Utente 188XXX
Gentili Dottori,

diagnosi per disturbo da abuso di alcol e disturbo d'ansia ai quali si è aggiunta insonnia dopo la prematura perdita di mio padre 8 mesi fa. Sono seguito da una psichiatra di fiducia e a distanza dal team di specialisti della clinica dove andai per la riabilitazione alcologica.
Assumo al momento: Etiltox 1cps al mattino sotto supervisione, Rivotril 2mg al mattino e 2mg alla sera per controllo dell' ansia e stabilizzazione emotiva e al momento da 3 mesi 1cps da 25 mg di seroquel alla sera, dopo altri tentativi con stilnox e poi remeron che non sono andati bene vuoi per mancanza di effetto vuoi per effetti collaterali intollerabili come con la mirtazapina.
Il seroquel sembra un buon compromesso, ho avuto all'inizio della terapia strani effetti come palpitazioni e mancanza di fiato, peraltro preannunciati dallo psichiatra, ora svaniti. Mi concede un sonno riposante di 6-7 ore, anche più se non avessi la sveglia, e l'eventuale stordimento del primo mattino passa con una doccia e un po' di caffè.
Mi è stato assicurato che non devo preoccuparmi degli effetti collaterali visto il basso dosaggio. Visto però che si tratta pur sempre di un antipsicotico e che gli effetti collaterali a dosaggi più alti sono spesso pesanti a livello metabolico dalla vostra esperienza Voi cosa ne pensate dell'uso off label di questo farmaco per la mia situazione? E' un buon compromesso?

Con l'augurio di Buon anno ringrazio tutti voi e in particolare il Dott. Pacini, che gentilmente ha risposto a miei consulti precedenti con sempre grande professionalità e chiarezza

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Un dosaggio di 25 mg non ha sostanzialmente effetti metabolici sebbene l’uso del farmaco per l’insonnia potrebbe nel tempo perdere la capacità ipnoinducente e del mantenimento del sonno.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 188XXX

Grazie per la tempestiva risposta Dott. Ruggiero,

posso quindi stare tranquillo da quel punto di vista. Per ora l'effetto ipnoinducente continua ad esserci ma tutto sommato sono solo 3 mesi che lo assumo...per contro ho notato che se non lo assumo faccio la notte in bianco e questo mi spaventa cioè la sensazione di essere già legato alla sostanza per passare la notte e di conseguenza il giorno che concorderò di toglierla l'impossibilità di uno scalaggio visto la mancanza di gocce o cps inferiori a 25mg.
Dalla sua/vostra esperienza, chiedo a tutti, c'è forte rischio di assuefazione a questa sostanza? Consigliereste altre soluzioni prima di quetiapina?