Utente 492XXX
Buongiorno, mio padre (72 anni) si è sottoposto lo scorso 27 giugno ad intervento di prostatectomia radicale robot assistita. Base di partenza: ultimo psa 6,7 e gleason score da biopsia prostatica 4+2.
Ieri ci è stato consegnato l'esito dell'esame istologico che documenta: adenocarcinoma acinare, gleason 4+3 coinvolgente entrambi i lobi. La neoplasia infiltra la capsula prostatica senza superarla. Invasione perineurale presente, focale. (Pt2c (EPE -; R0).

Il dottore ha tranquillizzato papà dicendo che per il momento non ravvede nemmeno la necessità di procedere con un ciclo di radioterapia, con riserva di rivalutare il tutto a tra 4 mesi con nuovo dosaggio Psa e uroflussometria.

Chiedo gentilmente un parere in merito al fatto che ci sia invasione perineurale focale. Ci dobbiamo preoccupare?
Inoltre chiedo aiuto per l'interprestazione della codifica EPE-;R0)
Ringrazio fin da subito per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'invasione perineurale focale è un aspetto microscopico che definisce una generica tendenza alla maggiore aggressività del tumore, che avrebbe potuto manifestarsi se non si fosse giunti alla diagnosi ed al successivo intervento. In ogni caso, l'esame istologico definisce chiarament ch l tumore è ancora limitato all'interno della prostata. Pertanto l'intervento è stato radicale e non sono necessari provvedimenti diversi dai normali controlli che si eseguono in questi casi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 492XXX

La ringrazio infinitamente. Le auguro una buonissima estate