Utente 462XXX
Buongiorno! Sono un settantenne sostanzialmente in buona salute, con qualche problema di prostata che prevedo sarà risolto a settembre di quest'anno con un intervento - vi avevo scritto in proposito nel settembre scorso -. In passato ho sofferto in più occasioni di calcoli ai reni, risoltosi con uscita dei calcoli.
In previsione di una visita urologica programmata per fine aprile/inizio maggio ho provveduto ad aggiornare i test sangue/urina.
I risultati sono quasi tutti nella norma, ad eccezione FERRO (51 g/dL), probabilmente dovuto anche al fatto che negli ultimi mesi ho ridotto l'uso di carne, e PARATHORMONE che risulta essere 83,00 pg/ml, mentre il dato dovrebbe essere compreso tra 12 e 72 (in passato il valore oscillava tra 68 e 70).
Sono in partenza dopodomani per un viaggio negli USA e rientrerò in Italia solo fra un mese.
Mi chiedo se il valore elevato del Parathormone
- possa essere collegato a qualche disfunzione del rene oppure a qualche altra patologia
e se conseguentemente sia consigliabile una visita specialistica urgente, oppure io possa partire e programmare una visita medica fra uno/due mesi.
Vi ringrazio sin d'ora se mi farete pervenire vostri commenti.



Altri dati dei test oggi ricevuti:
Ferritina 73 Sodio 144
Calcio 9,20 Potassio 4,5
PSA totale 0,790
PSA libero 0,456
PSA libero/
PSA totale 57,7%
Colesterolo Totale 119

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Livelli elevati di paratormone possono correlarsi alla formazione di calcoli renali, ma in queste situazioni si tratta di variazioni di gran lunga più consistenti di quanto osservato nel suo caso. Diremmo quindi che non sia il caso di agitarsi, magari l'esame potrà essere ripetuto tra qualche mese.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing