Mal di testa e dolore facciale: i sintomi medici inspiegabili ai tempi del Covid

Dr. Daniele TonlorenziData pubblicazione: 28 ottobre 2020

Stress, depressione, mal di testa e disordini dell'articolazione temporomandibolare: in questo articolo parliamo dell'aumento dei sintomi medici inspiegabili ai tempi della pandemia del Covid19.

Cosa sono i sintomi medici inspiegabili (Medically Unexplained Symptoms - MUS)?

Hai mal di testa? 

Dormi male? Ti alzi stanco/a alla mattina? Ti affatichi con facilità?

Fai fatica a concentrarti? Ultimamente si è ridotta la memoria?

Hai problemi gastrointestinali?

Ti prescrivono antidepressivi ma non credi che sia la terapia giusta?

 

Alcuni di questi sintomi (più frequenti nelle donne) potrebbero rientrare nei cosiddetti sintomi medicalmente inspiegabili.

I Medically Unexplained Symptoms (MUS), talvolta detti dolore somatoforme, sono sintomi senza valide spiegazioni e sono motivo di numerose indagini (spesso inutili) per comprenderne l'origine.

Alla fine del secolo scorso un importante lavoro di revisione effettuato dalla prestigiosa rivista The Lancet, aveva osservato che un notevole numero di pazienti aveva un marcato gruppo di sintomi in comune per molte malattie con pochi che li differenziavano.

Diagnosi dei sintomi medici inspiegabili

In questi casi la diagnosi e la terapia variano a seconda dello specialista che vede i pazienti per primo con la possibilità di una diagnosi casuale come un lancio dei dadi: il sintomo che per il reumatologo è fibromialgia, può essere sindrome dell'intestino irritabile per il gastroenterologo, cefalea tensiva per il neurologo, disordine temporo mandibolare per lo gnatologo e così via, come si evince dalla tabella dello studio realizzato da The Lancet.

The Lancet: sintomi medici inspiegabili

I sintomi medici inspiegabili peggiorati con la pandemia di Covid

Aumento di disturbi depressivi e da stress post-traumatico

Le necessarie misure sociali di allontanamento utilizzate nella pandemia, i problemi economici, l’accesso all’assistenza sanitaria e all’occupazione che questa ha generato, hanno aumentato l’ansia e la depressione.

Il normale dolore e angoscia si sono aggravati e sono diventati disturbi depressivi maggiori e sintomi di disturbo da stress post-traumatico.

L’abuso di sostanze è aumentato da 3 a 4 volte rispetto all’anno prima, colpendo il 40,9% dei 5412 adulti statunitensi intervistati in un sondaggio del giugno 2020 dei Centers for Disease Control and Prevention.

Lo stesso sondaggio ha riferito che il 10,7% degli intervistati ha preso seriamente in considerazione il suicidio negli ultimi 30 giorni.

Ogni morte per COVID-19 lascia in lutto circa 9 membri della famiglia provocando in milioni di persone dolore, solitudine, difficoltà a reinserirsi nella vita, aumento del rischio di suicidio.

Covid19 e aumento dei sintomi meidici inspiegabili

Negli individui con disturbi psichiatrici preesistenti e disturbi da uso di sostanze, sono aumentate la depressione e l'ansia con problemi di gestione a livello mondiale di un’imminente ondata di esordio/peggioramento di disturbi mentali.

La successiva trasformazione da epidemia a pandemia ha comportato un incremento della sindrome da stress post traumatico (Post Traumatic Stress DisorderPTSD) che è la condizione di stress acuta che si manifesta in seguito all’esposizione a un trauma.

Ansia, stress e disordini temporo-mandibolari

Tutti questi disturbi psicologici da ansia e stress sono importanti nello sviluppo e nella possibile riacutizzazione dei disordini temporo mandibolari (cranio-cervico-mandibolari), i quali a loro volta inducono peggioramento di depressione e ansia.

Un circolo vizioso che si autoalimenta inducendo aumento dello stress (attività simpatica):

  • sensazioni di caldo e freddo,
  • palpitazioni,
  • tachicardia,
  • nausea,
  • dolore addominale,
  • diarrea e costipazione,
  • disturbo del sonno,
  • mantenimento del dolore,

Specialmente negli individui psicologicamente vulnerabili e tutti i sintomi inspiegabili sopra descritti come Medically Unexplained Symptoms (MUS).

I soggetti peggiorano il serramento (e il digrignamento) insieme al dolore e agli altri sintomi.

Disordini articolazione temporo mandibolare e sintomi medici inspiegabili

 

Intervenire sullo stress attraverso il cavo orale

Molte pubblicazioni internazionali del nostro gruppo di ricerca suggeriscono che l’azione sui sensori (propriocettori) del cavo orale fatto con un particolare tipo di bite stimola l’effetto opposto allo stress, inducendo una stimolazione vagale.

