Utente 452XXX
Buonasera, sono un ragazzo di 34 anni e da qualche mese soffro di sporadici episodi di fastidiosissime extrasistole. Accuso i classici sintomi di "tuffo al cuore" molto fastidiosi ma di certo non vanno d'accordo con i miei attacchi di ansia di cui soffro da un paio di anni i quali rendono le mie giornate buie e piene di preoccupazioni. Purtroppo ad aumentare la mia ansia è l'improvviso mancanza di energie dovute proprio in seguito ad un episodio di extrasistole e ciò non fa altro che alimentare la mia ansia sfociando (raramente) in veri e propri attacchi di panico. Sembra che il cuore possa fermarsi all'improvviso e ciò rende le mie giornate un vero incubo. Vorrei farLe presente che soffro anche sporadicamente di acidità e di reflusso gastro-esofageo e credo che anche questo influisca sui suddetti episodi di extrasistole. Ora vorrei chiederle se questi episodi di improvvisa mancanza di forze è un sintomo normale delle extrasistole e se il reflusso possa in qualche modo incidere sulle stesse. Per info fumo la sigaretta elettronica con una quantità minima di nicotina e, purtroppo, per motivi di lavoro, sono impossibilitato a frequentare una palestra o a svolgere regolare attività fisica come facevo da oltre 6 anni a questa parte. C'è qualche consiglio che possa darmi per migliorare la mia situazione? Grazie e buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L 'unico consiglio e' di affrontare i suoi disturbi di ansia con uno specialista del settore.
Tutti i cuori hanno extrasistoli, ma se queste scatenano l'ansia occorre trattare quest'ultima

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza