Utente 251XXX
Buonasera, egregi dottori . Essendo un soggetto molto ansioso e con tendenza a somatizzare ogni disagio interiore sul fisico , spesso mi capita di avere dei disturbi alle vie urinarie , dove poi agli esami clinici non si rileva mai nulla di significativo. Come oggi faccio molte volte pipì , ma senza un corrispettivo apporto idrico che lo giustifica , mi brucia o pizzica la punta del glande e ho visto che la stipsi è più accentuata del solito , come se sia intestino che vescica non si svuotasssero al meglio .

Sono ipocondriaco,mi fisso sul pensiero del fastidio e perdo il buon umore . Se prendo monuril stasera è un errore ?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

vedo che una iniziale autodiagnosi già lei se le data: "Sono ipocondriaco,mi fisso sul pensiero del fastidio e perdo il buon umore", tutto ciò scatena stress, "disturbi alle vie urinarie e "come oggi faccio molte volte pipì ma senza un corrispettivo apporto idrico che lo giustifica".

Si rilassi, non drammatizzi e, se proprio non riesce a controllare la sue paure, sempre bene sentire, ma in diretta, il suo urologo di riferimento.

Utile sarebbe poi anche consultare, sempre in diretta, un bravo psicologo.

Un cordiale saluto
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com