Dai muscoli del cavo orale si può quindi aumentare lo stress (serrare i denti aumenta la pressione sanguigna) oppure indurre un meccanismo contro il dolore allungando i muscoli della masticazione (una specie di sbadiglio forzato).

Si tratta di una metodica poco conosciuta e non facile da eseguire (richiede elevata curva di apprendimento) che si può applicare spesso, e in prima visita è necessario trovare il corretto rapporto di masticazione tra mandibola e mascella che necessita di ritocchi.

Alcuni tipi di rilassamento (es. ipnosi) non sono indicati per fare diagnosi perché possono confondere il test.

Nel caso il dolore sia di insorgenza (o peggioramento) recente si invia il paziente dal neurologo per escludere malattie serie. Casi di insuccesso sono stati riscontrati in soggetti con trauma cranico o di depressioni maggiori.

 

Bibliografia

  1. S Wessely, C Nimnuan, M Sharpe Functional somatic syndromes: one or many? Review Lancet 1999 Sep 11
  2. C Nimnuan, et Al. Medically unexplained symptoms: an epidemiological study in seven specialities. J Psychosom Res 2001 Jul.
  3. Naomi M. et Al. Mental Health Disorders Related to COVID-19–Related Deaths. Jama October 12, 2020
  4. Camila Megale Almeida-Leite et Al. How psychosocial and economic impacts of COVID-19 pandemic can interfere on bruxism and temporomandibular disorders? J Appl Oral Sci. 2020; May 11.
  5. Tonlorenzi D. et Al. An observational study of the effects of using an high oral splint on pain control. Arch Ital Biol. 2019 Sep 30.

 

Autore

dtonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi Gnatologo, Dentista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1989 presso Università Pisa.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Massa Carrara tesserino n° 1202.

6 commenti

#3
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

Normalmente faccio le mie manovre di stretching e poi posiziono un silicone da addizione tra i denti e quando i sintomi migliorano in maniera sensibile, il paziente chiede di prendere le impronte per il bite. 100% di successi? Magari ci sono anche i casi "complessi:
1) soggetti con trauma facciale e colpi di frusta; spesso ci sono riuscito, in pochi casi no.
2) errore di reclutamento dei pazienti stessi, ricordo ad esempio un caso di sclerosi multipla con ANCHE disordine temporo mandibolare (DTM). I sintomi del DTM non sono scomparsi.
3) Non aderenza ai miei protocolli di terapia. Una volta per rilassare la paziente per registrare l'occlusione, invece dello stretching, ho utilizzato l'ipnosi con buoni risultati. Il bite invece è andato male perché non era lui che funzionava ma l'ipnosi. Un collega l'ha curata con fisioterapia strumentale.
4) quando lo stress è elevato o il dolore presente da tanto tempo tende a cronicizzarsi e la terapia richiede più attenzione.

#4
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

L'importante comunque è stare attenti alle cose pericolose. Un mal di testa, specie se insorto o aggravato di recente, richiede grande prudenza. L'importante è non cercare di curare la cefalea con il bite e magari è un aneurisma cerebrale. Questo però vale per tutti, si deve avere la percezione dei propri limiti.

#5
Utente 538XXX
Utente 538XXX

Buonasera 1/09/2019 :
ipoacusia percettiva zonale da trauma acustico , con idrope cocleare ed acufene bilaterali di III grado.
Dopo terapia camera Iperbarica ,terapia antiossidante e cortisone intratimpanico -miglioramento della sintomatologia -

20/09/2020:
Peggioramento della sintomatologia Senza esposizione a forti rumori , una mattina mi sveglio con ronzio molto alto entrambi orecchie , dall esame audiometrico evidenzia quadro sostanzialmente invariato , anche se gli 8000Hz a dx hanno subito un calo di circa 20db, membrana timpaniche nella norma bilateralmente.
Terapia antiossidante , diuretico , dietaiposodica

1/11/2020 : NESSUN MIGLIORAMENTO della sintomatologia

Come e’ possibile senza esposizione a forti rumori in questo periodo ho un aumento di ronzio tipo pentola a pressione ??? Dipende da un cambio pressione atmosferica , c’è chi parla cambiamenti di onde elettromagnetiche , nn ho il covid ... sarà qualcosa nell aria

Ringrazio anticipatamente

#6
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

La malocclusione dentale può essere associata a ronzii (acufeni) ma senza visita e solo con queste informazioni impossibile dire se ci sono correlazioni. Mi spiace non poterLe essere di maggiore aiuto. Senta un otorino.
Saluti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gnatologia clinica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati