Utente 401XXX
Salve dottori vi scrivo per esporvi il mio problema.. . nel 2015 ho avuto una lesione midollare causata da una caduta al tempo avevo 31 anni. . . lesione della l1 d8 d12.. . quello che non sopporto e non riuscire a eiaculare come un tempo normalmente.. . per farlo devo masturbarmi da solo e a volte devo stare anche 20 minuti prima di eiaculare. . . vorrei chiedervi un parere perché a me questa situazione butta molto giù il morale e va sempre peggio. grazie

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

purtroppo una lesione neurologica midollare può scatenare queste problematiche sessuali attualmente purtroppo non risolvibili.

Se desidera altre informazioni si legga questo mio articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/216-sessualita-e-fertilita-nei-traumi-vertebro-midollari.html

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 401XXX

Ho appena letto il suo articolo parla di vibromassaggiatori ma su internet ho provato a cercarli ma mi da i classici sex toys volevo chiedere a lei uno adatto per provarlo..e un altra cosa...come mai riesco a eiaculare masturbandomi e facendolo no?grazie

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
la masturbazione in presenza di una lesione midollare rappresenta una stimolazione più intensa e mirata e quindi maggiori sono le probabilità di scatenare una eiaculazione riflessa.

Per i vibratori od altro bene sentire prima il suo neuro-urologo di fiducia; sarà lui a darle l’indicazione precisa da seguire.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com