Login | Registrati | Recupera password
0/0

Eiaculazione senza piacere

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Eiaculazione senza piacere

    Salve vi pongo il mio problema che ho da alcuni mesi.
    Sono un uomo di 44 anni, non ho mai fumato, non faccio uso di droghe e non bevo alcolici faccio una vita normale un po' di sport, anche se non si sa come mai ho un livello di colesterolo alto (ultime analisi era a 260) sara' ereditario chi lo sa.
    Da alcuni anni uso la finasteride per problemi di caduta di capelli, dall'anno scorso ho avvertito alcuni effetti collaterali legati alla sfera sessuale che erano diminuzione di libido, ed in alcuni casi problemi di erezione. In genere smettendo l'assunzione del farmaco per alcuni giorni i problemi di cui sopra sparivano, fortunatamente. Dall'inizio dell'anno, circa 6 mesi fa, ho smesso di prenderla ma da allora alcune cose sono cambiate e sembrano non tornare come prima, i problemi di erezione non ci sono per fortuna ma la cosa piu' preoccupante che non ho mai avvertito prima, anche quando assumevo il farmaco, e' stato quello di non percepire piacere durante l'orgasmo, durante l'eccitazione sembra che ci sia a breve uno sfogo di piacere come in genere e' normale che sia ma al momento dell'eiaculazione, non provo alcun piacere. Non credo che sia un problema psicologico nonostante avessi letto di cio' da qualche parte ed anche su questo forum. Se fosse un problema psicologico dopo alcuni mesi avrebbe cessato di esistere, sembrerebbe un problema organico. Non so se fosse dovuto al finasteride, ho letto che comunque il finasteride non dovrebbe interagire a livello di dna fino a cambiare definitivamente qualche cosa. Ho fatto delle analisi recenti proprio su consiglio del mio medico e ho il livello di testosterone attualmente a 3,36 ng/mL con valori di riferimento da 1,75-7,80 e quando non avevo questo problema circa 3 anni fa, il valore era 2,62 ng/mL quindi sembrerebbe normale o addirittura superiore a qualche anno fa. Adesso vorrei riprendere l'assunzione del finaseride proprio perche' da quando ho smesso, circa 6 mesi fa, la caduta e' aumentata e vorrei avere qualche speranza di arrestarla consapevole che non ci sono al momento altri rimedi validi. La cosa che vi chiedo e', oltre ad andare ad una visita andrologica, se e' sempre possibile far ritornare, al momento assente, il livello di piacere come qualche mese fa, Ripeto non quello di libido o erezione che sembra ritornato normale ed inoltre se l'uso di finasteride puo' essere nocivo in tal senso. nonostante abbia letto qui che agendo nella conversione del testosterone in DHT non dovrebbe portare altri scompensi ormonali. Il medico non mi ha prescritto l'analisi del PSA forse poteva essere importante? comunque i valori delle analisi delle urine a parte il ph 5 sembrerebbero nella norma. Il valore del testosterone basso giustificherebbe l'assunzione di qualche farmaco come il sustanon...per vedere di sbloccare qualcosa ?

    ringraziando per una risposta al mio caso. saluto cordialmente




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    quanto ci riferisce viene definita "anedonìa ejaculatoria", una situazione dall'interpretazione molto controversa. Non crediamo che questa possa essere legata alla precedente assunzione di finasteride, piuttosto ad eventuali altri farmaci che lei forse assume e dei quali non ci ha fatto cenno. Ovviamente sarebbe opportuno che la situazione venisse valuatta direttamente da un nostro Collega specialista in urologia od andrologia. Il dosaggio del PSA, tranne casi molto particolari, è totalmente inutile prima dei 45 anni e comunque non avrebbe alcuna ragionevole coerenza con la sua situazione.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Gentilissmo dottore, grazie per la risposta cosi veloce.

