Utente 431XXX
Tra qualche mese devo rimuovere lo stent ureterale e volevo una piccola informazione. Gia so che dovrò andare in sala operatoria e mi sederanno, ma mi chiedevo per quanto tempo devo rimanere in ospedale e se è necessario portare il catetere. Inoltre sono stata sottoposta a una RIRS e il mio dottore ha detto che è rimasto ancora il guscio esterno del calcolo di 12 mm ( il calcolo era grande 23 mm). Volevo sapere se sarà necessaria una litotrissia extracorporea o basteranno dei farmaci.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I dati che ci fornisce sono un po' troppo frammentari per poter esprimere un giudizio. In particolare, dovremmo sapere dove si trova il residuo di calcolo e per quale motivo lo stent sia stato lasciato per un tempo così lungo (mesi?). D'ogni modo, pare assai probabile che, se il residuo di calcolo è ancora cospicuo, sarà il caso di eseguire un secondo tempo di uretero(reno)scopia operativa (RIRS). Talora dopo il secondo tempo endoscopico non è più necessario inserire ulteriormente lo stent poiché l'uretere è diventato più ampio e compiacente nel frattempo. In alternativa si potrebbe trattare con le onde d'urto dall'esterno, ma questo certamete renderebbe più lonttana ed incerta la soluzione definitiva del problema.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 431XXX

Non mi è stato detto dove si trova precisamente ma mi è stato detto che del calcolo originario di 23 mm è rimasto solamente il guscio esterno di 12 mm. In ogni caso vorrei sapere anche come funziona la rimozione dello stent

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La situazione deve essere ovviamente evidente dalla copia della cartella clinica dove è riportata la descrizione dettagliata dell'intervento eseguito e dagli accertamenti eseguiti in seguito. Tutti documenti questi di cui deve disporre se intende richiedere un consulto ad altri specialsiti. La rimozione dello stent viene eseguita con una semplice cistoscopia ambulatoriale della durata di meno di un minuto, perlopiù agevolmente sopportata senza anestesia ancor di più nella donna.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing