Utente 511XXX
buongiorno sono Sergio 70 anni, soffro di mitto ipovalido e nicturia dopo analisi sangue riscontro ogni anno un aumento del valore psa di 0.5 di aumento all anno ad oggi il valore è 5.00ng e hb 12.4 g . dopo visita dall urologo la diagnosi é prostata assimetrica lobo sinistro aumentato di consistenza prostata 40cc assenza di idronefrosi. da eseguire biopsia prostatica. riferendomi che può essere un tumore e che bisogna intervenire nel caso sia maligno. la mia domanda é se così grave come situazione e rischio veramente un tumore visto che il psa è al limite visto l età cioè 5.00 e non mi sembra alto e poi se così fosse(tumore maligno 1 o 2 fase) si possa guarire con cura farmacologica o intervento chirurgico fatto con robot che da quanto ho letto è meno invasivo e tempi di guarigione più rapidi rispetto a quello a cielo aperto. grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Alla sua età e con una prostata ingrossata, un PSA di 5 ng/ml non è da considerare particolarmente elevto o sospetto. Certamente la cosa non è da sottovalutare, ma parlare ora di un possibile intervento ci pare assai prematuro. Piuttosto, prima di eseguire delle biopsie, sarebbe opportuno sottoporsi ad una risonanza magnetica multiparametrica della prostata. In base al risultato, si potrà decidere se le biopia siano veramente oportune ed in questo caso si avrà modo poterle "mirare" in modo più efficace.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 511XXX

grazie dottore a seguito di ulteriore riscontro ho eseguitoo ieri analisi sangue con seguenti risultati: ptt 34. psa 4.71 globuli rossi rbc 3.40 bianchi wbc 3.4 ematotocrito hct 33.9 emoglobina hgb 13.6 m.c.v. 99.7. m.c.h. 40.00 m.c.h.c. 40.1 piastrine plt 167 neutrofuli 59.7 % eosinofili 0.8 basofili 0.2% linfociti 29.4 % monociti 9.9 % rdw-cv 15.7 pdw 18.4 mpv 5.2 p- lcr 0.09
vorrei sapere visto l età 70 anni se é normale avere questi globuli rossi bassi e se serve solo una cura di vitamine o sotto si può nascondere un problema serio . grazie

[#3] dopo  
Utente 511XXX

gentilissimo dottore inoltre vorrei sapere se con la risonanza multiparametrica della prostata da voi consigliata si evidenzia un eventuale tumore evitanto così la biopsia
grazie

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'anemia è molto modesta, comunque non è una patologia di nostra competenza, le consigliermmo di parlarne con il suo curante. La risonanza magnetica multiparametrica è oggi l'indagine più sensibile in grado di evidenziare il sospetto di un tumore. se questo è evidente, la biopsia deve comunque essere eseguita, ma in modo mirato all'area sospetta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 511XXX

gentilissimo dottore ho eseguito la biposia prostatica a seguito di psa 5 ng/m prostata aumentata di volume 60 ml circa; problematiche : mitto ipovalido e nicturia senza altri problemi. il referto preso con esame istologico dice diagnosi: frustoli prostatici esenti da neoplasia con focolai di flogosi aspecifica. vorrei sapere cosa significa focolai di flogosi e se serve una cura e per quanto tempo e se non curata può creare problemi seri. grazie

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Esclusa la presenza di degenerazione tumorale, la situazione si riduce ad un classico quadro di ingrossamento prostatico benigno con sintomi urinari. Questi andranno trattati con le comuni terapie (alfa-litici, dutasteride, estratti vegetali) a seconda delle preferenze del suo urologo di riferimento. In caso di inefficacia della trapia sarà eventualmente da proporre un intervento endoscopico disostruttivo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing