Utente 499XXX
Buon giorno,

Circa 3 o 4 anni fa mi sono accorto nell'urinare un netto calo della pressione (da in piedi non supero di molto la punta delle scarpe), mi sono recato da un urologo che dopo una flussometria mi ha detto che i valori erano bassi ma comunque nella norma. Nessuna cura o diagnosi !
Ho insistito con ulteriori accertamenti da altro medico e mi è stato trovato dopo Cistouretrografia una scarsa apertura del collo vescicale con uretra regolare. Nel frattempo ho iniziato a soffrire di disfunzione erettile. Il medico mi ha prescritto prima il Cialis 5 mg; confessandomi che probabilmente si trattava di un problema psicologico e che il medicinale avrebbe aiutato in tale senso.
Nel frattempo il problema si è ulteriormente aggravato, quindi sono andato da un ulteriore medico che mi ha prescritto un Ecodoppler; il risultato è stato: Perfusione sanguinia ridotta del 30% su entrambi i lati; dopo iniezione di 10 ug di Caverject il pene non è rigido ma solo tumefatto.
Con i risultati dell'ecodoppler torno dal mio medico che mi prescrive il Rabestrom.
Sinceramente mi sento un po' sconsolato, mi vengono prescritti sempre farmaci contro la Disfunzione Erettile che non risolvono il problema, io sinceramente vorrei trovare le cause del problema e non avere un rimedio per di più spesso inefficace.
Per poter avere un quadro clinico completo e soprattutto una diagnosi del problema, quali sarebbero gli esami approfonditi da fare: esami del sangue, rx, rm, o altro ????
Ringrazio !!!

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se desidera avere un’idea di quali numerosi esami è possibile fare od avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 499XXX

Egregio Dottore,
Sono già stato dallo specialista, ed è per questo motivo che mi sento scoraggiato. Il mio medico è più interessato a curare la disfunzione erettile con i soliti medicinali (viagra, Levitra, Cialis) che indagare e trovare le cause della ridotta perfusione sanguigna. Se ho mal di testa, va bene prendere un analgesico per farlo passare, ma se tutti i giorni ho mal di testa, forse è il caso di trovare le cause dello stesso.
La mia domanda è e rimane: quali sono le cause più probabili di una ridotta perfusione sanguigna e quali dovrebbero essere gli esami standard da fare per escludere o confermare le cause più probabili ?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Impossibilitato a stilare un manuale in cui indicarle "quali sono le cause più probabili di una ridotta perfusione sanguigna e quali dovrebbero essere gli esami standard da fare..” la invito di nuovo a leggersi attentamente i link indicati; lì sicuramente, se letti con attenzione, potrà trovare molte risposte ai suoi quesiti clinici.

Detto questo le ripeto comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 499XXX

Ne prendo atto, è proprio da questo che nasce la mia frustrazione. Vado da due specialisti: il primo mi prescrive i soliti farmaci (Viagra, Cialis, Levitra) senza avermi fatto alcun esame; il secondo mi fa un eco doppler mi dice che c'è un problema e mi prescrive i soliti farmaci (quale siano le cause del problema non è probabilmente dato sapere) !
Andrò dal terzo andrologo, non si sa mai che sia la volta buona !
Non ne abbia a male, ma già prima di chiedere il Vs. parere avevo letto e straletto le pagine che mi ha consigliato!

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
All’età, da lei dichiarata, comunque generalmente una valutazione ematochimica completa, con dosaggi ormonali mirate, insieme alle indagini vascolari sono il primo passo per iniziare l’iter diagnostico, se tutto negativo a vuole utile anche una consulenza psicologica.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 499XXX

Ringrazio !