0/0
Aggiungi ai preferiti

possibile nervo vago?


martedì 24 aprile 2012 da Utente 248xxx
Buonasera Dottore!Sono una ragazza di quasi 21 annie da quando ne ho 17 soffro un po' di ansia e attacchi di panico. In questi anni ho fatto vari esami e varie visite,nello specifico,l'anno scorso ho fatto: risonanza magnetica testa-cervicale, visita oculistica, ecografia addominale completa,ecografia al collo per vedere eventuali ostruzioni nelle vene e nelle arterie, elettromiografia, cardiogramma,visita dentistica,ottorino e visita neurologica. Da queste visite,è emerso che sono un soggetto ansioso, una cervicale molto rigida, un soffio al cuore e possibile infiammazione del nervo vago. Da un mese circa,sono sorti dei disturbi molto fastidiosi: a volte mi si offusca la vista, tanta aria nella pancia, nausea, stimoli di vomito( due episodi in cui ho rimesso saliva), debolezza, vertigini e problemi di acidità e digestione, respiro corto e intorpidimento arti, mal di testa che prende gli occhi e vari nervi anche a partire dalla nuca, infine...alcune difficoltà nella deglutizione e qualche volta anche inappetenza! Non ho febbre...però dottore,sto davvero male...adesso da qualche giorno assumo una pastiglia di 40 mg di pantoprazolo la mattina a digiuno. La maggior parte dei medici di oggi riconducono un sacco di disturbi all'ansia senza nemmeno visitare i pazienti, io non metto in dubbio che qualche disturbo sia di natura ansiosa...ma i suddetti sintomi sono nuovi e mi stanno facendo preoccupare parecchio,soprattutto questi mal di testa che mi prendono anche nella notte,non sono di forte entità,ma fastidiosi...mi consiglia un emocromo completo( inclusi anticorpi antiòhelicobacter pilory) o pensa sia un disturbo del nervo vago?

Segnala allo staff

Risponde dal 2007 il medico

Dr. Antonio Ferraloro

Specialista in:
Neurologia

Esercita a:
MESSINA (ME)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2491
indice medicitalia
Gentile Utente,

la natura della sintomatologia che riferisce non è possibile stabilirla a distanza. Considerato che sono insorti dei sintomi nuovi sarebbe opportuno che effettuasse un'altra vista neurologica per una loro valutazione diretta. La predetta sintomatologia ansiosa e gli attacchi di panico non li ha mai curati?
Gli esami del sangue di routine più i dosaggi degli ormoni tiroidei li ha effettuati?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 24 aprile 2012, dopo 1 ore
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 248xxx
Buongiorno dottore,
grazie per la tempestività della Sua risposta!io,nel 2010, ho fatto esami del sangue per la tiroide e la celiachia,entrambi sono risultati negativi. Giovedì scorso ho fatto una visita gastroenterologica, la dottoressa mi ha solo tastato leggermente l'addome e ha detto che era molto contratto: mi ha prescritto paracetamolo e lexil per 3 mesi, io sto usando solo il paracetamolo,in quanto il lexil mi porta troppo sonno ed, essendo studentessa e lavoratrice, non posso permettermi di essere in uno stato del genere tutto il giorno!
Non ha voluto farmi fare altri esami,perchè dice di voler tenere validi quelli di 1 anno e mezzo fa! Navigando in internet, però, ho scoperto che si può trattare anche di helicobacter pilory o ulcerette o ancora il nervo vago...
Sono un soggetto ansioso che non ha mai usato farmaci per curare l'ansia,ho usato per alcuni mesi i fiori di bach.
Inoltre da ieri ho una forte gengivite, quindi oggi ho usato il moment act e oggi sento notevole acidità di stomaco e diarrea. Il mio stomaco non sta bene,non è ansia!
Il nervo vago può portare tutti questi disturbi?

giovedì 26 aprile 2012
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2007 il medico

Dr. Antonio Ferraloro

Specialista in:
Neurologia

Esercita a:
MESSINA (ME)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2491
indice medicitalia
Gentile Utente,

il nervo vago non Le può partare la sintomatologia che riferisce. Non escluderei il fattore psicosomatico all'origine di alcuni Suoi problemi. Vediamo cosa Le dirà il neurologo.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 26 aprile 2012, dopo 36 minuti
replica #3  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 248xxx
Buonasera,
Và bene farò la visita dal neurologo. Pensa che oltre la visita,sia il caso di fare un emocromo completo (incluso helicobacter pilory) o si può davvero ritenere valido un esame di 1 anno e mezzo fa? Forse è qualcosa riconducibile solo all'apparato digerente?
Cordiali saluti!


giovedì 26 aprile 2012, dopo 1 ore
replica #4  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2007 il medico

Dr. Antonio Ferraloro

Specialista in:
Neurologia

Esercita a:
MESSINA (ME)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 2491
indice medicitalia
Gentile Utente,

queste domande Le avrebbe dovute fare al gastroenterologo. Comunque l'emocromo dopo un anno e mezzo sarebbe utile rifarlo.

Cordialità

Dr. Antonio Ferraloro
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 26 aprile 2012, dopo 2 ore
replica #5  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 

Dizionario Medico:

 
 
 
 
 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,13        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy