Utente 503XXX
Buongiorno dottori, volevo esporvi una mia perplessità.
Io ho una cardiopatia congenita, un difetto interventricolare, molto piccolo, per anni sono stato seguito dal dott. Marcelletti, ormai defunto,e ogni anno eseguo dei controlli come ecocardiografia, ecocolordoppler ed elettrocardiogramma.
Piccola parentesi: una volta ho fatto dell attività aerobica a casa, ad alta intensita, e a un certo punto il cuore ha iniziato a battere all impazzata con un ritmo strano, veloce ma come la sensazione di avere anche un extrasistole, poi mi sono sdraiato con le gambe in aria e mi sono calmato ed è passato, solo che mi sono molto spaventato e da allora ho paura a svolgere attività fisica intensa. Sono anche un soggetto ansioso e ho sofferto di attacchi di panico.
Di recente, causa cefalea oftalmica(con aura), ho fatto degli esami, tra cui un doppler tsa negativo, una tac encefalo negativa(senza mdc), e un doppler transcranico con mdc, che ha rivelato un passaggio di microbolle e da questo mi è stato diagnostico anche un pfo. Una cardiologa però mi disse che avendo un div, il transcranico poteva essere falsato e risultare positivo,essendoci appunto gia un apertura nel cuore. Mi hanno richiesto anche una Angio RMN con mdc, io però essendo claustrofobico avevo intenzione di farla aperta. Ora le mie domande che vorrei esporvi sono queste:

1) E' vero che il transcranico può essere falsato per la gia presenza di un div?
2) Una RMN aperta,avendo un campo magnetico inferiore, può comunque andare bene per identificare sospetti episodi ischemici?
3) Nel caso di contomitanza di entrambi i difetti, div e pfo, è raccomandata la chiusura di entrambi i difetti?
4) Ci sono restrizioni particolari a cui devo prestare attenzione? come non poter prendere l aereo o elevata attività fisica?
5) Quell'episodio di battiti elevati e irregolari dovuto all intensa attività fisica, poteva essere qualcosa di grave come una fibrillazione atriale?

Perdonatemi per la lunga esposizione, ma volevo dare un quadro abbastanza completo e chiaro.

Vi ringrazio anticipatamente

Saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La cosa più intelligente è eseguire un ecocolordoppler transesofageo per valutare con accuratezza il suo problema è porre indicazione o
Meno all intervento di chiusura
Nel frattempo aspirina a piccole dosi ogni giorno

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Gentile dottore, grazie per la sua risposta.
Volevo aggiugere che all'età di circa 5-6 anni mi è stato fatto un cateterismo cardiaco, sempre da marcelletti e cipriani, ma è possibile che da li non sia stato rilevato l eventuale pfo? e per quanto riguarda la risonanza, va bene lo stesso se la faccio aperta?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
In effetti è strano che non fosse stata riscontrato in quella,occasione il PFO
La RM aperta ha meno specificitandimquella tradizionale .
Ma lei deve 3seguire un eco tranesifageo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 503XXX

Quindi potrebbe essere vero il discorso del falso positivo considerando che ho un difetto interventricolare? L angioRM me l hanno prescritta per vedere se ci sono state ischemie dato che ho avuto alcuni episodi di cefalea con aura. Lei crede che la risonanza non sia necessaria? Per il transesofageo,abitando in sicilia, mi hanno consigliato il bambin Gesu di taormina, col dott michele saitta. Un altra cosa che volevo aggingere è che dai vari controlli con l ecodoppler la pressione polmonare(paps) si aggira attorno ai 35mmhg. Lei consiglia anche un altro cateterismo cardiaco eventualmente? o questa pressione rientra nei limiti avendo un div di piccole dimensioni?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Ascolti le ho consigliato un teansesofageo , se vuole lo,faccia.
Cosi ha una diagnosi precisa.
Non posso certo dirle io da qui se lei abbia o meno un PFO

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza