Utente 503XXX
Gent.mi dottori,
sottopongo il caso di mio padre,
55 anni e con diagnosi di adenocarcinoma prostatico: 2 giorni fa è stato sottoposto ad intervento di prostatectomia radicale in robotica, senza linfoadenectomia.
Nel postoperatorio ci è stato riferito che in fase di risveglio, ancora in sala operatoria, mio padre, accidentalmente, si è sfilato il tubicino del drenaggio; è stato poi deciso di non riposizionarlo considerando lo scarso sanguinamento durante l'intervento.
Quali conseguenze può portare la mancanza di drenaggio? Che fine faranno il sangue e le altre sostanze che non sono uscite?
Siamo preoccupati!
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Proprio perché l'intevento è stato eseguito in laparoscopia assistita dal robot operatore e non è stata eseguita l'asportazione di linfonodi, le possibili fonti di sanguinamento o secrezione sieroso-infatica dovrebbero essere molto modeste. Pertanto possiamo condividere l'attggiamento ottimista dei nostri Collghi. Ovviamente sarà necessario seguire la situazione con solo un po' più di attenzione, magrai ripetendo dei semplici contolli ecografici nel corso delle prime 2-3 settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing