saluto e Le auguro un buon fine settimana. A presto. Saluti
[#38]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

deve però stare attento a che il dispositivo, come di solito succede con i normali preservativi, non sia lubrificato con sostanze spermicide:

In sostanza deve essere un preservativo non lubrificato.

Cordiali saluti.
[#39]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Beretta, oggi sono stato dal mio urologo per far vedere l'ultimo esame del liquido seminale. Mi ha consigliato di non effettuare l'operazione del varicocele perchè comunque i risultati dell'ultimo esame erano discreti e non è detto che con l'operazione ci sia di sicuro un miglioramento. Per quanto riguarda la spermiocolture mi ha consigliato di ripetere l'esame utilizzando guanti sterili e facendo molta attenzione. Lei che parere mi da in merito al varicocele?Secondo lei, in base agli ultimi risultati del spermiogramma, è necessario operare? La ringrazio
[#40]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

come già dettole l'esame sembra rientrato nei parametri della normalità e quindi condivisibile il parere del suo urologo poi il mio pensiero e se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico, chiamato varicocele, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo da me pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-cosa-fare-quando-da-problemi.html .

Un cordiale saluto.

[#41]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dott. Beretta, La ringrazio per aver risposto. A maggio ripeterò l'esame del liquido seminale per controllare lo spermiocolture che risultò positivo; nello stesso mese ho in programma anche l'ecografia scrotale con ecocolordoppler che ho deciso di eseguire ogni anno per controllare soprattutto la situazione del testicolo operato un anno fa. Secondo lei faccio bene a ripetere annualmente l'ecografia scrotale e magari ogni sei mesi l'esame del liquido seminale per avere la situazione sempre sotto controllo? La ringrazio e La saluto
[#42]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

basta un controllo andrologico ogni i 12-18 mesi e poi. sempre con il suo andrologo stabilire cosa fare e come continuare questa monitorizzazione nel tempo.

Ancora cordiali saluti.
[#43]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dott. Beretta, come sempre La ringrazio per aver risposto al mio ultimo consulto. La contatto perché oggi ho notato al tacco una piccola pallina nella borsa scrotale tra i due testicoli nella parte superiore quasi vicino al pene nelle vicinanze del testicolo operato. E' riconoscibile al tatto solo se tocco profondamente ma non riesco a capire se sia attaccata al testicolo o meno. Ciò mi sta preoccupando molto, non vorrei che sia qualcosa di brutto; secondo lei cosa può essere? Può essere che sia qualcosa legata all'operazione ed orchidopessi del testicolo? L'ho notata oggi, se l'avessi notata prima della mia ultima visita l'avrei fatta vedere all'urologo. La ringrazio sentitamente
[#44]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

se il suo urologo non lo ha recentemente notato potremmo per via indiretta pensare che non sia un dato obbiettivo importante ma, se ci sono altri dubbi, una rivalutazione con il suo urologo in diretta è consigliata.

Ancora un cordiale saluto.
[#45]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Beretta, grazie per aver risposto tempestivamente come sempre. Venerdì mi recherò dal mio urologo. Le vorrei dire che sono riuscito a capire meglio dove si trova questa pallina e mi sembra di sentirla nella parte superiore del testicolo; navigando su internet ho letto che si potrebbe trattare del epididimo. Toccando l'intero testicolo non riscontro nulla di particolare. Secondo lei potrebbe essere l'epididimo? Come faccio ad essere certo di toccare l'epididimo?La ringrazio
[#46]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Certo potrebbe essere anche l'epididmo; la certezza che si tratti della struttura anatomica, da lei indicata, gliela può dare invece solo il suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#47]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dott. Beretta, purtroppo per alcuni impegni di lavoro non sono potuto andare dal mio urologo per far vedere questa misteriosa "pallina" però oggi sono stato dal mio medico di famiglia che mi ha visitato cercando di trovare questa pallina con non poche difficoltà dato che non avevo molto rilassata la pelle dello scroto. Con molte fatiche credo che sia riuscito a toccare la pallina e secondo lui non si tratta niente di preoccupante. Mi ha consigliato di toccarla qualche volta per capire se secondo me aumenta di dimensione e nel caso mi ha detto di ritornare da lui. Nel frattempo dal 19 marzo che le ho scritto ad oggi non ho notato grandi cambiamenti, non è cambiata di grandezza anzi a volte mi sembra che diventi più piccola. Secondo lei potrebbe trattarsi di una vena? Comunque giorno 23 Maggio ho appuntamento per effettuare ecografia scrotale di controllo.
[#48]
dopo
Utente
Utente
Ho dimenticato di dire che toccando bene penso di essere quasi certo che questa pallina la sento sulla parete del testicolo destro al lato
[#49]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Faccia l'ecografia già programmata e poi ci risentiamo!