    L'unico farmaco che ho preso in questi anni e' solo il finasteride 1mg purtroppo per questioni non legate alla salute ma ad una condizione estetica. Non faccio uso di nessun altro farmaco e in genere non bevo, cerco di fare una vita sana anche curando l'alimentazione evitando grassi ed eliminando per esempio i cibi fritti nonostante i valori alti di colesterolo riscontrati. Non ho nessuna patologia e non ne ho sofferto. All'eta' di 12 anni ho sofferto solo di una torsione dell'idatide del Morgagni, per questo ricordo di aver subito un operazione con tanto di anestesia... Non credo che c'entri qualcosa anche perche' sono passati molti anni ormai. Posso dire pero' che qualche volta dopo un eiaculazione ho sentito stanchezza e perfino un po' di dolore come se l'atto sessuale in se avesse provocato uno sforzo localizzato ai genitali. Aggiungo anche che l'eiaculazione comunque e' sempre stata di piccola entita non superiore al mL ed ultimamente meno spermatica quasi trasparente.
    Sicuramente mi faro' vedere da uno specialista analisi alla mano che a parte un po' di colesterolo non credo possano dare altre indicazioni.
    Ho parlato di PSA perche' so che la prostata per l'uomo e' un organo importante e so che un suo malfunzionamento puo' incidere sulla sfera sessuale maschile e ho associato a questa, una probabile causa del mio malessere che sta diventando anche psichico. Ho fatto una piccola ricerca sulla anedonìa ejaculatoria e non ho trovato granche' se non qualcosa legato al sistema nervoso centrale e legato all'assunzione di droghe che non mai visto se non nei film.
    Si sa che il piacere parte dal cervello e non facendo uso di nessun tipo di droghe, bevande alcoliche e farmaci deprimenti l'SNC mi vien da pensare anche alla presenza di una lesione spinale. Spero che la cosa si possa risolvere in qualche modo non soffrendo di particolari malattie ed essendo nel pieno dell'attivita'...anche sessuale.

    Concorda con me che il problema non sia solo di natura psichica ma prolungandosi nel tempo quindi non essendo momentanea abbia una causa organica.
    La domanda che le faccio pero' e' questa, potrebbe l'assunzione di ormoni aiutare il mio organismo sempre sotto prescrizione e controllo medico si intende, a ritornare allo stato di qualche mese fa?


    La saluto cordialmente.




  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    vi sono alcune possibilità terapeutiche a disposizione dell'urologo/andrologo che possono cercare di "resettare" una funzione genitale un poco - diciamo - problematica. La somministrazione di ormoni è una di queste, ma deve certamente essere preceduta da alcuni accertamenti che certamente le verranno consigliati dal nosto Collega che la prenderà in cura.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 709 Medico specialista in: Andrologia
    Chirurgia generale
    Endocrinologia
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Urologia

    Risponde dal
    2000
    caro lettore,

    effettuare un dosaggio del PSA prima dei 45 anni non ha grosso significato. Effettuare il dosaggio del PSA dopo una terapia con finasteride, ugualmente, non ha singificato.
    per la valutazione del piacere legato alla eiaculazione sarebbe il caso di parlarne con una ndrologo che valuti come e quando questo fenomeno si manifesti, e se possa essere legato ad altre situazioni organiche
    cari saluti


    Dott. Diego Pozza
    www.andrologia.lazio.it
    www.andrologiaroma.net

  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Carissimi dottori Dr. Paolo Piana e Dr. Diego Pozza. vi ringrazio entrambi per le risposte date. Il solo fatto di aver esposto chiaramente il mio problema su questo interessante forum di consulti e' sintomo del mio malessere psicofisico che sto passando, non potendone per ovvie ragioni parlarne con altri se non al mio medico.
    Il problema rispondendo al Dr. Pozza non e' casuale ma si manifesta sempre da circa 6 mesi, stranamente in coincidenza della fine della cura con il finasteride per questo avevo legato la cosa, e si manifesta sia con la partner che in situazioni di masturbazione. Sembrera' strano ma per me il problema di erezione sarebbe insignificante se poi non percepisco alcun piacere fisico derivante dall'orgasmo che e' il fine per una sana vita sessuale appagante. Il non sentire alcun piacere, il tutto assimilabile ad urinare, non mi fa stare bene.
    Mi viene voglia di non fare piu' attivita' sessuale e un po' la mia fidanzata se ne e' accorta notando che io ho perso un po' il gusto di farlo.
    Il piacere fisico in un certo senso alimenta quello psichico. Per le situazioni organiche ho pensato ad un problema di natura ormonale e per questo ho fatto delle analisi anche se sembra che i valori di testosterone siano nella norma. E' pacifico che nonostante l'eta' ancora giovane nascono delle paure di non poter ritornare ad una vita sessuale normale. Non so se esiste veramente una situazione di andropausa ma credo e spero che non sia il mio caso e comunque sia non credo che non si percepisca piacere lo stesso.
    Siamo consapevoli che ci sono cose peggiori di questo ma in questo momento per me e' qualcosa di problematico.
    Continuero' come gia' detto ad usare il finasteride e faro' questa visita specialistica. Vi terro' informati degli esiti che credo possano interessare, visto la rarita' del problema dalle ricerche fatte anche qui.


