Utente 251XXX
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 22 anni e ormai 10 giorni fa sono stato sottoposto ad un intervento di legatura di 2 vene spermatiche per un varicocele sinistro di terzo grado asintomatico. Da ormai più due giorni ho iniziato ad accusare un dolore al testicolo e al tatto lo stesso risulta leggermente ingrossato con scroto leggermente gonfio e si presenta come il classico “sacchetto di vermi” anche se in posizione diversa rispetto a prima dell’intervento. Ho fatto presente il mio fastidio/dolore alla visita di controllo ma mi è stato detto, senza nemmeno valutarlo, che si tratta di una normalità nel decorso di questo intervento, dando invece priorità al controllo della ferita operatoria sull’addome, il tutto con una certa “fretta” a mio parere.
Al momento per il dolore sto applicando ghiaccio (con un asciugamano per evitare il contatto diretto) sulla zona e nei momenti di massima intensità assumo una bustina di oki.
Quello che vorrei sapere da voi è se effettivamente il mio problema possa far parte del normale decorso post-operatorio oppure se si possa trattare di una persistenza del problema con addirittura un aggravamento dei sintomi in quanto, nonostante fosse di terzo grado, almeno prima era asintomatico.

P.S.: I valori dello spermiogramma svolto prima di effettuare l’intervento erano nella norma.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tenga conto che le varici testicolari non vengono rimosse durante l'intervento, ma viene unicamente bloccato il reflusso di sangue che le inturgidice. Pertanto una certa masserella continua ad essere apprezzabile e tendrà a riassorbirsi in tempi medio lunghi (6-12 mesi). Oltre a questo, è abbastanza normale che dopo l'intervento anche il testicolo vada incontro ad una transitoria tumefazione, che può essere percepita come fastidiosa o dolorosa. In genere la situazione evolve nel giro di un paio di settimane ed è controllabile con comuni anti-infiammatori. Se le sembra comunque che le cose non stiano migliorando, sarebbe il caso che si facesse rivalutare da chi l'ha operata,
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 251XXX

La ringrazio infinitamente per la risposta, monitorerò il dolore e in caso mi rivolgerò nuovamente a chi mi ha operato.
Una buona giornata.