Bassi livelli di testosterone associati a maggiore mortalità per Covid-19

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 21 maggio 2020

Un interessante studio tutto Italiano che mi permetto di riportare: la pandemia della nuova sindrome respiratoria acuta grave (SARS) dovuta al coronavirus (CoV) 2 (SARS ‐ CoV ‐ 2) ha sottolineato l'importanza di biomarcatori diagnostici e prognostici efficaci del peggioramento clinico e della mortalità.

I dati epidemiologici hanno dimostrato una progressione differente dell'infezione da SARS ‐ CoV ‐ 2 su donne e uomini suggerendo un ruolo potenziale per il testosterone (T) nel determinare la disparità di genere negli esiti clinici SARS ‐ CoV ‐ 2.

Lo studio si è posto l’obiettivo di stimare l'associazione tra il livello T e gli esiti clinici SARS ‐ CoV ‐ 2 (definiti come condizioni che richiedono il trasferimento a un'intensità di cura o morte più alta o più bassa) in una coorte di pazienti ricoverati nell'unità di terapia intensiva respiratoria (RICU)

 

Sono state analizzate una serie consecutiva di 31 pazienti maschi affetti da polmonite SARS ‐ CoV ‐ 2 e ricoverati nell'unità di terapia intensiva respiratoria (RICU) dell'ospedale “Carlo Poma” di Mantova.

Diversi fattori di rischio biochimico (es. Emocromo e formula dei leucociti, proteina C-reattiva (CRP), procalcitonina (PCT), deidrogenasi lattica (LDH), ferritina, D-dimero, fibrinogeno, interleuchina 6 (IL ‐ 6)) come testosterone totale (TT), T libero calcolato (cFT), Sex Hormone Binding Globulin (SHBG) e Luteinizing Hormone (LH) sono stati determinati

 

TT e cFT più bassi sono stati rilevati in ICU trasferiti / deceduti nel gruppo RICU rispetto a gruppi di pazienti trasferiti in IM o mantenuti in RICU in condizioni stabili.

Sia il TT che la CFT hanno mostrato una correlazione significativa negativa con i fattori di rischio biochimici (ovvero la conta dei neutrofili, LDH e PCT) ma un'associazione positiva con la conta dei linfociti.

 Allo stesso modo, il TT era anche associato negativamente con i livelli di CRP e ferritina. Negli uomini con TT <5 nmol / L o cFT <100 pmol / L è stato osservato un forte aumento sia del trasferimento in terapia intensiva che del rischio di mortalità.

 

Lo studio dei colleghi Italiani dimostra per la prima volta che livelli basali più bassi di Testosterone totale e libero prevedono una prognosi sfavorevole e mortalità negli uomini con infezione da SARS-CoV-2 ammessi al RICU.

 

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

5 commenti

#2
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

si ha ragione, questo proprio a dimostrare di come ci siano ancora tantissime incertezze...come dicevano alcuni filosofi è inutile cercare di interpretare la realta, è sempre molto soggettiva la sua interpretazione.
Grazie e complimenti per la sua attenzione

#4
Utente 400XXX
Utente 400XXX

E poi mi scusi ma qui non si sta discutendo di filosofia . Andrei su un sito di aforismi filosofici.
Io faccio delle terapie antiestrogeniche e da voi mi aspetterei conclusioni scientifiche e non certo aforismi sul sesso degli angeli.
Mi ri-scuso per la franchezza.

#5
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Non deve scusarsi. I commenti sono sempre aperti per le persone educate come lei. Auguri per tutto e vediamo cosa diranno le prossime pubblicazioni

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati