Utente 482XXX
Buongiorno,
ho 65 anni e sono estremamente preoccupato per l'innalzamento in poco tempo del psa:
febbraio 2017 - totale 2,4
gennaio 2018 - totale 3,19
febbraio 2018 - totale 3,40 free 0,62 rapporto 18,2
marzo 2018 - totale 4,20 free 0,66 rapporto 15,6
prima dell'ultimo dosaggio sono stato visto sia dal mio urologo di riferimento che non ha rilevato nulla al dre e nulla con l'ecografia addome inferiore . cura profloss e supposte riflog per tre mesi; sia da altro che ritiene sia ipertrofia prostatica.
Essendo un soggetto patologicamente ipocondriaco ho rifatto un'ennesima volta il dosaggio ed è risultato ulteriormente alterato.
Oltre a tutti i sintomi quali urinare la notte, spesso anche di giorno, avverto quando sono seduto un senso di fastidio nella zona perineale.
Il 30 di marzo sentirò nuovamente un importante urologo della mia città per ulteriori passi.
Potrebbe trattarsi anche di prostatite cronica? Tale patologia può giustificare i rialzi descritti? Non avverto nè bruciori nè dolori, se non un fastidio perineale nello stare seduto oltre a coliti delle quali soffro da sempre essendo come ho già detto un soggetto ansioso che al minimo problema ritiene di avere un tumore.
Grazie per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il solo PSA nulla ci dice nè ci permette di fare alcuna diagnosi.

Segua sempre le indicazioni del suo urologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 482XXX

grazie per la veloce risposta. citerei però un passo di un'importante opera del Manzoni: ....il coraggio uno non se lo può dare....., così Don Abbondio.
grazie ancora di cuore.
gianluigi

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Coraggio, non aiuta mai drammatizzare, si rischia di affogare in un bicchiere d'acqua!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com