Utente 496XXX
Buongiorno medici.
Vorrei cortesemente un vostro parere sugli esami ormonali effettuati da mio marito.
Per informazione, mio marito ha 29 anni, è in ottima salute, non fuma, non abusa di alcol, è normopeso, nessuna familiarità per malattie di alcun genere, no orecchioni da piccolo, nessuna assunzione di alcun farmaco, nessun trauma subito, nessuna operazione. Niente di niente.
Ha fatto due spermiogrammi, uno a metà aprile e uno a metà maggio da cui è stata evidenziata azoospermia. Nel dettaglio:
Spermiogramma n. 1
ASTINENZA - 3
VOLUME - 1. 00 (il campione non era completo)
COLORE - AVORIO
PH - 9.00
VISCOSITÀ - AUMENTATA
FORME AMORFE +++

Spermiogramma n. 2
ASTINENZA - 3
VOLUME - 1. 60
COLORE - GIALLO PAGL.
PH - 9.00
VISCOSITÀ - DIMINUITA
FORME AMORFE +++
LEUCOCITI

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

se FSH alto, come indicato dal titolo del suo post, si può pensare ad una azoospermia di tipo secretivo.

Detto questo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 496XXX

Grazie per la celere risposta Dottore.
Si, avevo già letto l'articolo indicato, ho letto molti post del forum, ci siamo fatti un'idea delle due forme di azoospermia.
Quello che vorrei è un parere su cosa potrebbe significare la concomitanza dei tre valori alterati (fsh, estradiolo e prolattina).. Se l'fsh può subire alterazioni a causa di altri ormoni.
Grazie ancora. Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No questa è una situazione endocrinologia non comune che richiede comunque ora una valutazione clinica diretta sempre con il vostro andrologo di fiducia.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com