Utente 547XXX
Gentilissimi Dottori... io sono una ragazza di 36 anni ,sono stata in cura per 12 anni con la paroxetina a causa di attacchi di panico e ansia...purtroppo il 19/08/2017 ho avuto un infarto dove hanno notato il mio qtc alto ( sempre cosi....ma mai preso in considerazione) quindi mi è stata tolta e oltre a prendere lo xanax per tre volte al giorno ora prendo tre gocce di brillentix dopo 3 giorni ho eseguito un ecg con qtc 461 insomma non male...solo che io non vedo molta differenza...
Sinceramente non so che fare.... se mantenere cosi il brillentix o lasciare perdere in quanto non credo faccia effetto soprattutto 3 gocce....
Attendo una vostra gentilissima risposta!!! E mi chiedo è possibile che dopo 12 anni mi è stata tolta una terapia ed ora mi trovo cosi???
[#1] dopo  
Dr. Mario Savino
40% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Buonasera
mi permetta, quando dice "mi trovo così" intende che il panico è molto peggiorato?
Grazie
[#2] dopo  
Utente 547XXX

Iscritto dal 2008
Attacchi di panico non ne ho più... però ho molti pensieri intrusivi, e la mattina ho problemi per alzarmi e cominciare la giornata,ho conati di.vomito,vertigini e non so sinceramente se togliere queste 3 gocce perché nonostante ho eseguito ecg ho sempre paura.....
Lei.cosa ne pensa?
[#3] dopo  
Dr. Mario Savino
40% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Beh, il QTc alto comporta un rischio di aritmia, questo rischio dopo un infarto aumenta e quindi sarebbe bene evitare gli antidepressivi e, se il suo psichiatra è d'accordo, utilizzare dei gabaergici (Gabapentin e altri, o - al limite - benzodiazepine).
I sintomi che descrive sembrano quelli legati alla sospensione della paroxetina (che ha breve emivita e se sospesa troppo rapidamente dopo lunga assunzione si fa sentire molto).
Si faccia regolare la dose dello Xanax (da 2 a 5 mg) e discuta con lo Psichiatra riguardo la sostituzione del Brintellix, lo conosciamo da poco, non sembra molto efficace specie a piccole dosi e non mi risulta che non incida sul QTc.
Col tempo i sintomi fastidiosi che ha dovrebbero scemare e, in assenza di crisi acute, il disturbo dovrebbe essere gestibile con gabaergici ed eventualmente una psicoterapia breve.
[#4] dopo  
Utente 547XXX

Iscritto dal 2008
Quanto tempo ci può volere per scemare questi sintomi?
Psicoterapia l'ho iniziata subito.
Io vorrei proporre al mio neurologo di togliere il brillentix in quanto solo tre gocce!!! Lei pensa che queste tre gocce possono alterare il mio qtc?
E di rimanere solo con lo xanax.
[#5] dopo  
Dr. Mario Savino
40% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Per i sintomi diversi giorni, per il resto deciderà il suo neurologo ma comunque 3 gocce di Brintellix non dovrebbero essere un problema.
[#6] dopo  
Utente 547XXX

Iscritto dal 2008
Ormai è da settembre che non assumo più paroxetina!!!
Comunque la ringrazio anticipatamente per le sue celeri risposte.
[#7] dopo  
Dr. Mario Savino
40% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Allora non si tratta di sintomi da sospensione ma del venir meno dell'effetto terapeutico del farmaco, in entrambi i casi occorre una terapia alternativa, Xanax o altro lo deciderà il suo Neurologo.
Una soluzione in questi casi c'è sempre, vedrà che starà bene.
[#8] dopo  
Utente 547XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore... lei mi ha parlato.di gabaerigici ma non vengono utilizzati per le crisi epilettiche?
Sinceramente...non lo so...preferirei risolvere in modo più tranquillo (ho paura degli effetti che possono avere) .
Crede che con psicoterapia cognitiva comportamentale e l'ansiolitico non posso riuscire a superare queste sintomatologie?
-conati di vomito
-paura di cominciare la giornata
-testa strana
-vertigini( gia le avevo con l assunzione della paroxetina)
-pensieri che mi generano ansia
La ringrazio anticipatamente e buona giornata!!
[#9] dopo  
Dr. Mario Savino
40% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
i gabaergici hanno azione simile alle benzodiazepine cui si reiferisce lei ma non creano dipendenza.
L'epilessia si tratta anche con gli ansiolitici eppure quelli li assume... non abbia timore.