    Cordialmente vi saluto



  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Gentilissimi dottori

    vi chiedo un parere ulteriore,
    secondo voi se mi dovessero prescrivere una terapia ormonale e sempre possibile portare avanti "la cura" con il finasteride o questa potrebbe andare in conflitto?

    Il piacere dovuto all'orgasmo e' anche legato alla quantita' di sperma eiaculato o alla qualita' di esso? potrebbe essere utile anche un analisi dello spermiogramma?

    o Il desiderio sessuale (che in realta' c'e') e l'orgasmo (che c'e' anch'esso) ma senza piacere vero e proprio (che poi e' il fine di tutto l'atto sessuale), sono influenzati esclusivamente dal cervello e dal sistema nervoso?

    Grazie ancora

    Saluti








  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    in termini molto generali gli ormoni maschili e la finastesteride sono agonisti l'uno dell'altro (ad esempio sugli effetti sul capillizio, a cui lei tiene così tanto ... ma è così sicuro che ne valga davvero la pena?), comunque non vi sono riferimenti di assoluta certezza e diremmo la situazione dovrebbe essere affrontata, se del caso, dal nostro Collega che prescriverà l'eventuale terapia.
    La quantità di liquido seminale influisce in minima parte sulla fase orgasmica e comunque la percezione è molto soggettiva ed impossibile da generalizzare.
    Come le abbiamo detto, è molto difficile mettere in rapporto questa "anedonìa ejaculatoria" con un problema legato a fattori locali. La percezione del "piacere" è un'elaborazione tipicamente cerebrale e - a quanto pare - propria quasi esclusivamente del genere umano.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Salve Dottori

    rieccomi qua, sono passati molti mesi, riprendo l'argomento perche' solo poco tempo fa sono riuscito a farmi visitare da uno specialista (sinceramente non credevo che ci volesse tanto tempo).
    Lo specialista mi ha detto che questi casi sono rari. Mi ha anche detto che l'assunzione del farmaco finasteride non avrebbe correlazione con il mio problema.
    per adesso mi ha fatto fare un tampone uretrale e i risultati sono stati i seguenti:

    Ricerca Chlamydia Trachomatis mediante amplificazione genica
    esito negativo
    Esame colturale per micoplasmi urogenitali
    esito negativo

    MA positivo al microrganismo Staphylococcus Haemolyticus

    mi ha prescritto un antibiotico, 5 compresse totali, una a sera di Avelox Moxifloxacina. Mi ha anche detto che non e' raro trovare questo batterio sulla pelle. Domani finisco la cura. Non so se e' sufficiente 5 compresse di questo antibiotico.

    A parte questo, alla prima visita mi parlava anche di aspetti legati all'ansia e che come precedentemente da voi suggerito ad altri fattori di natura psichica.
    Ora, volevo dire anche che anni fa ho sofferto per un breve periodo di crisi di panico che poi non ho per fortuna piu' avuto.
    Devo ritornare a fine mese dall'Andrologo per essere rivisitato e capire se la cura possa essere stata di aiuto.
    E' possibile che la presenza di questo microorganismo, abbia dato origine al il mio problema?
    Ho sempre avuto rapporti sessuali protetti e sinceramente non so da dove posso averlo preso, Magari ce l'ho dalla nascita.

    Pensare che questo possa essere la causa di tutto mi fa sperare in meglio anche se sono un po' scettico.

    Cordialmente



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    lo Stafilococco è assai facilmente presente sulla pelle dell'area genitale e quindi anche negli ultimi 2-3 cm dell'uretra. Correlarlo a disturbi delle vie urinarie ci risulta molto difficile e pertanto il suo trattamento con antibiotici a nostro modo di vedere è quantomeno discutibile. Ne riparli comunque con il suo urologo di riferimento.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

  11. #11
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Salve Dottori

    rieccomi di nuovo. Volevo informarvi che sono in attesa di fare una ecografia al basso addome in questi giorni.
    Nel frattempo ho fatto (su consiglio dell'andrologo), delle analisi del sangue e delle urine che vorrei sottoporvi:

    I risultati sono stati i seguenti:

