Utente 522XXX
Buongiorno,
chiedo un consulto per mio figlio che compirà 11 anni il prossimo Maggio. Alla nascita il testicolo dx ara in sede inguinale. A 18 mesi si sottopose ad un intervento di orchiopessi. Il risultato dell'intervento non mi ha mai soddisfatto completamente, perchè, sebbene il testicolo sia stato fissato all base dello scroto (è visibile la cicatrice del punto di attacco), esso è rimasto sempre in posizione molto alta, praticamente alla radice dello scroto. Alla palpazione il testicolo si sente ma lo stesso mio figlio mostra molte perplessità sulla difficoltà che ha nell'individuarlo e sull'enorme differenza di posizionamento rispetto al testicolo sx, tanto che sta diventando per lui motivo di scarsa serenità personale.
Abbiamo fatto diversi controlli ecografici da cui risulta che il testicolo è leggermente più piccolo della media ma nessuno si pronuncia circa la sua funzionalità che sembrerebbe esserci ma che bisogna aspettare la pubertà per averne certezza.
Vi chiedo se la condizione del testicolo che vi ho descritto debba destare preoccupazione perchè non è accettabile o è pericolosa la posizione in cui si trova. In tal caso devo fare approfondimenti presso altri specialisti ? Oppure è una condizione tollerabile alla quale nulla si può/deve fare se non aspettare e vedere come evolve?

Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se il funicolo spermatico è corto, più di tanto non si può fare, l'importante è che il testicolo sia "scoperto", ovvero non più trattenuto all'interno del tragitto inguinale. Il risultato "estetico" è poi un'altra cosa, ma come abbiamo detto, talora bisogna scendere ad un compromesso. E' normale che il testicolo operato sia più piccolo, sulla sua futura funzionalità fecondante potremmo avere qualche dubbio, (l'altro compenserà) mentre invece non doivrebbero esserci problemi per la produzione di testosterone.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing