Utente 467XXX
Buongiorno,
mi rivolgo allo staff di Medicitalia per fare chiarezza su alcuni dubbi, per poi proseguire le indagini mediche già iniziate.

Dopo tre episodi di cistite nel corso di quest'anno risolti ogni volta in un paio di giorni di cura antibiotica, dopo l'ultimo mi è rimasta una sensazione di bruciore/pizzicore nella zona vescica-inguine (bilaterale) di varia intensità, dipende dai giorni.
Il fastidio è iniziato intorno alla fine di agosto, ho fatto diversi esami, urinocultura negativa, ecografia alle vie urinarie, tutto normale, indagini in campi ginecologico, tamponi vaginali, ecografia transvaginale, tutto bene.
Non ho problemi ad urinare, nessun aumento della minzione nell'arco del giorno/notte, non ho bruciore durante la minzione.
Non so se può essere un problema urologico, proprio perchè i classici sintomi della cistite non ci sono, ma mi domando: può comunque esserci un'irritazione della vescica anche senza problemi della minzione?
Non vorrei che si sottovalutasse il problema, dato che il mio medico di base ritiene inopportuna una visita urologica (che comunque io penso farò ugualmente).
Resto in attesa di un gentile parere.
Cordialmente.
Betty

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

sì "può comunque esserci un'irritazione della vescica anche senza la presenza di eventuali problemi della minzione.

Detto questo, se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tale problematica urologica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/199-cistiti-ed-uretriti-urina-brucia.html .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Grazie Dottor Beretta per la gentile e veloce risposta.
Approfitto per un'ulteriore domanda, un'eventuale irritazione alla vescica potrebbe comportare anche bruciore inguinale?

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sintomo anche questo possibile ma non specifico.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 467XXX

La ringrazio nuovamente, ho letto l'articolo che mi ha segnalato ma non mi ritrovo nei sintomi della cistite che sono indicati, perchè il bruciore che sento "in zona" è indipendente dalla minzione.

La sua risposta mi ha aiutato a decidere di andare da un urologo.

La saluto cordialmente.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!

Fatta la valutazione urologica, se lo desidera, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 467XXX

Buongiorno,
ho effettuato visita urologica e dopo la valutazione di tutti gli esami che ho fatto, il medico ha presupposto un'infiammazione pelvica scatenata da manovra meccanica, considerato che nel mese di luglio ho effettuato un'isteroscopia operativa per la rimozione di un polipo all'endometrio.
Mi ha prescritto un integratore alimentare a base di PEA per due mesi e un altro per rafforzare la vescica + fermenti intestinali, dato che sono in menopausa ritiene che la "zona" possa essere essere anche indebolita dalla mancanza di estrogeni.

Sono fiduciosa sulla "guarigione", perchè la costanza del disturbo è piuttosto recente, quindi spero che l'antinfiammatorio sia risolutivo (anche se mi si prospetta un periodo di assunzione piuttosto lungo).

Un gentile parere è sempre ben accetto.
Grazie.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

segua le indicazioni ricevute che sono sostanzialmente condivisibili.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 467XXX

Buongiorno,

a tre settimane dall'inizio della cura con gli integratori che ho descritto, posso dire di avere avuto qualche leggero miglioramento, ma la cosa che a volte mi manda in crisi è che il disturbo che sento in zona pelvica sembra sparire, per poi tornare dopo qualche giorno, oppure cambia modo di manifestarsi, magari con qualche pizzicore sparso, che va dall'inguine al pube, oppure a volte mi sembra di avere il fastidio che si prova alla pelle scottata da sole.

Tra una decina di giorni tornerò dall'urologo per una visita di controllo, ma mi sto domandando se non è il caso di rivolgermi anche ad un altro tipo di specialista ... un neurologo ad esempio?

Grazie in anticipo per la risposta.

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì; la visita con un neurologo o meglio con un neuro-urologo potrebbe essere utile!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 467XXX

Grazie per la rapida risposta, secondo lei di cosa si potrebbe trattare, dati i sintomi?
Comprendo che con gli integratori i tempi di miglioramento sono lunghi, però mi chiedo anche se la strada intrapresa è giusta.

[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

come già scrittole: "segua le indicazioni ricevute, sono sostanzialmente condivisibili."

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente 467XXX

Buonasera,
ho seguito il suo consiglio, ho chiesto un consulto ad un neuro-urologo e dopo attenta visita, la diagnosi è stata: dolore pelvico da contrattura muscolare e nevralgia del pudendo.
Mi ha prescritto:
Lyseen (miorilassante) e Etinerv.

Mi sento sulla strada giusta per risolvere il mio problema, però, dopo un paio di giorni di terapia, pur sentendo un leggero miglioramento in "zona pelvica", mi da pensiero un fastidio gastro-intestinale, comparso proprio dopo l'assunzione dei due medicinali (li prendo insieme).

Premetto che ho lo stomaco molto sensibile e soffro di colon irritabile, e oltre ad un leggero dolore gastrico, mi sento lo stomaco gonfio, come quando in passato ho avuto una "bolla".

La mia domanda è la seguente: possibile che i medicinali assunti provochino un problema simile?

Etinerv è un integratore e non dovrebbe avere effetti collaterali, ho qualche dubbio invece su Lyseen.

Grazie in anticipo per le eventuali risposte al mio quesito.

Cordiali saluti.

[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

in genere il farmaco indicatole è ben tollerato.

Vi sono, come per tutti i farmaci, degli effetti indesiderati che si possono manifestare raramente ma tra questi non sembrano figurare quelli da lei lamentati.

Bene ora eventualmente risentire il suo neuro-urologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com