Utente 111XXX
Cari Dottori,cortesemente chiedo un riscontro tempestivo a questa mia domanda.
Mio padre è stato operato con il robot alla prostata e dopo l'intervento ha avuto sia problemi con il drenaggio che con le feci.
Dopo circa una settimana dall'intervento gli hanno fatta una tac e si sono accorti che l'intestino è stato bucato durante l'intervento, lo hanno operato e messa la sacca esterna, oggi ha l'azotemia alta ed è intubato.
mi chiedo se l'intervento non sia stato tardivo e se ora la situazione può essere gestibile. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
E' difficile dare un parere. Solo i colleghi chirurghi che hanno in cura suo padre possono darle un quadro esaustivo della situazione.

Mi dispiace. Auguri
[#2] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Se i Chirurghi hanno avuto la possibilita' di operare e di salvare cosi' la vita del paziente, messa a rischio da una gravissima infezione, vuol dire che l'intervento non e' stato per nulla tardivo. Si potrebbe discutere sui tempi della diagnosi piuttosto, ma io ovviamente non ho certo modo di giudicare senza conoscere il caso.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno, vi ringrazio per la tempestiva risposta. Oggi il dottore ha detto che mio padre ha un'infezione all'addome e che stanno cercando di controllare, poi ha dei problemi ai reni che sta rischiando anche la dialisi, è attaccato ad un respiratore per evitare di far sforzare il cuore, quante possibilità ci sono di superare questa infezione? hanno detto che hanno operato senza fare la tac.
grazie della risposta, vi prego rispondetemi subito
[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

capisco la sua angoscia ma deve assolutamente far riferimento ai medici che hanno in cura suo padre. Non ci è possibile fare previsioni on line su un caso del genere.

Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Da quello che scrive sembra che sia compromessa anche la funzionalita' renale, e che le condizioni generali appaiano difficili. Con le corrette terapie antibiotiche le speranze ci sono, ma come le ho scritto ieri sera bisogna sempre tener conto che si tratta di una infezione gravissima.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

tutte le procedure possono avere degli effetti indesiderati, come già confermato dai colleghi che hanno già espresso il loro parere, l'unico punto di riferimento rimangono i suoi medici curanti che sono gli unici a poter cogliere le più delicate e tenui modificazioni cliniche del paziente, avendolo visto dall'inizio.

a parte l'intervento che ha subito suo padre, non sappiamo l'età del papà e le sue condizioni generali prima dell'intervento chirurgico. queste informazioni sono in parte utili per poter capire qualcosa di più della situazione generale, sempre considerando i limiti di una valutazione a distanza.

cordiali saluti e un grosso in bocca al lupo per suo padre.