Ancora un cordiale saluto.
[#50]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottor Beretta, oggi ho eseguito l'ecografia scrotale programmata con il seguente referto:
ECOCOLORDOPPLER SCROTALE
TESTICOLI: normali per volume ed ecostruttura. Nulla a carico degli epididimi. Bilateralmente è presente idrocele di lieve entità. A sinistra è presente varicocele di II grado al power-Doppler (reflusso sovratesticolare reso evidente con le manovre funzionali).

In merito alla presunta pallina il dottore ha detto di non aver riscontrato nulla; ho notato quando tocco la pallina che a volte sembra non esserci o mi sembra di sentire qualcosa di morbido e a volte si sente più dura. Comunque l'ecografia non ha evidenziato nulla per cui sono sollevato.

Vorrei chiederLe lei cosa nè pensa in merito? E la comparsa dell'idrocele di lieve entità deve darmi preoccupazioni? La ringrazio.
[#51]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

un idrocele di lieve entità a volte è fisiologico mentre il varicocele deve essere attentamente valutato da un esperto andrologo.

Se non ancora fatto si legga anche l’articolo da me pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-cosa-fare-quando-da-problemi.html .

Ancora un cordiale saluto.
[#52]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Beretta, ho effettuato anche un esame del liquido seminale una settimana fa ed ho ritirato il risultato oggi:
Quantità: 1.6 ml <
Aspetto: Avorio
Fluidificazione: nella norma
Viscosità: nella norma
pH: 8.0
Concentrazione Spermatozoi: 40 000 000
Motilità progressiva: 35%
Motilità non progressiva: 10%
Acinesia: 55%
Anomalie morfologiche: 70%
Vitalità: 65%
Round Cells: 2 000 mmc
Emazie: 100 (dovrebbero essere assenti)
Leucociti: 10 mmc
Agglutinati Specifici assenti
Osservazioni: Normozoospermia
Esame colturale liquido seminale: Positivo - Microorganismo Staphylococcus warneri

Cosa ne pensa dei dati del referto del liquido seminale? E poi perchè negli ultimi tre esami del liquido seminale ho riscontrato sempre la presenza di emazie? Devo preoccuparmi?Grazie
[#53]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

sia il riscontro di emazie che la presenza di un ceppo della famiglia degli Staphylococchi potrebbe far pensare ad un problema infiammatorio delle vie uro-seminali e questo necessita ora di una valutazione o rivalutazione in diretta con il suo andrologo di fiducia.

Fatto il tutto poi, se lo desidera, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
[#54]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dott. Beretta per aver risposto. Le volevo aggiungere che giorni fa quando ho effettuato l'ecografia scrotale ho eseguito anche l'ecografia addome completo con il seguente esito:
TIROIDE: volume normale, ecostruttura omogenea e normoecogenea, con normale segnale color-Doppler parenchimale. Assenti noduli.
FEGATO: volume normale, ecostruttura omogenea e normoecogenea; assenti lesioni occupanti spazio.
COLECISTI: volume normale, pareti regolari, assenti calcoli.
V.B.: non dilatate
PANCREAS: spessore ed ecostruttura nella norma.
MILZA: non aumentata di volume.
RENI: volume normale, cortico midollare di spessore regolare. Assenti lesioni occupanti spazio, calcoli ed idronefrosi.
VESCICA: distesa, pareti regolari, assenti calcoli e vegetazioni endoluminali.
PROSTATA: normale per volume, ecostruttura pressochè omogenea e normoecogena.
CAV. ADDOMINALE: assenti versamenti.

A questi esami mi consiglia di effettuare l'esame delle urine completo con urinoculture per presentarmi dall'urologo con un quadro clinico più completo? Grazie
[#55]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

la valutazione ecografica già fatta è tranquillizzante, completi le indagini del caso e poi, le ripeto, risenta in diretta il suo urologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#56]
dopo
Utente
Utente
Va bene dott. Beretta, effettuerò anche gli esami delle urine e mi recherò dal mio urologo e le farò sapere cosa mi dirà. La saluto cordialmente.
[#57]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Bene!
[#58]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dott. Beretta, sono stato dal mio urologo il quale non ha riscontrato nulla di preoccupante per quanto riguarda la presenza di emazie nel liquido seminale. Non mi ha prescritto di ripetere l'ecografia e neanche di ripetere l'esame del liquido seminale cosa che vorrei fare di mia volontà ogni anno per un controllo di routine. La saluto cordialmente
[#59]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettore,

bene, comunque, se desidera avere altre informazioni dettagliate su questo particolare problema andro-urologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/975-emospermia-quando-c-e-sangue-nel-liquido-seminale.html .

Un cordiale saluto.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test