Utente 102XXX
Buongiorno Dottore il 30 di ottobre sono stato operato di Adenomectomia Prostatica transvescicale ad Ivrea e il decorso operatorio tutto normale , pero' adesso a distanza di 35 giorni quando vado ad evacquare premetto che non sono stitico perche' prendo un misurino di Portolac per evitare la stitichezza, pero' basta che la massa fecale sia abbondante e spinge contro la prostata e mi fa male, poi per due tre volte quando urino ho le urine macchiate di sangue color marrone scuro, e dolore nella minzione, alla visita di controllo il Dottore che mi ha operato mi ha detto che e' una cosa normale e ne avro' ancora per un po' di tempo di questi problemi, e mi ha dato l'esito dell'esame Istologico negativo solo adenoma alla prosstata, Descrizione Macroscopica: Massa a superficie bozzuta di colorito grigiastro del diametro max di cm 5.8 piu' due frammentini Pesa gr 56 (x4) mi domando con una prostata cosi' era proprio il caso di fare l'Adenomectomia Prostatica Transvescicale non si poteva intervenire tramite TURP perche' la convalescenza adesso e' dura, solo ieri mentre urinavo mi sono usciti dei frammenti della ferita interna penso un cucchiaino e dolore nella minzione, la ferita esterna e' guarita ma e' quella interna che mi da problemi, pensare che tutti i giorni bevo 2 litri di acqua e fino a una settimana fa 3 litri di acqua naturale, in attesa di una Sua valutazione La ringrazio in anticipo grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Giudicare ora sulle indicazioni all'intervento ovviamente non ha molto senso, l'adenomectomia prostatica è in effetti un intervento dal passato molto glorioso (il cavallo di battaglia di quasi tutti gli urologi) ma oggi limitata a situazioni particolari, che sono comunque a giudizio dell'operatore. Su questo noi a distanza non abbiamo modo di giudicare. I tempi di ripresa medi sono abitualmente introrno ai 40-60 giorni e non differiscono granché dal post-operatorio degli interventi endoscopici. Per contro questi ultimi permettono una degenza ospedaliera più breve. A distanza di tempo però non vi sono differenze sostanziali in quanto alla qualità del risultato finale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing