Utente 467XXX
Buongiorno,
lo scorso lunedì, dopo due giorni di sintomi legati alla cistite, a causa di un forte dolore al fianco destro, mi sono recata in PS. Lì, oltre ad avermi somministrato numerosi antidolorifici endovena, hanno visto che avevo i globuli bianchi a 180000. Devo anticipare che io ho una stenosi del giunto bilaterale. Pensando ad una probabile pielonefrite, mi hanno somministrato zariviz endovena e mi hanno prescritto di continuare la cura per via intramuscolare per altri sei giorni mattina e sera. Il giorno dopo ho ripetuto l'emocromo ed i bianchi erano scesi a 5000. Al penultimo giorno della cura, ho cominciato ad accusare malessere alle gambe e ho avuto febbre fino a 38. Mi sono recata in PS, dove mi hanno fatto un'ecografia pensando ad un'appendicite, e i globuli bianchi erano a 10000 (con un aumento dei linfociti). Non vedendo anomali nell'ecografia mi hanno prescritto Tachipirina. Ieri sera, ultimo giorno della cura, ho accusato di nuovo malessere e avevo febbre a 37, 5. Ho avuto anche di nuovo dei dolori al fianco, ma non come la prima volta.
Devo specificare che, durante la cura e finché sono stata bene, sono andata a lavoro e lì c'erano persone con tosse e raffreddore, in più il mio ragazzo in questa settimana ha avuto placche con febbre a 40.
Secondo lei è una situazione normale? Potrebbe essere subentrata una forma virale o è il problema iniziale ancora irrisolto? Ho pensato di proporre al mio medico un esame delle urine con eventuale antibiogramma ma non vorrei fosse falsato dall'antibiotico. Un rialzo dei linfociti fa pensare ad una cosa virale?
La ringrazio e Le porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Diciottomila globuli bianchi sono già assai, non esageri con gli zeri!
Pensiamo che tutto sommato la spiegazione che lei si è data sia verosimile, ovvero che questo rialzo febbrile tardivo, tra l’altro sotto terapia antibiotica generosa, poco abbia a vedere con le vie urinarie. In ogni caso sarà opportuno ripetere l’esame delle urine con urocoltura, ma non prima di 10 giorni dalla fina della terapia antibiotica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Gentile Dottore, innanzitutto grazie per la risposta. Questa mattina ho fatto esame delle urine con urinocoltura per batteri, funghi e miceti.
Nel frattempo ieri è subentrata una severa tonsillite con placche purulente, a tal proposito ho fatto un tampone faringeo.
Ora attendo le risposte.
Grazie di nuovo.