Utente 377XXX
Buongiorno,
Sono 59enne e soffro da anni di exstrasistolie ventricolari, negli anni scorsi di sovente l’Holter ne riportava 7/8000 fino a 18.00, da qualche anno grazie alla cura con Propaferone cloridrato ho riportato negli ultimi 2 Holter 67 BEV (2015) 1500 BEV (2016) - Cicloergometro sotto sforzo al momento sempre negativi e senza aritmie, fino allo scorso anno ecocardiogramma senza nulla di rilevante a parte ectasia aorta ascendente.
In occasione di ultimo ecocardiogramma di routine il cardiologo ha riscontrato delle trabecolature apicali in entrambi i ventricoli.
Ha disposto CINE RM appena ritirata con esito che riporto di seguito.
Ventricolo sx con normali volumi, spessori, cinesi e Trabecolatura di tutto l’Apice con rapporto tra trabecole e miocardio compatto superiore a 2.3 a livello del solo segmento antero laterale.
Funzione sistolica lievemente ridotta
Bulbo aortico lievemente ectasico
Aorta ascendente lievemente ectasica
Valvola aortica tricuspide con minimo rigurgido
Valvola mitrale senza vizi di rilievo
Atrio sinistro normale (area 19 cmq)
Atrio destro dilatato (area 25 cmq)
Valvola tricuspide senza vizi
Ventricolo DX con normali volumi, morfologia, trabecola tura e funzione contrattile.
Nelle acquisizioni black-blood, con e senza saturazione di grasso, non si apprezza infiltrazione tissutale con caratteristiche di segnale adiposo.
Delayed Enhancement
Nelle sequenze T1 GRE, aquisite dopo somministrazione e.v. di MdC, si apprezza fibrosi miocardica all’inserzionedel ventricolo destro sul sinistro, posteriormente.
Conclusioni:
Ventricolo SX con normali dimensioni, sfumata ipocinesia e marcata trabecola tura apicale significativa per miocardio non compatto su un solo segmento, Funzione contrattile lievemente ridotta.
Ventricolo DX segna chiari segni di infiltrazione adiposa
Presenza di modesto enhacment post-contrasto indicativo di fibrosi, con significato aspecifico.
Mi scuso per la lunghezza dell’intervento ma credo che inviare un referto incompleto non aiuti chi vuole dare un’interpretazione dei risultati già viziati da refertazione a distanza.
Poiché il mio medico non si è espresso e a rimandato alla visita con il cardiologo prevista per la fine di ottobre Vi sarei grati se voleste aiutarmi nel frattempo ad inquadrare meglio una situazione che sinceramente non mi tranquillizza affatto.
Grazie molte a chi vorrà dedicarmi una parte del proprio tempo

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare che non abbia di che preoccuparsi.
Le aree di fibrosi verosimilmente sono da attribuirsi ad una miocardite non diagnosticata nei tempi passati.
Per cio che riguarda la piccola zona di miocardio descritto come non compatto anche li non vedo motivo alcuno di preoccupazione


Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 377XXX

Grazie Dr. Cecchini per la sua velocissima risposta,... non le nascondo che mi sento più tranquillo anche se sono consapevole del limite dovuto dalla consulenza a distanza.
In ogni caso la ringrazio molto se non altro perchè mi permetterà di arrivare all'appuntamento con il cardiologo più serenamente.
Grazie ancora!