Utente 549XXX
Buongiorno,
all'inizio del mese di maggio, alla fine di un rapporto ho notato la presenza di sangue all'interno del liquido seminale senza avvertire nessun dolore. Preoccupato mi sono rivolto ad uno specialista, che dalla visita ha rilevato un leggero ingorssamento della parte sinistra della prostata. Mi ha quindi diagnosticato una leggera infiammazione della stessa prescrivendomi una cura di 5 giorni di Augmentin mattina e sera ed un mese di un integratore per la prostata. Iniziata la cura prescritta, dopo due/tre giorni il sangue è scomparso. Circa una settimana fa però il sangue si è ripresentato durante l'eiaculazione. Cosa mi consigliate? Potrebbe non essere passata del tutto l'infiammazione e quindi è consigliabile ripetere un ciclo di antibiotico? Oppure devo consultare nuovamente il medico?
Grazie

[#1]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
20% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
Gentile Utente, il sangue nello sperma (emospermia) è nella quasi totalità dei casi legato ad infiammazione prostatica come le ha correttamente indicato il Collega. L'infiammazione richiede in genere diverse settimane per recedere, per cui è normale che possa avere altri episodi di emospermia. La causa dell'infiammazione non è sempre l'infezione, per cui non è scontato che debba proseguire con la terapia antibiotica. Risenta il Collega Urologo che ha avuto il privilegio di visitarla e che la saprà consigliare al meglio per il suo caso specifico.
Cordiali saluti.
Dr. Dario Pugliese