    T.S.H. 2,310 microU/mL valori normali 0,400 - 3,400
    L.H. 3,0 microU/mL valori normali 1,4 - 12,7
    Prolattina (PRL) 4,10 ng/mL valori normali 2,00 - 13,00
    Testosterone 2,60 ng/mL valori normali 1,75 - 7,80

    PSA 1,26 ng/mL valori normali fino a 4,0

    (Testosterone al 18/06/2013 era invece a 3,36 ng/mL)

    Esame Urine nella norma a parte il Ph A 5,0 e Cristalli a 103/microL
    dove i valori di norma rispettivamente 5,5 - 7,0 e fino a 40 /microL

    Vi tengo informati

    Saluti









  12. #12
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Salve dottori

    allora qualche giorno fa sono stato sottoposto ad una ecografia inferiore che e' stato sostanzialmente negativo per la patologia andrologica:

    Normale ecogramma e assenza di lesioni, costruttura omogenea

    Il medico mi ha prescritto una terapia con iniezione di Gonasi 2000 Fiale una volta a settimana per 6 settimane.

    cosa ne pensate alla luce dei valori di testosterone ... di cui nel precedente messaggio.

    Il Gonasi 2000 e' uno stimolante precursore del Testosterone o qualcosa di piu'? puo' aiutare nel mio caso oltre ad aumentare la libido (che non mi manca) a ritrovare il piacere orgasmico?



    Cordialmente



  13. #13
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    la gonadotropina corionica (Gonasi ed altri) stimola le cellule del testicolo che producono testosterone. I suoi livelli di testosterone sono sostanzialmente ancora nella norma, d'altronde - come già s'è detto - il suo probelma andrologico non è direttamente associabile a cause ormonali. Evidentemente, il suo specialista di riferimento sta seguendo un suo originale percorso prescrittivo, la cui efficacia sarà da valutare nel corso di un periodo certamente non breve. Questo per dirle di non aspettarsi una eventuale modificazione a tempi troppo brevi.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

  14. #14
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Grazie Dottore

    A quanto deduco, non ci sono cure specifiche ma io spero che qualcosa si smuova. Nel frattempo avendo il medico prescritto una Eco addome inferiore... e' venuto fuori la presenza di un angioma 15mm atipico e Litiasi di mm 17 in sede infundibolare colecistica pertanto dovro' fare un ulteriore approfondimento diagnostico per questa cosa che spero non sia niente di grave (da alcuni esami del sangue. in passato erano venute fuori valori fuori intervallo per quanto riguarda le transaminasi e GOT...).

    Riepilogando, il mio problema perdura da oltre 1 anno dopo la cessazione di uso del finasteride 1mg giornaliero (durante i 5 anni circa non ho mai riscontrato questo problema se non una diminuizione della libido e erezioni mattutine).

    Devo pero' dire anche che da circa un mesetto ho avvertito un piccolo cambiamento (qualche volta) sentendo un minimo di piacere che mi ha un pochino risollevato ma che comunque rimane ancora lontano da come era presente piu' di un anno fa. E' capitato qualche volta in quest'ultimo periodo, di non sentire solo la fuoriuscita di liquido seminale (come se urinassi) ma che questo fosse accompagnato da un piccolo senso di piacere.

    Adesso inizio questa cura e vi terro' informati se ci saranno cambiamenti sostanziali.

    Cordialmente



  15. #15
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Salve Dottori

    Ho iniziato la cura un paio di mesi fa, in totale 6 iniezioni Gonasi 2000.
    Ho smesso da qualche settimana la cura in attesa di nuova visita andrologica.

    Diciamo che qualcosa si e' smosso ma poco, un miglioramento piccolo, non so se ho fatto bene a smettere la cura ma d'altra parte ci sono tempi di attesa ...

    Cordialmente



  16. #16
    Indice di partecipazione al sito: 817 Medico specialista in: Urologia

    Risponde dal
    2011
    Gentile Signore,
    i tempi ci paiono ancora troppo brevi per potersi apprezzare una variazione. Si mantenga in stretto contatto con il suo specialista di riferimento.

    Saluti


    Dr. Paolo Piana
    Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23/06/2013, 19:14
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16/06/2013, 07:36
  3. Eiaculazione precoce
    in Urologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13/06/2013, 12:27
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13/06/2013, 00:48
  5. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 12/06/2013, 13:47
ultima modifica:  28/10/2014 - 0,20        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896