Utente 467XXX
Salve,
Volevo esporvi il mio problema, sono un ragazzo di 34 anni e ho rapporti regolari con una persona da circa due mesi, ho da sempre avuto soprattutto all'inizio di una conoscenza un po di ansie da prestazione e ricorro spesso all'uso di viagra da 50mg ma spezzettandolo in due... Ora la mia domanda e' questa gli ultimi rapporti nonostante l'uso del viagra non sono andati bene perche dp il primo coito non sono riuscito piu ad avere erezioni soddisfacenti quando fino a qualche giorno fa con mezza di viagra da 50mg riuscivo ad avere anche tre rapporti molto intensi... Penso sia piu' una questione mentale perche il tutto è cominciato dp un colpo preso durante il rapporto che mi ha fatto tornare alla testa un vecchio trauma subito e da li mi sono decisamente bloccato.
E' possibile che nonostante l'uso del viagra ci siano situazioni di mancata erezione quando solo pochi giorni prima i risultati erano stati totalmente differenti?
Il mio andrologo mi ha consigliato per riuscire a superare la cosa di prendere la pillola da 50mg per intero e associare qualche integratore naturale per la precisione Deseo Up e prendere 5 gocce di lexotan la mattina e 5 la sera per gestire un po meglio l'ansia... Cosa pensate potrebbe essermi d'aiuto questa terapia?
E volevo chiedervi se l'uso prolungato di viagra puo creare assuefazione anche se ho letto proprio su questo sito che non ci sono queste conseguenze per l'uso di questi farmaci, tengo a sottolinerare che per uso prolungato intendo dire due mesi con una frequenza di una due volte a settiamana...
Naturalmente so benissimo che il ricorrere a farmaci proerettili non è la soluzione al mio problema ma solo un pagliativo infatti è mia intenzione cominciare un percorso psicologico per combattere e gestire meglio gli stati ansiosi anche se sono cmq un po scettico al riguardo
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve
vedo che completamente cosciente della situazione e preparato sull'argomento
chiaramente l'andrologo può dare consigli farmacologici sostituendo le molecole aumentando le posologia e abbinando cure integrative e ansiolitici
talvolta può essere utile il confronto con sessuologo clinico
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Grazie per la risposta, volevo sapere cmq se l'uso di ansiolitici possano alterare il meccanismo di erezione e se davvero questi farmaci non creano assuefazione? Infine se il problema psicologico anche senza il confronto immediato con un sessuolo secondo lei puo essere risolto. Ho un rapporto da pochi mesi con questa persona e ho paura che ulteriori defaiance possano farla allontanare da me

[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L’ansiolitico è un rimedio temporaneo che chiaramente nell’assunzione cronica può compromettere in parte il meccanismo dell’erezione
il confronto con il sessuologo clinico è sicuramente utilissimo
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.