Utente 455XXX
Buongiorno,
Soffro di cistite da E.Coli ( comprovata tramite urinocoltura, batterio maggiore in urina di 100.000 ). Avrei una domanda : il mio medico mi ha prescritto una terapia antibiotica ( Ciproxin ) che io ho seguito ma senza alcun miglioramento. Ho consultato un altro medico che mi è parso più “preparato” ( mi ha ascoltato molto e spiegato molte cose, a differenza del mio! ) a riguardo, e mi ha consigliato, dal momento che avevo già fatto antibiotico mirato secondo l’urinocoltura, di procedere con Acidif ( per acidificare le urine e rendere ostico e meno ospitale l’ambiente per l’E.Coli, che avrebbe bassa sopravvivenza o comunque difficoltà di adattamento in ambiente acido ) più tintura madre di uva ursina, il tutto per 3 mesi circa. Fatta questa cura, e passati diversi mesi, mi sono rivolta alla ginecologa per una comune visita e le ho accennato dei miei problemi con la cistite. Lei mi ha consigliato un farmaco opposto: Alka Flor per alcalinizzare le urine, sconsigliandomi appunto di acidificare, ma di rendere appunto l’ambiente basico.
Dato che queste soluzioni sono opposte, Voi cosa mi consigliate di fare?
Bevo già molto, sto attenta all’alomentazione, e tutte le altre misure preventive. È solo che non capisco quale sia effettivamente la strada giusta, se acidificare o alcalinizzare.
Ringraziandovi in anticipo e augurandovi un buon lavoro,
Giulia

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

in presenza di una infiammazione delle vie urinarie è l'acidificazione delle urine che risulta utile nella prevenzione e anche nel trattamento di questo problema clinico complesso.

Generalmente i batteri che danno infiammazioni ed infezioni a livello dell'apparato urinario sono dei Coliformi, il microrganismo più frequente di questa famiglia è l'Escherichia Coli che è molto sensibile al pH circostante e quando si trova in un ambiente acido non è in grado di riprodursi in maniera massiccia.

In estrema sintesi, quando si sospetta la presenza di una infezione delle vie urinarie, è sempre utile acidificare le urine.

Senta ora in diretta sempre il suo urologo di fiducia.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com