Utente 492XXX
Buongiorno,
Ho 37 anni.
Da 3 anni soffro di prostatite cronica abatterica infiammatoria (almeno così sembra).
Spermiocultura e Tamponi Uretrali fatti diverse volte e sempre negativi.
Alcuni valori da ultimo spermiogramma (stiamo cercando di avere un bambino):
- PH 8,0 - VOLUME 3,1
- FLUIFIDICAZIONE COMPLETA
- VISCOSITA' NORMALE
- CONCENTRAZIONE /ML: 12
- CONCENTRAZIONE: 37
- MOTILITA' TOTALE: 25 (15+10)
- FORME TIPICHE: 18
- TEST VITALITA': 35
- LEUCOCITI: 15
- EMAZIE: 10
- AGGLUTINAZIONI: assenti
Ho cambiato anche 2 urologi perchè mi insistevano con gli antibiotici e avevo anche degli effetti collaterali e non ero convinto. La cosa strana è che ho più leucociti ed emazie del 2016, ma meno dolori e il flusso di urina è migliore. Ora mi faccio 2 domande:
1) Posso diventare padre con questi dati?
2) Se fosse proprio una forma cronica abatterica infiammatoria. come uscirne?

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PERUGIA (PG)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve
in alcuni casi la prostata si infiamma per una alimentazione sbagliata o come sequela di episodi colitici.Le prostatiti abatteriche sono spesso asintomatiche e vengono rivelate solo dalle analisi seminali. In generale curare una prostatite è piuttosto faticoso sia per il paziente che per il medico . Entrambi devono avere la pazienza di andare a cercare la causa e lavorarci sopra. Il numero di spermatozoi mobili non è , nel suo caso, elevato e questo riduce le probabilità di un concepimento anche perchè i leucociti producono molti radicali liberi capaci di alterare la stabilità della cellula spermatozoo.
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Grazie dottore,
2 domande ancora:
1) secondo lei se si passa l'infiammazione o se si attenua il mio sperma può tornale fertile e "normale"?
2) mia moglie vorrebbe iniziare a sentire per una fecondazione assistita e la sua ginecologa dice che lei non ha problemi (dagli esami fatti). con i miei risultati attuali sarebbe possibile con quella più "semplice" oppure si dovrebbe ricorrere alle tecniche più complesse?

Grazie