Utente 486XXX
error

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'estramustina fosfato è un farmaco utilizzato da decenni per la terapia del carcinoma prostatico avanzato (metastatico). Si è sempre dimostrata abbastanza efficace, ma è gravata da effetti collaterali non indifferenti. oggigiorno vi sono delle alternative valide. Le indicazoni dipendono però più che dall'urologo, dall'oncologo medico, che è generalmente più titolato a seguire i casi oncologici avanzati da trattare con chemioterapia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Gent.mo Professore,
la ringrazio per la sua cortese risposta.
Per ovviare all'errata eliminazione del mio intervento precedente, le riscrivo per chiederle suggerimenti terapici per mio padre, attualmente 78enne, ormonorefrattario e asintomatico, con diagnosi datata 2007 di adenocarcinoma scarsamente differenziato della prostata (Grado 8°, 4+4 Gleason) con permeazione neoplastica perineurale (Adenocarcinoma bilaterale infiltrante i tessuti extracapsulari e le vescicole seminali; Stadio pT3b R1 pN0; linfonodi indenni da neoplasia).

Le riassumo le varie operazioni e terapie cui si è sottoposto nell'arco di questi 11 anni:

* dal 2008 a metà 2012: TERAPIA Zoladex 10,8 (1 iniezione ogni 3 mesi) + Casodex 50 (1 al giorno)
* il 17/07/2012: PROSTATECTOMIA radicale + asportazione di linfonodi regionali
* dal 01/11/2012 al 21/12/2012: ciclo di RADIOTERAPIA su loggia prostatica + area linfonodale pelvica (28 sedute in tutto)
* dal 01/03/2013 al 01/12/2015: TERAPIA intermittente col Bicalutamide 50mg (1 mese si e 3 mesi no)
* dal 26/01/2017 al 23/02/2017 TERAPIA con ESTRACYT 140mg (3 caspule al giorno)
* dal 02/02/2018 al 01/03/2018 TERAPIA con ESTRACYT 140mg (2 caspule al giorno)

01/03/2018 PSA 1,093
15/03/2018 PSA 1,279

Tac - Scintigrafia ossea - Pet Psma - Pet Rame64 - Risonanza magnetica Tesla 3 - TUTTE NEGATIVE (no metastasi).

Vista la scarsissima efficacia dell'Estracyt (unita ai pesanti effetti collaterali su emocromo e pressione arteriosa riscontrati da mio padre), le chiedo un consiglio su terapie alternative da intraprendere per contrastare l'aumento del PSA. Esistono altre possibilità di cura?

La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo appena scritto, in casi come questo: "le indicazoni dipendono però più che dall'urologo, dall'oncologo medico, che è generalmente più titolato a seguire i casi oncologici avanzati da trattare con chemioterapia".
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 486XXX

Grazie per la sua sollecita risposta, dr. Paolo Piana.

Un dubbio che però ci resta è sul perché del continuo e inarrestabile aumento dei valori del PSA.
Dal momento che Tac, Scintigrafia ossea, Pet Psma, Pet Rame 64 e Rmn Tesla 3 hanno tutte dato esiti negativi, scongiurando in toto la presenza di metastasi, com'è possibile che il PSA continui a salire in maniera tanto costante e progressiva?
All'oncologo non ci si dovrebbe rivolgere solo in casi di diffusione metastatica della malattia?

Scusi ancora per la nostra premura ma l'urgenza del caso in questione la impone, purtroppo.

La ringraziamo in anticipo per la sua eventuale risposta.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Evidentemente vi sono delle cellule che producono PSA che sfuggono agli accertamenti. Questo non stupisce, l'esame più sensibile che abbiamo a disposizione oggi è la PET, ma è difficile individuare chiaramente una localizzazione con PSA inferiori a 2-3 ng/ml.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 486XXX

Grazie ancora per il consulto.

Cordialmente.