Utente 498XXX
Buon pomeriggio a tutto lo staff di Medicitalia, provo a spiegare il problema che mi attanaglia e mi sta facendo vivere male in questi ultimi mesi. Premetto che sono sempre stata una persona ansiosa sin fa bambina, ma fino al 2013 non avevo mai avuto episodi di somatizzazione dall'ansia. All'età di 33 anni in seguito a sbalzi professori improvvisi e tachicardia andai da un cardiologo e mi fu diagnosticata una sindrome ipercinetica del cuore, il mio cuore è sano, e dal 2013 ho assunto su richiesta del cardiologo 2 compresse di inderal da 40mg, mattina e sera. In questi 5 anni tutto è andato bene in quanto non ho più avuto problemi legati a tachicardia o pressione alta. Quest'anno, ad aprile 2018 ecco riaffacciarsi nuovamente gli stessi sintomi, tachicardia, pressione alta saltuariamente, ho eseguito analisi del sangue, tutto nella norma, compreso tiroide anche tutto nella norma. Io sono portatrice sana di anemia mediterranea se questo può o meno influire sul mio quadro clinico. Mi sono nuovamente recata da un cardiologo, diverso da quello di 5anni fa, e mi è stata diagnosticata stessa cosa, cuore sano, crisi ipertensive su base ansiosa, mi è stata cambiata la cura, 50mg tenormin la mattina e 50mg la sera. Solo che questa cura non riesce nel mio caso a coprire le 24 ore in quanto prendendo 50mg di tenormin alle 7 del mattino, mi ritrovo alle 4 del pomeriggio ad avere pressione alta e tachicardia, nausea, tremori e mal di testa. Ho richiamato il cardiologo e ho optato nuovamente x inderal ma la dose non mi è stata aumentata, prendo sempre 40 mattina e 40 sera e pur trovandomi meglio con inderal, ci sono giorni in cui ho pressione alta e sintomi ad essa connessi. Detto questo sto attraversando un periodo bruttissimo xché non so più a chi rivolgermi e cosa fare. Spero di ricevere al più presto una vostra per me preziosa risposta e indirizzarmi affinché possa risolvere questo problema che mi rende difficile vivere le mie giornate. Vorrei sapere se è possibile aumentare le dosi di infernale ovviamente sempre parlando con il cardiologo e cos'altro posso fare x risolvere al più presto questo mio problema! Vi ringrazio di cuore, a presto!

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dato che lei risponde bene all INDERAL Forze sarebbe intelligente assumerne 20 mg ogni 6-8 ore.


la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 498XXX

Buongiorno Dottor Cecchini,
La ringrazio di cuore per la sua risposta,
martedì ne parlerò con il mio cardiologo è mi auguro di trovare finalmente la cura definitiva a questo mio problema, anche se si tratta più della cura dei sintomi e non dell'origine del problema stesso. Le auguro una splendida giornata!

