Utente 483XXX
Salve a tutti gentili dottori,
sono un ragazzo di 27 anni e vi scrivo per un problema che ho da sempre, ovvero riesco ad avere un orgasmo (e di conseguenza eiaculo) solo con masturbazione. Per spiegarvi meglio il mio problema voglio partire dal principio, ovvero da quando ho cominciato a masturbarmi all'inizio dell'adolescenza. Non so il perché, ma non mi sono mai masturbato "normalmente", nel senso che ho una "tecnica" tutta mia che consiste nel premere con l'indice e col medio il glande ripetutamente. In questo modo, posso eiaculare anche quando il pene non è in erezione (ed anche in breve tempo). Per quanto concerne, invece, la "tecnica tradizionale", provo piacere ma non riesco mai a eiaculare. Con la mia ex fidanzata, infatti, venivo sempre masturbandomi dopo il rapporto ed a lei dicevo (perché avevo vergogna di dirle la verità) che preferivo così per un fatto di sicurezza (visto che non usavamo preservativi). La verità, invece, è che, pur avendo un'erezione costante, con la penetrazione non provo alcun piacere; il discorso cambia quando ho la vescica piena e mi trovo sotto, però, per ragioni di "sicurezza", non ho mai sperimentato se fossi riuscito ad eiaculare però provo piacere.
E' inutile che vi sottolinei che questa situazione mi provoca molto disagio, nel senso che non capisco perché abbia questo problema nonostante sia eterosessuale convinto, abbia un erezione costante e non abbia problemi psicologici. L'unica spiegazione che mi riesco a dare è che, forse, essendo in forte sovrappeso, avendo un pene più piccolo del normale e masturbandomi nel modo sbagliato sin da ragazzino, il mio corpo ormai si è "abituato"; ma comunque non l'accetto; nel senso che sogno dei figli in futuro e certamente, in questo modo, non li potrò avere (almeno naturalmente) dato che non provo piacere nella penetrazione (salvo le eccezioni di cui sopra) e fino ad ora non ho mai eiaculato all'interno di una vagina.
Ovviamente se fino ad ora non mi sia rivolto ancora ad un dottore è solo per vergogna, ma purtroppo è una cosa che, per forza di cose, devo superare. Però, vorrei prima sapere, più o meno, di che si può trattare. Mi scuso se forse sono stato un pò troppo esplicito ma era l'unico modo per spiegare bene il mio problema. Vi ringrazio in anticipo e colgo l'occasione per porgervi i miei cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

alla sua età bene non avere inutili vergogna!

Per risolvere questo problema sessuale deve ora sentire in diretta un bravo ed esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa non frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 483XXX

Grazie mille per la vostra celere risposta dottor Beretta. Vi informo anche che ho letto con estremo interesse gli articoli che Lei mi ha proposto e li ho trovati molto interessanti. Però, io lo so che mi dovrò rivolgere ad un andrologo per il mio problema, però io vorrei sapere (a grandi linee) cosa potrebbe essere questo mio problema e, soprattutto, se c'è una soluzione. Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si può forse pensare ad un problema psicologico ma, da questa postazione, difficile dare delle indicazioni mirate e corretta.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com