Pene piccolo

Salve, sono un ragazzo di 26 anni e per colpa del mio pene ad oggi la mia vita è stata inesistente e da circa 6 mesi sono caduto in depressione.
Ho sviluppato tutto tranne barba (mi cresce pochissima e a chiazze) e pene (la cosa più importante).
Sono alto 1, 85 x circa 85 kg di peso.
Fino a 6 mesi fa sapevo del mio problema ma l'ho tenuto nascosto a me stesso pensando solo al lavoro.
Ora però sono stufo di non poter avere una vita normale come tutti gli altri maschi e non vedo un futuro.
Ovviamente per colpa del pene sono vergine e ho perso pure le amicizie perche ho rifiutato diverse partite di calcio per via delle docce e ho iniziato a provare invidia degli altri perché diverso da loro e non posso permettermi una ragazza e di fare le cose che fanno i maschi con spensieratezza come palestra, calcio (per via delle docce) e il sesso.
Mi sento inferiore a chiunque perché so che sono 1 su 1000 come me... Verrei deriso da amici e ragazze! Il mio pene a riposo è piccolissimo come quello di un bambino (a riposo 4-5 cm di lunghezza e di circonferenza molto ridotta simile a quello di un bambino appunto) mentre in erezione arriva max a 12-13 cm di lunghezza ma la circonferenza è ridotta pure qui (max 11, 5 cm alla base) quindi molto sottile.
So che ormai a 26 anni non ci sono cure ormonali perché funzionano solo prima della pubertà.
È vero questo in ogni caso?
Se mi venisse diagnosticato un ipogonadismo o cmq una patologia precisa non si può fare niente cmq con i farmaci?
Ho letto di un uomo adulto affetto da ipogonadismo che è riuscito quasi a raddoppiare le dimensioni del suo pene grazie a delle iniezioni di testosterone.
Ora sicuramente mi recherò da un andrologo per farmi visitare di persona, ma quello che voglio sapere è se c'è una minima speranza che possa risolvere anche di poco la situazione se mi venisse diagnosticata una patologia anche se in ritardo.
[#1]
Dr. Pierluigi Izzo Andrologo, Sessuologo 28,8k 637 1
Caro Utente,come ha già abbondantemente verificato,il desiderio di possedere un pene di dimensioni superiori alle proprie,è diffuso nella quasi totalità dei maschi,anche in coloro che praticano regolarmente sport,che hanno una, malcelata , sindrome da spogliatoio etc. e che,paradossalmente,non hanno mai incontrato una donna che gli facesse presente il disagio...
Quindi,il ricorso alla professionalità di un esperto andrologo diventa ineludibile al fine di allontanare i fantasmi e tornare alla oggettività.Si allontani dal web e,principalmente,non si auguri di essere portatore di malattie genitali la cui terapia non porterebbe ad un aumento del volume penieno,alla sua età.Cordialità.

Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Quindi mi sta dicendo che dovrò rassegnarmi a tenere un pene da bambino che è più piccolo della quasi totalità dei maschi, avendo avuto modo di riscontrarlo dal vivo.
E quindi la notizia del 34 enne che grazie a delle iniezioni di testosterone per 9 mesi è riuscito ad aumentare le dimensioni del suo pene perché affetto da ipogonadismo è falsa? Quindi se mi venisse diagnosticato qualcosa non avrei proprio alcuna possibilità di migliorare le dimensioni anche di poco? Quindi io sarei nato sfortunato e sono destinato a una vita anormale senza conoscere l'amore e potermi divertire come fanno tutti gli altri maschi?
[#3]
Dr. Pierluigi Izzo Andrologo, Sessuologo 28,8k 637 1
...lasci che sia uno specialista a valutare,a seguito di una diagnosi.Nel frattempo si allontani dal eeb.Cordialita'

Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio