Utente 319XXX
Buongiorno gent.mi dottori,
chiedo gentilmente un vs consulto circa la possibilità di aumentare l'erezione e la rigidità del pene quando le cosce vengono addotte .. mi spiego meglio, a volte mi capita durante la masturbazione o in alcune posizioni dell'atto sessuale di stringere in adduzione le gambe quando sono disteso o seduto notando un forte e maggiore afflusso di sangue al pene. Tutto ciò rende maggiore rigidità e anche piacere, ma spesso mi chiedo se sia sicuro far giungere tale pressione al pene.. le vene e il glande aumentano le loro dimensioni notevolmente, e capita nelle ore successive l'atto di sentire lievi fastidi all'asta .. è il caso di abbandonare questa pratica? Non vorrei procurare stress alle vene o ai meccanismi erettili..


Vi ringrazio per il vs sempre pronto e professionale riscontro,

Saluti

[#1] dopo  
Dr. Patrizio Vicini

44% attività
8% attualità
16% socialità
ALBANO LAZIALE (RM)
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro lettore non si crea alcuno stress per i meccanismi erettivi.
Saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#2] dopo  
Utente 319XXX

Grazie del suo gentile riscontro,
La paura insita in questa pratica mi sovviene quando mi rendo conto come glande , asta e vene si espandino notevolmente. Cosa che non avviene se non serro le cosce per intenderci o non contraggo glutei/addominali.. era arrivato il momento di comprendere anche se molto spesso non ci si fa caso se l'aumento pressorio venoso intrapenieno dovuto a questa " manovra " fosse un qualcosa di dannoso per tutte le strutture del pene.. il carico pressorio maggiore in effetti lo avverto e temevo per l'integrità venosa/arteriosa, ma ciò che lei mi dice mi rassicura sulla benignità della cosa.

La ringrazio di cuore