[#3] dopo  
Utente 498XXX

Buongiorno Dottor Cecchini mi permetto di disturbarla nuovamente. Ieri pomeriggio ho effettuato nuovamente visita cardiologica, ecocardiogramma in cui si evince cuore sano, elettrocardiogramma in cui c'era scritto invece "deviazione assiale sinistra" cosa vuol dire? È qualcosa di cui preoccuparsi? Poi volevo chiederle anche un'altra cosa. Precedentemente le spiegavo che alterno giorni in cui mi ritrovo con una pressione 100 con 60, io sono in cura con INDERAL, e giorni in cui la pressione rimane costante sui 140 con 90 e non scende nonostante l'Inderal. Poi invece ci sono volte in cui come ieri, dopo aver avuto per due giorni di fila pressione 140 con 90 che non scendeva, ieri sera dopo aver assunto la mia solita compressa di inderal, mi ritrovo la pressione 99 con 50. Non è un po' troppo bassa, questo 50 poi? Io inizio seriamente a preoccuparmi, il cardiologo durante la visita non ha ritenuto opportuno holter 24 ore, cosa che invece mi fu applicata 5 anni fa nel 2013. Inoltre mi ha prescritto una nuova cura, continuare sempre con inderal, 40mg la mattina e 40mg la sera e dopo pranzo invece una compressa di olpress da 10mg. Caro Dottor Cecchini, la prego sia così gentile di rispondere alle mie domande ed eventualmente aiutarmi a risolvere i miei dubbi e sciogliere le mie preoccupazioni. Anche se il mio cuore è sano io continuo a non essere soddisfatta delle visite cardiologiche, mi sembra sempre come se manchi un pezzo. 5 anni fa mi era stato detto di avere un cuore ipercinetico, adesso invece il cardiologo mi ha semplicemente detto che i miei valori pressori alti non dipendono dal cuore ma da altro, altro che non ha un nome! Ma qual è la causa? Come faccio a trovare la causa originaria? E poi, secondo lei la cura che mi è stata assegnata va bene? In attesa di una gentile risposta, la saluto cordialmente!

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Innanzitutto i suoi valori non destano preoccupazione, anche se l'olmesartan (Olpress) non sia , fra tutti i sartani, il migliore, a mio avviso.

Nella stragrande maggioranza dei casi non sappiamo da cosa derivi la ipertensione, anche se sappiamo come curarla bene.

Abitaulamente in casi come questi io impiego prodotti che contengano sia il beta bloccante che un ACE inibitore nella stessa cpr, da assumere una sola volta al mattino , e che siono molto efficaci.

Ma fondamentalmente si tranquyillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 498XXX

Grazie infinite dottor Cecchini, il mio medico di base mi aveva invece suggerito precedentemente Ramipril 5mg sempre dopo pranzo al posto di Olpress. Io sinceramente non so più a che Santo votarmi. Lei mi parla di una sola compressa che contiene sia betabloccante che anti ipertensivo, ma io non conoscendo il nome del farmaco, posso semplicemente parlarne con il cardiologo! E poi volev chiederle se è normale il fatto che durante questi episodi di pressione alta, io ho nausea, senso di svenimento ma senza svenire, e mal di testa fortissimo, senso di stordimento come se la testa galleggiasse. Questo accade ogni qualvolta mi si alza la pressione. I sintomi sono da imputare alla pressione alta, perché il cardiologo mi ha detto che potrebbe trattarsi di altro è di fare una visita dall'otorino. Lei che ne pensa? Grazie ancora e mi scusi se approfitto ancora della sua disponibilità!

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I valori di pressione che lei riporta non sono tali da crearle quei sintomi.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio Dottor Cecchini,
le auguro una splendida giornata!

[#8] dopo  
Utente 498XXX

Mi scusi Dottor Cecchini mi permetto di dsturbarla nuovamente! L'associazione di INDERAL( mattina e sera) e RAMIPRIL (dopo pranzo) rispetto ad INDERAL e OLPRESS come le pare? Perché il mio medico di base opta per il primo, il cardiologo per il secondo! E noi pazienti siamo cavie praticamente in mezzo a tutto questo! Mi aiuti, la prego!

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le ho gia' detto la mia opinione.
Per una migliore copertura nelle 24 ore io impiego perindopril + bisoprololo).
Ne parli con il suo cardiologo, perche' ovviamente io non ho la presunzione di prescriverle dei farmaci, cosa peraltro non consentita dal sito, oltre che dal buon senso

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio di cuore!

[#11] dopo  
Utente 498XXX

Dottor Cecchini buongiorno, la disturbo nuovamente in quanto le mie preoccupazioni continuano. Nonostante io abbia già girato due differenti cardiologi che hanno rilevato da ecocardiogramma un cuore sano, continuo ad avere pressione alta. Ieri sera intorno alle 19 la testa ha iniziato a girarmi fortissimo, avevo senso di nausea e sbandamento e la pressione era 180 con 90 e battiti 62. I battiti sarà perché assumo inderal si mantengono bassi nonostante salga la pressione. Ho chiamato il mio medico di base e mi ha detto di prendere una pillola di lasix. Nel giro di due ore e mezza ha iniziato a scendere ma non sotto i 140. Stamattina mi sono svegliata nuovamente con capogiro e forte dolore alla nuca e la pressione era 150 con 90. Mi creda io non so più cosa fare, è già passato un mese, ho fatto due visite cardiologiche, esami del sangue che però risalgono a prima che mi sentissi così male, le ho fatte ad aprile. A questo punto lei cosa mi consiglia? Rifaccio nuovamente emocromo? E se risultasse tutto nuovamente nella norma, quali altri esami posso effettuare al fine di capire la causa di questi sbalzi pressori? Io ho paura, non so più dove sbattere la testa. Non posso svolgere le mie attività quotidiane perché la pressione schizza improvvisamente a quei valori. Secondo lei da cosa può dipendere tutto ciò? Attendo con ansia una sua risposta, grazie, a presto!

[#12] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Come le ho gia' detto l' Inderal ha poco effetto sui valori pressori.
Quindi lei dovrebbe cambiare terapia..
Inoltre il LAsix non e' indicato nella ipertensione, per motivi un po' complessi da spiegare qui

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente 498XXX

Ma se i cardiologi si ostinano a darmi terapie che su di me non hanno effetto, io cosa posso fare a riguardo? A chi mi devo rivolgere? È il caso di fare un holter 24h? E quando la pressione sale come ieri sera arrivando a 180, se non prendo il lasix, cosa devo prendere x farla scendere? Anche al pronto soccorso in casi del genere fanno puntura di lasix. Lei cosa ne pensa della mia situazione? Grazie Dottor Cecchini!

[#14] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Come le ho detto va modificata la terapia: con un ACE inibitore, un beta bloccante diverso dall'inderale e forse un pisccolo dosaggio di idroclorotiazide (diuretico anch'esso ma indicato nel trattamento della ipertensione).

Ci vuole solo la paziente da parte dei suoi cardiologi di ritagliarle una terapia su misura .
In 36 anni che faccio questo mestiere non ho mai trovato una ipertensione che non possa essere controllata.
Arrievderci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#15] dopo  
Utente 498XXX

Un beta bloccante diverso da Inderal potrebbe essere Tenormin, avrebbe più effetto nel mio caso? Come Ace inibitore al momento sto assumendo dopo pranzo 5mg di Ramipril. Ritiene che sia un basso dosaggio?

[#16] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il ramipril e' un buon farmaco ma non copre le 24 ore e va assunto due volte al giorno. Ci sono ACE inibitori a piu' lunga emivita come il perindopril e lisinopril che possono essere assunti una sola volta al giorno.
L'atenololo (tenormin) e' un buon beta bloccante per l'ipertensione ma anch'esso deve essere assunto due volte al giorno.
Un piccolo dosaggio di idroclorotiazide in aggiunta dovrebbe permetterle un ottimo controllo della ipertensione.
Ma, come le le ripeto, il mix di farmaci va eseguito da un cardiologo.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#17] dopo  
Utente 498XXX

E il perindropil e il lisinopril andrebbero bene sempre dopo pranzo e invece mattina e sera le mie solite compresse di inderal?

[#18] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
no guardi, gentile utente, forse non sono stato chiaro.
L' inderal non ha una indicazione precisa nella ipertensione
Inoltre gli ace inibitori vanno assunti al oprimo risveglio mattutino, addirittura quando magari ci si alzasse la notte per andare in bagno, proprio per la farmacocinetica di tale molecole

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#19] dopo  
Utente 498XXX

Mi scusi Dottor Cecchini, le posso scrivere privatamente? Come posso contattarla? Grazie infinite!

[#20] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
certo la mia mail e':
cecchinicuore@gmail.com
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza